Scenari

Pechino alla (ri)carica

La lunga marcia cinese

Il grande Paese asiatico vuole imporsi sui mercati occidentali con milioni di auto, soprattutto elettriche. Non è ancora un’invasione, ma i segnali ci sono

di Filippo Buraschi ed Emilio Deleidi |

In questo articolo:

  • Le esperienze del passato insegnano come Paesi asiatici in partenza arretrati sono stati in grado di recuperare il gap tecnologico fino ad arrivare a imporsi come protagonisti sui mercati mondiali.
  • Le dimensioni già oggi gigantesche dell’industria e del mercato dell’auto cinesi.
  • Il rischio di un declino dell’industria occidentale del settore e la necessità di fare leva sulle nostre risorse culturali per favorire l’innovazione.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser