Sei in: Home > News > Burocrazia > La Motorizzazione bacchetta i centri di revisione

ChilometriLa Motorizzazione bacchetta i centri di revisione

 

"Da riscontri effettuati sugli esiti di alcune revisioni il dato di che trattasi (i chilometri indicati dal contachilometri del veicolo, ndr) è stato valorizzato pari a "0", in palese contrasto con le previsioni sopradette (la Circolare n° 29832 del 2 aprile 2010 e il Testo Unico MCTC Net 2, ndr), nonché con quanto previsto esplicitamente dalle direttive comunitarie, attuali e di prossimo recepimento”. Con una nuova circolare, la n° 10160, La Motorizzazione civile bacchetta i troppi centri revisione che eludono l’obbligo, previsto fin dal 2010, di inserire nel sistema informatico ministeriale la percorrenza rilevata dall’ispettore preposto al controllo (leggi qui tutto ciò che serve sapere prima di sottoporre l'auto la revisione).

Fanno gli indiani. Il fatto è che nonostante tale obbligo, ribadito anche nel 2015 con l’entrata in vigore del nuovo protocollo tecnico denominato MCTC Net 2, molti centri autorizzati continuano a far finta di nulla, inserendo “0” nel campo “Km” del sistema informatico, valore che, come ricorda la stessa circolare, va inserito solo se il veicolo è privo di contachilometri, per esempio i vecchi ciclomotori. L’indicazione dei chilometri, sottolinea il Mit, “fornisce all'ispettore che esegue la revisione un ulteriore elemento di valutazione relativamente allo stato d'uso del veicolo, che potrà essere confrontato con quelli rilevati nell'ambito delle successive revisioni”. Non solo. “L'acquisizione del dato chilometrico assume altresì elemento di garanzia del reale stato di utilizzazione del veicolo nella eventualità che questo sia oggetto di vendita, costituendo un ulteriore elemento di contrasto alle frodi”.

Occorrono sanzioni. Tutto ciò premesso, ci permettiamo di dare due suggerimenti, uno alla Motorizzazione civile, l’altro agli automobilisti. Alla prima chiediamo di sanzionare i centri revisioni che non rispettano la norma. Il centro elaborazione dati di Roma può sapere in tempo reale chi bara e intervenire a gamba tesa. Gli automobilisti che dopo aver sottoposto la propria auto a revisione scoprono di avere una percorrenza pari a “0”, invece, hanno il diritto di chiedere al centro che ha “sbagliato”, di inserire il dato corretto (evidentemente effettuando una nuova revisione senza oneri a carico del proprietario dell’auto). E, in caso di rifiuto, segnalarlo mediante esposto da inviare a: Direzione generale della Motorizzazione civile – Div. 4 - Controlli periodici parco circolante - Via Giuseppe Caraci, 36 - 00157 Roma.