• player icon Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
    Mondo auto
    Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
  • player icon In pista a Vairano con Aleix Espargaro
    Mondo auto
    In pista a Vairano con Aleix Espargaro
  • player icon Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
    Mondo auto
    Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
  • player icon Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
    Mondo auto
    Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
  • player icon Indovina chi viene in pista?
    Mondo auto
    Indovina chi viene in pista?

Sei in: Home > Articoli > Articoli > Il decalogo per viaggiare sicuri

Bimbi in autoIl decalogo per viaggiare sicuri

 

Dei seggiolini in questo speciale abbiamo spiegato quasi tutto. Normative, omologazioni, le regole per orientarsi nell’acquisto di un dispositivo nuovo oppure usato. Qui vi forniamo brevemente altre dieci regole d’oro per trasportare i vostri bimbi in auto in assoluta sicurezza.  

1. Lo abbiamo già sottolineato, ma vale la pena ribadire un concetto che può sembrare banale, ma non così scontato: acquistate sempre seggiolini omologati.

2. Isofix o cinture? Se la vostra vettura è dotata degli appositi agganci è meglio preferire i sistemi Isofix: il blocco a incastro con indicatori di colore verde o rosso, che segnalano rispettivamente il corretto o sbagliato posizionamento, riducono gli errori nell’installazione, che invece sono sempre in agguato con i seggiolini fissati alle cinture di sicurezza.

3. In tutti i casi, assicuratevi sempre che il seggiolino sia ben saldo provando a muoverlo e verificando che non abbia troppo gioco. Inoltre, tendendo bene le cinture non deve passare più di un dito tra la cinghia e il piccolo.

4. Se utilizzate un seggiolino con ganci Isofix, ancorate bene anche il terzo punto di fissaggio, rappresentato dalla barra estraibile da assicurare al pavimento oppure dalla cintura aggiuntiva (detta top teather) da agganciare allo schienale.

5. Dietro o davanti? La posizione più sicura è sui sedili posteriori, al centro, dove il bambino è maggiormente protetto anche da eventuali urti laterali. È meglio evitare di fare sistemare il piccolo sul sedile anteriore, ma se proprio doveste decidere di farlo è di fondamentale importanza per la sua incolumità accertarsi che l’airbag lato passeggero sia disattivato.

6. I bambini fino ai 15 mesi di vita vanno trasportati in senso contrario a quello di marcia. La muscolatura del collo, infatti, non è  ancora completamente sviluppata e in questo modo si protegge maggiormente dalle eccessive estensioni in caso di urto. Questa posizione, tra l’altro, è consigliata anche per il trasporto dei bambini più grandi, fino a 4 anni di età, a patto che ci sia spazio sufficiente per le sue gambe tra il seggiolino e lo schienale del sedile posteriore.

7. Per i bambini più grandi (gruppo 2 e 3) privilegiate i dispositivi dotati di schienale e poggiatesta e, anche se rimovibili, utilizzateli sempre. La sola tavoletta, che serve ad alzare la seduta per far arrivare il bambino all’altezza giusta per allacciare le cinture, pur essendo formalmente consentita, in caso di urto laterale non offre alcuna protezione, che invece garantiscono schienale e poggiatesta.

8. Cercate, per quando possibile, di fargli assumere una postura corretta, con il busto ben appoggiato allo schienale e le gambe distese. In caso di incidente, in tal modo il seggiolino lo proteggerà al meglio.

9. Alcuni seggiolini sono reclinabili. Oltre a offrire un maggior confort al bambino, questi dispositivi offrono una sicurezza in più nel caso si addormenti, perché evitano che la testa ciondoli in avanti uscendo dalla zona di protezione laterale dei poggiatesta.

10. Evitate di farlo giocare con oggetti appuntiti, non dategli leccalecca, ghiaccioli o cibi su stecchi che in caso di incidente potrebbero causargli lesioni. Per farli mangiare, meglio sempre fare una sosta.

Roberto Barone