“Se non ci fosse bisognerebbe inventarla”, recitava, negli anni 90, il noto slogan della Fiat Panda. Giunta alla terza generazione, è oggi una quarantenne di successo che, nonostante la crisi di vendite che ha colpito il segmento delle citycar, può fregiarsi di titoli importanti come quello di modello più venduto in Italia per otto anni consecutivi e di leader nel segmento A in Europa dal 2003 a oggi. E, anche nel 2021, è sempre lei l’auto con cui ci puoi fare tutto. Le sue misure (3,69 metri di lunghezza) la rendono pratica in città, perché si parcheggia facilmente. Se non bastasse, consuma e costa poco. Insomma, i temi che stavano alla base del suo progetto nel 1980 sono attualissimi ancora oggi.

Fiat Panda 1.0 FireFly Hybrid City Life

Mild Hybrid
  • PREZZO (LISTINO) 14.850
  • MOTORE L3 benzina - 999 cm3
  • POTENZA 51 kW - 70 CV
  • CONSUMI Omologato 18,9 km/l
    Rilevato 17,3 km/l
    Costo 8,90 €/100 km
  • EMISSIONI CO2 Omologato 118 g/km
    Rilevato 137 g/km

Arriva l’ibrido. Da poco è stata aggiornata in alcuni dettegli estetici e di contenuto. Ma, cosa più importante, è entrato in gamma il nuovo 1.0 tre cilindri aspirato, che ha mandato in pensione mitico 1.2 Fire dopo 36 anni di onorato servizio. Un motore mild hybrid che, dati alla mano, consuma meno del suo glorioso predecessore. La tecnologia microibrida della Fiat utilizza un'unità elettrica azionata a cinghia per recuperare energia durante le decelerazioni, ricaricando la batteria agli ioni di litio da 11 Ah del sistema ibrido. Con i suoi 4,9 CV (3,6 kW), viene impiegata per supportare il funzionamento del propulsore termico nelle accelerazioni, oltre che per riavviarlo quando è attiva la funzione Start&Stop.

Fiat Panda 1.0 Hybrid City Life: la nostra videopagella

Video

alternative text

Le prestazioni. La ricetta cucinata dalla Fiat funziona. Oltre alle sensazioni, a parlare sono i numeri: il nuovo motore di un litro è riuscito a ridurre in modo sensibile i consumi. In tutte le condizioni d'utilizzo, dalla città all'autostrada. Diamo uno sguardo ai numeri: il tre cilindri percorre in città poco più di 16 km con un litro di benzina, contro i 14,4 del vecchio propulsore, con una media da noi rilevata di quasi 17 km/litro contro i 15,7 dell'1.2. Per contro, il nuovo 1.0 mild hybrid soffre un po’ in ripresa e, ancora una volta, torna utile il confronto con il precedente quattro cilindri Fire. Il 70-110 km/h in ultima marcia racconta di un peggioramento significativo di circa otto secondi per il nuovo ibrido. La causa è da imputarsi alla presenza della sesta marcia, assente sul Fire, che allunga i tempi, passando da 22 secondi a 30,7. Se si ha fretta, è molto meglio scalare. Nei viaggi in autostrada, però, il rapporto più lungo aiuta a tenere basso il regime di rotazione del motore. A fare compagnia all'interno dell'abitacolo ci sarà solamente qualche fisiologico fruscio proveniente dalla zona degli specchi retrovisori, mentre il rumore di rotolamento dei pneumatici viene discretamente filtrato dagli archi passaruota.

Piccola, grande Panda. Gli anni passano, ma la Panda riesce a offrire un bel mix fra le necessità del design e quelle delle funzionalità. Tutto è a portata di mano, tutto è studiato per essere pratico. La leva del cambio, per esempio, è alta e vicina al volante. Nel traffico ci si stanca meno. Con il tasto City, poi, che alleggerisce il carico volante fino a 40 km/h, le manovre di parcheggio diventano facilissime. La posizione di guida è alta, turistica e si adatta facilmente a tutte le corporature, malgrado il volante si muova solamente in altezza. Per sistemarsi al meglio occorrono piccoli aggiustamenti dello schienale con la non praticissima regolazione a scatti. L’abitacolo è su misura per quattro, ma all’occorrenza ci si può stare anche in cinque: il quinto posto è un optional da 300 euro e fa parte del pacchetto Flex Light. Alla voce bagagliaio, i nostri rilevamenti hanno misurato 218 litri, assolutamente nella media del segmento. Però, bastano appena alle esigenze minime di due persone. Meglio puntare, quindi, su borse morbide per ottimizzare il carico. Per trasportare di più bisogna reclinare gli schienali, ma rimane uno scalino. Per i piccoli oggetti, infine, c’è un pratico doppiofondo.

