• player icon Tesla: l'autopilot evita un incidente
    News
    Tesla: l'autopilot evita un incidente
  • player icon Mini ALL4: l'abbiamo guidata in Finlandia
    Première
    Mini ALL4: l'abbiamo guidata in Finlandia
  • player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione

Apple CarPossibile il debutto nel 2019

 

Una schermata di Apple CarPlay, il protocollo di mirroring di Cupertino

Di segreto, ormai, non c'è più niente: mentre la Apple continua a smentire un suo impegno diretto nel mondo dell'automobile, le notizie sul progetto e sulla strategia con cui il brand californiano farà il suo ingresso nella nuova era della mobilità sono sempre più numerose e circostanziate, come abbiamo evidenziato anche nello speciale Next pubblicato sul numero di settembre di Quattroruote.

Progetto pronto in quattro anni. L'ultima notizia in ordine di tempo è quella diffusa dal Wall Street Journal: il "Project Titan", che presto potrebbe essere seguito da 1.800 addetti contro i 600 attuali, ha ricevuto l'ok definitivo, e il prodotto finale potrebbe debuttare già nel 2019. La decisione di portare sul mercato la vettura elettrica della Mela sarebbe maturata dopo oltre un anno di analisi di mercato e di studi, mentre non ci sono ulteriori conferme circa il coinvolgimento di BMW per la fornitura di alcuni componenti derivati dall'i3. Di fatto, non è ancora chiaro se Apple sarà un Costruttore a tutto tondo, o se stringerà una joint venture per fornire il proprio know-how tecnologico.

La svolta della guida autonoma. La data scelta per il debutto non sembra casuale: il 2020 è ormai universalmente riconosciuto come l'inizio dell'era della guida autonoma, grazie all'introduzione di modelli capaci di offrire queste funzionalità evolute. Si tratta di un passaggio epocale per l'automobile e, probabilmente, dell'inizio di una nuova era per la mobilità, con ripercussioni potenzialmente enormi per l'intero settore.

La forza del brand nel cuore dell'automotive. Secondo la fonte citata, la Apple Car non sarà in ogni caso una vettura totalmente autonoma come quella di Google. Quel che è certo è che al servizio degli utenti ci sarà tutta la tecnologia di ultima generazione: l'esperienza di successo nell'elettronica di consumo, del resto, è troppo pesante per fare altrimenti, e sarà necessaria per affermarsi in un settore oggi dominato oggi da veri e propri giganti dell'industria.

Lorenzo Corsani