Una RAV4 nel corpo di una Yaris. Questa, in estrema sintesi, è la nuova B-Suv della Toyota, con una serie di qualità che non faranno dormire sonni tranquilli alla concorrenza. In un segmento così competitivo come quello delle sport utility di taglia small, la Yaris Cross può infatti vantare un paio di chicche che la rendono pressoché unica.

Toyota Yaris Cross 1.5 Hybrid 5p. E-CVT Premiere

Full Hybrid
  • PREZZO (LISTINO) 32.600
  • MOTORE L3 benzina + elettrico - 1.490 cm3
  • POTENZA 85 kW - 116 CV
  • CONSUMI Omologato 23,2 km/l
    Rilevato 19,8 km/l
    Costo 8,16 €/100 km
  • EMISSIONI CO2 Omologato 98 g/km
    Rilevato 121 g/km

Prima di tutto, il nuovo powertrain full hybrid ereditato dalla Yaris berlina, che giusto per iniziare a spoilerare qualche numero garantisce quasi 20 km/litro in media; l'unica altra alternativa simile, se queste cifre vi fanno gola, è rappresentata dalla Renault Captur E-Tech. La Toyota è però la sola a poter disporre a richiesta della trazione integrale, sebbene vada intesa semplicemente come un aiutino in più se l'aderenza è molto scarsa (grazie a un piccolo motore elettrico al retrotreno) e non come una vera e propria 4x4 per scalare le montagne. 

Toyota Yaris Cross: la nostra prova completa

Video

alternative text

I suddetti, comunque, sono i due elementi di spicco della Yaris Cross, quei plus che un abile venditore vi sbandiererà immediatamente per sedurvi. Ma in realtà è tutto il pacchetto che funziona bene. A partire dall'appeal, che senza girarci troppo attorno è ancora uno dei principali motivi d'acquisto: sembra una mini RAV4  – notare i passaruota dai tagli netti e l'andamento del posteriore –, ma conserva le dimensioni compatte a misura di città della berlina, perché di fatto tutto quel che c'è sotto alla carrozzeria è esattamente una Yaris. Stessa piattaforma, la recente Ga-B, e medesimo passo. Con la differenza più determinante che sta nella lunghezza, sia quella totale (418 cm, 24 in più) sia quella che si concentra nel solo sbalzo posteriore, con 18 centimetri di aggiunta per garantire un bagagliaio adeguato alla tipologia di vettura. Una volta aperto il portellone, che sulla top di gamma Premiere è automatico con sensore hands free, sono a disposizione 341 litri reali, una quarantina in più della berlina, nonché un valore che pone la Yaris Cross ai vertici della categoria. Buona parte del merito va al doppiofondo (che però sulla versione a trazione integrale non è disponibile per via del motore elettrico), separato in due parti per modulare a piacere il carico. All'occorrenza, ci sono poi gli schienali frazionati al 40-20-40, mentre non è previsto il divano posteriore scorrevole.

Più spazio per le valigie, insomma, come è lecito attendersi da una sport utility. Nella zona passeggeri, invece, la situazione ricalca quella della berlina di derivazione: abitabilità adeguata in ogni direzione per quattro adulti, con quelli posteriori che godono di maggior spazio per la testa, e un posto guida leggermente rialzato (55 mm in più), per conferire quella sensazione di dominio sulla strada che molti cercano. Gradevole, nel complesso, la seduta: la nuova piattaforma ha consentito di arretrare sia il sedile sia il piantone dello sterzo (aggiustabile in profondità), fatto che favorisce la distribuzione dei pesi e, al contempo, le distanze corrette fra corpo e comandi. 

Trovata la giusta posizione di guida, operazione che richiede poco tempo, sott'occhio si ritrova lo stesso arredamento già visto sulla Yaris berlina: una plancia dalle linee mosse e gradevoli, anche se certo non brilla per l'opulenza dei materiali, e un insieme ben confezionato e, soprattutto, pratico da utilizzare. Apprezzabile, infatti, la quantità di portaoggetti, specie quelli nella zona della console centrale, ideali per accogliere gli smartphone (quello inferiore è per la ricarica wireless) o altri prodotti di frequente utilizzo. Piace anche il fatto che il climatizzatore automatico bizona sia una plancetta fisica con tasti ben riconoscibili, che evita di addentrarsi in uno schermo touch. Peccato solo che le bocchette d'aerazione centrali siano un po' difficili da orientare, perché incassate sotto al display centrale.

più spazio al baule e alla 4x4

Clicca per visualizzare il contenuto

Il passo è lo stesso della Yaris berlina, ma crescono gli sbalzi. Soprattutto quello posteriore, per far spazio a un baule più ampio e, volendo, a un altro motore elettrico

Il comparto digitale segna un salto di qualità rispetto a quello che abbiamo visto finora sulla Yaris. La strumentazione, dall'allestimento Trend in su, adotta un nuovo pannello da 7" che risolve il problema di leggibilità del cosiddetto display a binocolo da 4,2" delle versioni base: le informazioni di viaggio e i settaggi di alcuni menu sono più in evidenza, consentendo un'immediata consultazione e riducendo le distrazioni. Sappiate però che non è riconfigurabile a piacere, al massimo cambiano i colori in base alla modalità di guida scelta. Ancora, al centro della plancia debutta il nuovo infotainment Smart connect (di serie su tutta la gamma, allestimento Active escluso), che ha gli stessi ingombri fisici del sistema Touch 3, ma con una diagonale del display che passa da 8 a 9 pollici. Integra una Sim per poter sfruttare i servizi online, per esempio la navigazione con mappe sempre aggiornate (gratis per quattro anni) e informazioni sul traffico in tempo reale, nonché la connettività wireless per dispositivi Android e Apple. Non ultimo, l'interfaccia è stata ridisegnata ed è assai meno intricata in confronto all'altro sistema: si usa con grande facilità.