Infotainment ok, sicurezza da rivedere. Per la prima volta sulla Panda arriva un sistema multimediale con schermo da sette pollici touch. Porta con sé il vivavoce Bluetooth, ma soprattutto la connettività con Apple Car Play e Android Auto: sempre una gran comodità, anche se solo via cavo. Alla voce sicurezza, invece, l'utilitaria italiana accusa una progettazione un po’ datata. Ci sono rivali che offrono ben più di quanto faccia la piccola Fiat. L’unica concessione, oltre alle dotazioni standard, è la frenata automatica d’emergenza, ma è un optional da 450 euro venduto assieme agli airbag laterali anteriori.


Dotazioni e Accessori

Prezzi in euro
  • Prezzo di listino
    16.100
  • Prezzo della vettura provata
    18.190
  • Airbag anteriori, laterali e a tendina
    di serie
  • Airbag ginocchia guidatore
    -
  • Assistenza alle partenze in salita
    di serie
  • Attacchi Isofix
    di serie
  • Autoradio digitale (DAB)
    di serie
  • Barre al tetto
    di serie
  • Cerchi di lamiera da 15"
    di serie
  • Cerchi di lega da 16"
    -
  • Climatizzazione manuale
    -
  • Climatizzatore automatico monozona
    di serie
  • Fari allo xeno
    -
  • Fari fendinebbia
    di serie
  • Frenata automatica d'emergenza
    260
  • Impianto hi-fi (Beats)
    -
  • Impianto multimediale Uconnect
    -
  • Kit confort
    1101
  • Navigatore satellitare
    -
  • Pacchetto Flex light
    3002
  • Pacchetto Style
    -
  • Pacchetto Winter
    3003
  • Pomello cambio rivestito in pelle
    di serie
  • Regolatore/limitatore di velocità
    -
  • Retrovisore interno elettrocromatico
    -
  • Retrovisori regolabili elettricamente
    di serie
  • Ruotino di scorta
    165
  • Sedili di tessuto Seaqual
    di serie
  • Sedile guida regolabile in altezza
    di serie
  • Sensori di parcheggio posteriori
    350
  • Tetto panoramico fisso
    -
  • Tetto panoramico apribile elettr.
    -
  • Vernice metallizzata
    600
  • Vetri posteriori scuri
    170
  • Volante regolabile in altezza
    di serie

In rosso: presente sulla vettura provata.
Note: 1) include maniglie di appiglio posteriori, portaocchiali e cinture regolabili in altezza; 2) include sedile posteriore sdoppiato, omologazione cinque posti, accendisigari e tappetini; 3) include sedili anteriori riscaldati e parabrezza termico.


Abitabilità e visibilità

Misure in centimetri, angoli in gradi
  • Totale angoli bui
    118° (33%)
  • Visibilità posteriore
    (ostacolo alto 70 cm)
    3,8 m
  • Visibilità montante anteriore sinistro
  • Uomo
  • Bambino
  • Bicicletta
  • Giudizio complessivo

Vano di carico

  • Capacità complessiva
    218 litri
  • di cui sotto il pavimento
    -
  • Altezza soglia di carico
    71 cm

