Sei in: Home > Prove > Prove su strada > La prova delle 1.2 PureTech e 1.6 BlueHDi S&S Shine

Citroën C3La prova delle 1.2 PureTech e 1.6 BlueHDi S&S Shine


Furba, la Citroën C3. Le bastano pochi dettagli per diventare la più originale nella sua categoria. Si parte dalla telecamera “on board” per scambiarsi immagini scattate alla guida (o registrare in caso di incidente) per arrivare agli airbump e ad altre trovate “rubate” alla Cactus, come le maniglie a cinghietta. Dopo una versione un po’ seriosa, la piccola d'Oltralpe vuole ritrovare lo spirito del primo modello, la vettura-uovo di 15 anni fa, e riprendersi il ruolo di “unconventional”, ispirandosi alla sorella più grande.

Il design degli interni. Rispetto alla Cactus, però, c’e da dire che i progettisti francesi hanno corretto il tiro: va bene essere originali, insomma, ma meglio non far scappare i clienti piu razionali con soluzioni estreme. In altre parole, niente vetri a compasso dietro, ma elettrici e pure automatici in salita e in discesa, cosa per nulla scontata in questa categoria. E il piantone dello sterzo, a differenza che sulla piu sbarazzina sorella maggiore, non e dotato della sola regolazione verticale, ma e telescopico. L'abitacolo, poi, e tutt'altro che spartano. Lo si vede subito dall'originale plancia orizzontale e tutta d'un pezzo, con rivestimenti piuttosto chic, e dalle poltrone di buon design. Il divano, anch'esso poco sagomato e piu abitativo che automobilistico, risulta comodo per due, in larghezza, mentre bisogna stare attenti all'altezza: con passeggeri dai 175 centimetri in su e meglio evitare il tetto panoramico, che comporta un ribassamento di oltre quattro centimetri. Quanto al bagagliaio, ha fatto un passo indietro rispetto alla generazione precedente: ha infatti perso una trentina di litri e risulta quindi meno capiente di quelli di diverse concorrenti.

2017-Citroen-C3-prova-10

La rivincita del benzina. Giù la frizione, indice destro sul tasto Start (300 euro per il sistema keyless, che comprende anche l'apertura porte), e si parte con la turbobenzina. L'1.2 PureTech 110 si conferma pronto e gradevole come i migliori tre cilindri in circolazione. Privo di vibrazioni, se non in avvio, è quasi inavvertibile al minimo, lascia riemergere la sua tipica sonorita da “tre" quando ci si avvicina ai 3.000 giri/minuto. In ogni caso, il confort di bordo resta sempre alto, anche dal punto di vista acustico. Il turbobenzina spinge bene e accusa qualche piccola irregolarità soltanto nelle riprese dalle basse velocità, quando deve superare il momento sottocoppia e ritrovare il giusto vigore. Onesto il cambio manuale a cinque marce: gli innesti sono un po' lunghi, non particolarmente precisi e nemmeno adatti a un uso sportivo, però ad andatura turistica la guida risulta gradevole.

2017-Citroen-C3-prova-17

Il millesei a gasolio. Il passaggio dall’1.2 a benzina all'1.6 a gasolio non comporta grandi sconvolgimenti. Stesso cambio, non gravato da una frizione particolarmente pesante (che poi è uno dei pochi rischi con i turbodiesel), e comportamento molto simile. Si sente il peso maggiore sull'avantreno (circa una settantina di chilogrammi in più per il quattro cilindri 1.6 HDi), ma alla fine si affrontano le curve con altrettanta sicurezza e rapidità, mentre l'assetto, piuttosto morbido su entrambe le versioni, è il classico buon compromesso tra confort e piacere di guida. Ovvero, permette di superare discretamente sconnessioni, buche e rallentatori, mentre nell'impostare un curvone veloce non emergono preoccupanti cedevolezze delle sospensioni. A colpire, casomai, sono le prestazioni. Mi aspettavo riprese poderose dal turbodiesel, invece la più leggera 1.2 a benzina la lascia indietro. E poi c'è la sorpresa dei consumi. Nella media, la turbodiesel vince con una percorrenza migliore (17,4 contro 15,8 km/litro), ma in città la versione a benzina riesce a essere più parsimoniosa di quella diesel, seppur di un'inezia. Una bella rivincita per il caro, vecchio motore a ciclo Otto.

Andrea Sansovini

(Prova su strada ripresa da Quattroruote di dicembre 2016, n. 736)
Pregi e difetti
Pregi Difetti


CITROEN C3 PureTech 110 S&S Shine

Dotazioni. Forte personalità e soluzioni innovative, come gli airbump sui fianchi della carrozzeria e la telecamera ConnectCAM per condividere foto o video tramite l'app dedicata.

Consumo. "Bevono" poco entrambe e quello che stupisce è la media di percorrenza del turbobenzina in città. Alla fine, il turbodiesel conviene soltanto a chi viaggia molto su statali e autostrade.

Bagagliaio. Capienza modesta, soglia di carico alta, gradino se si reclinano gli schienali. Manca il fondo regolabile in altezza ed è poco dotato quanto a fissaggio del carico.

Abitabilità posteriore. Discreta per due passeggeri, però, in presenza del tetto panoramico, l'altezza è insoddisfacente per le persone di statura medio-alta.



CITROEN C3 BlueHDi 100 S&S Shine

Dati rilevati
CITROEN C3 PureTech 110 S&S ShineCITROEN C3 BlueHDi 100 S&S Shine
Velocità
MASSIMA 187.433 km/h (IN IV) 180.583 km/h (IN V)
Accelerazione
0-100 KM/H 10.0 s 10.9 s
400M DA FERMO 17.0 s 17.7 s
1KM DA FERMO 31.5 s 32.9 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H 16.6 (IN V) 18.5 (IN V)
FRENATA
100 KM/H
A MINIMO CARICO
41.0 m 40.6 m
CONSUMI MEDI
STATALE 18.4 km/l 21.2 km/l
AUTOSTRADA 14.1 km/l 16.9 km/l
CITTÀ 15.6 km/l 15.5 km/l
Pagelle
CITROEN C3 PureTech 110 S&S ShineCITROEN C3 BlueHDi 100 S&S Shine
Abitabilità43
Accelerazione4.54
Accessori44
Audio e navigazione44
Bagagliaio33
Cambio33
Climatizzazione3.53.5
Confort43.5
Consumo44.5
Dotazioni sicurezza44
Finitura3.53.5
Freni3.53.5
Garanzia22
Motore4.54
Plancia e comandi3.53.5
Posto guida4.54.5
Prezzo3.53
Ripresa43.5
Sterzo3.53.5
Strumentazione3.53.5
Su strada44
Visibilità44
 

Listino confronta queste auto