BMW Serie 1 GTTrazione anteriore in dirittura d'arrivo

BMW Serie 1 GT Trazione anteriore in dirittura d'arrivo BMW Serie 1 GT Trazione anteriore in dirittura d'arrivo BMW Serie 1 GT Trazione anteriore in dirittura d'arrivo BMW Serie 1 GT Trazione anteriore in dirittura d'arrivo BMW Serie 1 GT Trazione anteriore in dirittura d'arrivo
 

La BMW si preparebbe a presentare la sua prima automobile a trazione anteriore, la cosiddetta Serie 1 GT, già al prossimo Salone di Parigi. A sostenerlo sono i colleghi inglesi di Autoexpress, che riportano una dichiarazione di Klaus Draeger, uno dei membri del consiglio di amministrazione della Casa bavarese. Le opportune verifiche presso le nostre fonti non hanno trovato né conferme né soprattutto smentite; oltretutto, come Quattroruote aveva anticipato sul fascicolo dello scorso mese di marzo, in questo modo verrebbe rispettato l'inizio della commercializzazione nel corso del 2013.

Multispazio compatta. Le nostre ricostruzioni grafiche, quelle che vi proponiamo in questa pagina e che avevamo già pubblicato sul giornale a marzo, sono state realizzate sulla base dei numerosi foto e video spia giunti in redazione nei mesi passati: è probabile che qualche dettaglio possa non coincidere del tutto, ma l'impatto visivo e le proporzioni sono indubbiamente quelli di una multispazio compatta. La Serie 1 GT, che evidentemente anticipa tecnicamente la futura generazione del modello d'ingresso alla gamma BMW, sarà realizzata sulla base della piattaforma condivisa della futura Mini F56, nota con la sigla Ukl, attesa sempre nel 2013. La soluzione della trazione anteriore non solo permetterà un evidente risparmio nei costi di produzione e di conseguenza di essere più aggressiva sui listini, ma consentirà di produrre una vettura di segmento C con più spazio a bordo di quanto non ne possa offrire l'attuale Serie 1 a trazione posteriore.

La concorrenza. Con una Serie 1 a trazione anteriore, inoltre, la BMW si troverebbe a lottare ad armi pari direttamente contro l'Audi A3 e la Mercedes-Benz Classe A, con le stesse possibilità di ampliare il ventaglio della propria offerta delle rivali, introducendo svariate varianti di carrozzeria. Né più né meno di come stanno facendo a Stoccarda con la famiglia Mfa e a Ingolstadt sulla piattaforma Mqb. La piattaforma BMW Ukl, infatti, può ospitare carrozzerie fino a 4,3 metri di lunghezza, perfettamente in linea con le dimensioni delle concorrenti: una Mercedes-Benz Classe B, per esempio, è lunga 4,36 metri.

"Mezzi motori". Chiamandosi come si chiama, Fabbrica bavarese di motori appunto, sono attese grandi cose sul fronte dei propulsori: la vera novità praticamente certa è l'arrivo dei tre cilindri di 1.5 litri TwinPower Turbo, strettamente imparentati con i sei cilindri di tre litri a benzina e a gasolio, che potrebbero raggiungere una potenza nell'ordine dei 170 cavalli. La scelta non è casuale, perché in questo modo si manterrebbe una cilindrata unitaria di 500 cm3, considerata universalmente tra le più efficienti. Lo stesso Draeger, inoltre, ci aveva confidato che saranno motori molto tecnologici, equipaggiati con le soluzioni tecniche più avanzate tra quelle disponibili nella produzione dei serie. Naturalmente, i tre cilindri finiranno anche sotto il cofano della nuova Mini. C.D.G.

avatar
federico cividini
3 agosto 2012 14.06
una cosa non capisco, perchè la BMW si ostina ad usare la sigla GT (sinonimo dalla notte dei tempi di auto o versioni più sportive),per auto che sono più goffe, alte e meno sportive delle rispettive versioni di origine?
risposta >
avatar
STEFANO MANTELLI
3 agosto 2012 14.44
si in effetti.......probabilmente hanno preso la denominazione GranTurismo nel vero senso della parola(tradotto dall'italiano al tedesco!).....auto adatte a turismo, viaggi, vacanze..cioè con piu spazio.. ahahahaha solo questa mi viene
risposta >
avatar
lucio festa
4 agosto 2012 9.25
Infatti, vedete loro come fanno turismo e vi renderete conto dell'uso!
ARTICOLI CORRELATI
Novità su Quattroruote