Prestazioni

  • Velocità
  • Massima
    153,2 km/h
  • Regimi
  • A velocità massima in V
    5.300 giri/min
  • A 130 km/h in VI
    3.600 giri/min
  • Scarto tachimetro a 130 km/h
    5,8%
  • Accelerazione
  • 0-40 km/h
    2,6 s
  • 0-60 km/h
    5,4 s
  • 0-100 km/h
    15,0 s
  • 0-110 km/h
    19,1 s
  • 0-120 km/h
    23,8 s
  • 0-130 km/h
    30,4 s
  • 400 metri da fermo
    19,3 s
  • Velocità d'uscita
    110,3 km/h
  • 1 chilometro da fermo
    36,5 s
  • Velocità d'uscita
    135,5 km/h
  • Ripresa in VI
    (a min/max carico)
  • 70-80 km/h
    5,8/- s
  • 70-90 km/h
    12,1/- s
  • 70-100 km/h
    19,6/- s
  • 70-110 km/h
    30,7/- s
  • 70-120 km/h
    - s
  • 30-60 km/h
    5,9 s
  • Frenata
  • 100 km/h a minimo carico
    42,6 m (0,92 g)
  • 130 km/h a minimo carico
    68,5 m (0,97 g)
  • 100 km/h su asfalto asciutto + pavé
    52,4 m (0,75 g)
  • 100 km/h su asfalto bagnato + ghiaccio
    113,1 m (0,35 g)
  • Resistenza freni
    10 frenate da 100 km/h a pieno carico
30 Ottimo
40 Discreto 50
Scarso 60
1
42,6 m
2
43,1 m
3
42,5 m
4
42,6 m
5
44,2 m
6
43,4 m
7
42,4 m
8
42,5 m
9
43,0 m
10
42,2 m

Consumi

  • Percorrenze in

  • 90 km/h
  • 100 km/h
  • 130 km/h
  • 140 km/h
FIAT Panda
EV
FIAT Panda
Benzina
22,7 km/litro 22,6 km/litro
20,0 km/litro 19,7 km/litro
14,8 km/litro 13,1 km/litro
- 11,5 km/litro
  • Percorrenze medie e autonomia

  • Città
  • Statale
  • Autostrada
  • Media rilevata
  • Media omologata
FIAT Panda
EV
FIAT Panda
Benzina
16,6 km/l - 629 km 14,5 km/l - 459 km
19,0 km/l - 722 km 20,0 km/l - 651 km
15,4 km/l - 586 km 14,1 km/l - 420 km
16,9 km/l - 640 km 15,7 km/l - 597 km
18,9 km/l - 718 km 19,2 km/l - 730 km
  • COSTI

    (1,590 €/litro)
  • Città
  • Statale
  • Autostrada
  • Media
FIAT Panda
EV
FIAT Panda
Benzina
9,60 €/100 km 10,70 €/100 km
8,36 €/100 km 7,70 €/100 km
10,32 €/100 km 11,00 €/100 km
9,44 €/100 km 9,90 €/100 km

Confort

  • Acustico
OTTIMO DISCRETO SCARSO
50 km/h su asfalto 62,8
dB(A)
50 km/h su asfalto drenante 70,7
dB(A)
50 km/h su pavé 79,0
dB(A)
Max in accelerazione
Max in acceleraz.
77,8
dB(A)
  • Start&Stop
    (vibrazioni sedile guida)
0 Ottimo
0,2 Discreto 0,4
Scarso 0,6
Avviamento
0,27 m/s2
Arresto
0,07 m/s2
Minimo
0,03 m/s2
  • Sospensioni
0 Ottimo
1,0 Discreto 2,5
Scarso 4,0
50 km/h su pavé
1,2 - m/s2
Gradino 30 km/h
2,5 - m/s2
Caditoie stradali 30 km/h
2,9 - m/s2
Rotaie 30 km/h
1,7 - m/s2
Lastroni 30 km/h
1,9 - m/s2
Passo carraio 30 km/h
0,9 - m/s2
  • Anteriore
  • Posteriore

Prove dinamiche

  • TENUTA DI STRADA
  • Accelerazione laterale
    0,80 g
  • STABILITÀ
  • Doppio cambio di corsia sul bagnato
    80 km/h
  • Cambio di corsia in rettilineo
    130 km/h
  • Cambio di corsia in curva
    97 km/h

AGILITÀ DI MANOVRA

  • Diametro di sterzata
    9,9 m
  • Giri del volante
    3,0
  • Sforzo volante in manovra
    1,4 kg
  • Sforzo frizione statico/dinamico
    6,8/9,8 kg

Dati Vettura

  • Massa
  • In condizioni di prova
    1.159 kg
  • Ripartizione massa
    63%
    37%
  • AERODINAMICA
  • Cx stradale
    0,346
  • Superficie frontale
    2,245 m2

Pagella

  • Posto guida

    La posizione è alta, turistica e si adatta facilmente a tutte le corporature, malgrado il volante si muova solamente in altezza.

  • Gli anni passano, ma la Panda riesce a offrire un bel mix fra le necessità del design e quella delle funzionalità. Tutto è a portata di mano, tutto è studiato per essere pratico.

  • Si punta sul classico, manco a dirlo, con i due soliti e generosi quadranti analogici. Parola d’ordine: semplicità. Poche le informazioni dal piccolo display centrale, ma i dati principali ci sono tutti.

  • Lo schermo da 7 pollici è un optional da 500 euro che porta con sé il vivavoce Bluetooth, Apple CarPlay e Android Auto. I menu sono intuitivi e la velocità di ragionamento apprezzabile.

  • Di serie c’è il climatizzatore manuale monozona. Quello automatico fa parte di un pacchetto da 450 euro. Va a regime in fretta ed è piuttosto preciso nelle regolazioni.

  • Le superfici vetrate sono ampie e individuare i pedoni attraverso i montanti è più facile che su tante rivali più recenti. La telecamera di parcheggio, però, non si può avere nemmeno a richiesta.

  • La Panda è essenziale, ma non povera. I materiali sono perlopiù rigidi, ma assemblati con cura. Difficile incappare in vistose cadute di stile o in risparmi evidenti.

  • L’allestimento City Life si pone nel mezzo. Di serie ci sono cerchi di lega da 15 pollici bicolore e vistose protezioni di plastica nera sui paraurti. La lista degli accessori, comunque, è ben fornita.

  • Oltre ai classici airbag ed Esp, la Panda può contare solo sulla frenata automatica d’emergenza fino a 30 km/h, ma è un optional da 450 euro venduto assieme agli airbag laterali anteriori.

  • L’abitacolo è su misura per quattro; il quinto posto è un optional da 300 euro e fa parte del pacchetto Flex light.

  • I nostri rilevamenti hanno misurato 218 litri. Bastano appena alle esigenze minime di due persone. Meglio puntare su borse morbide per ottimizzare il carico.

  • I decibel arrivano alle orecchie in modo accettabile sino alla soglia dei 130 orari, poi bisogna alzare un po’ la voce. Sugli ostacoli brevi a soffrire sono soprattutto le sospensioni posteriori.

  • Il nuovo tre cilindri aspirato mild hybrid a 12 volt sa coniugare piuttosto bene efficienza e prestazioni. Un cuoricino generoso che manda in pensione il Fire dopo ben 36 anni di carriera.

  • Grazie al boost ibrido, rispetto al vecchio Fire guadagna circa un secondo e mezzo nello 0-100 km/h. Ora siamo a 15 secondi misurati con le nostre apparecchiature.

  • La sesta marcia è lunga e i tempi rilevati lo confermano. I 3,6 kW garantiti dal motogeneratore elettrico si sentono, ma se si ha fretta è molto meglio scalare.

  • La leva è in una posizione molto comoda, a portata di mano; tuttavia, se la si maltratta con cambiate veloci, soffre d'innesti un filo contrastati. Leggera la frizione.

  • Quando si tratta di parcheggiare è un prezioso alleato, grazie anche al famoso comando City che alleggerisce il carico volante sino a 40 km/h.

  • Gli spazi d’arresto sono abbastanza contenuti. Servono 42,6 metri per fermarsi da 100 km/h. L’impianto frenante della Panda va un po’ in crisi quando l’aderenza è bassa e non uniforme.

  • La Panda rimane un’auto a prova di neopatentato, anche se il baricentro alto e la tendenza marcata al sottosterzo si traducono in un intervento importante da parte dell’elettronica.

  • La cura mild hybrid ha dato i suoi frutti: la Panda si fa sempre bastare poco carburante, con medie migliori rispetto a ciò che era in grado di fare il vecchio 1.2 Fire.


Pregi & Difetti

Pregi

Su strada. Da guidare è sempre lei, ma il risparmio (alla pompa e nella gestione) è tangibile.

Difetti

Sospensioni. L'assetto morbido la penalizza un po' durante le manovre di emergenza.