Una volta in movimento, l'aspetto più apprezzabile della Yaris Cross è l'evidente contributo elettrico del sistema ibrido. Come già sulla berlina, rispetto allo schema precedente si percepisce subito una maggior preponderanza di spinta a zero emissioni, grazie a un motore elettrico sensibilmente più potente. Sul piatto ci sono 116 cavalli combinati, che non è un valore esorbitante, ma ora il lavoro viene spartito in modo più equo fra il propulsore termico e la parte elettrica (due unità, una di trazione e un generatore). Il che comporta due vantaggi considerevoli: il tre cilindri 1.5 risponde all'appello soltanto quando serve davvero spinta e ciò fa sì che la trasmissione a variazione continua non sia costretta a farlo lavorare sempre a regimi molto elevati, dove emergerebbe un'inevitabile rumorosità. 

Di riflesso, un minor apporto termico si traduce in percorrenze decisamente interessanti, in particolare se il proprio raggio d'azione ruota attorno alla città: in questo scenario, abbiamo rilevato 25,6 km con un litro, che scendono a 20,7 in statale. Peccato che la media si abbassi viaggiando in autostrada, l'unica situazione dove l'ibrido non produce i suoi benefici. Fra le tre corsie, comunque, la Yaris Cross riesce a coprire 15,1 km/litro, per una media generale che si attesta a quota 19,8. Chi detesta le soste frequenti al distributore sappia poi che, a fronte di soli 36 litri di serbatoio (meno di 60 euro), l'autonomia media della Yaris Cross supera i 700 chilometri con un pieno. Per inciso, questi valori risultano leggermente peggiori rispetto alla berlina (21,2 km/litro di media), per via di un peso superiore di circa un quintale e di un'aerodinamica meno favorevole. Sfumature, in ogni caso.

Un altro aspetto che accomuna gli esponenti della famiglia Yaris è la qualità della dinamica di guida. Che trova la sua massima espressione nell'originalissima e coinvolgente GR Yaris (provata su Quattroruote di gennaio 2021). La bontà di base delle fondamenta appartiene però anche al resto della gamma, grazie alle doti della nuova piattaforma Ga-B. Telaio più rigido, miglior distribuzione dei pesi, baricentro alla giusta altezza e una massa contenuta (qui siamo a poco più di 13 quintali in ordine di marcia) fanno sì che anche la Yaris Cross trasmetta sensazioni di agilità e compostezza. Il fatto che sia maneggevole emerge prima di tutto in città, grazie a uno sterzo leggero, a un contenuto diametro di volta e a un powertrain che, pur non essendo esuberante in termini di potenza, sa garantire sempre lo spunto necessario per cavarsela. Se poi il ritmo sale, la Cross mette in luce un comportamento misurato in ogni situazione: l'assetto è sostenuto a sufficienza per non far coricare troppo la vettura in curva e, dovesse capitare di compiere qualche manovra improvvisa, il telaio risponde sempre con prontezza e progressività. Dà fiducia, insomma, e su una strada di montagna non risulta noiosa e impacciata come una sport utility di taglia più grande. Non ultimo, il confort non è male: gli ammortizzatori svolgono bene il proprio compito; anche al retrotreno, dove di solito, in presenza del ponte torcente, la risposta è un po' secca. L'insonorizzazione, infine, è curata e un viaggio in autostrada scorre via piacevolmente, grazie anche a una guida assistita di livello 2 (di serie su tutta la gamma) che funziona bene.


Dotazioni e Accessori

Prezzi in euro
  • Prezzo di listino
    32.600
  • Prezzo della vettura provata
    32.600
  • Abbaglianti automatici
    di serie
  • Accesso e avviamento senza chiave
    di serie
  • Assistenza mantenimento traiettoria
    di serie
  • Avviso angoli bui
    di serie
  • Cerchi di lega da 18 pollici
    di serie
  • Climatizzatore automatico bizona
    di serie
  • Fari Matrix Led
    di serie
  • Frenata automatica d'emergenza
    di serie
  • Head-up display
    di serie
  • Impianto hi-fi (Jbl premium)
    di serie
  • Infotainment Smart connect
    di serie1
  • Interni di materiale pregiato
    di serie
  • Monitoraggio traffico posteriore
    di serie
  • Pacchetto urban
    1.2502
  • Portellone automatico
    di serie
  • Regolatore di velocità automatico
    di serie
  • Ricarica wireless
    di serie
  • Riconoscimento segnali stradali
    di serie
  • Sedili anteriori riscaldabili
    di serie
  • Sensori di parcheggio anteriori e posteriori
    di serie
  • Strumenti digitali da 7 pollici
    di serie
  • Telecamera
    di serie
  • Trazione integrale AWD-i
    2.5003
  • Vernice bicolore
    di serie
  • Vetri posteriori scuri
    di serie

In rosso: presente sulla vettura provata.
Note: 1) display da 9 pollici, servizi online, navigatore on cloud, Android Auto e Apple CarPlay wireless; 2) parcheggio assistito semiautomatico, telecamere 360°; questo pacchetto esclude l'infotainment Smart connect, sostituito dal sistema Touch 3 con navigazione convenzionale; 3) secondo motore elettrico posteriore, retrotreno a doppi bracci oscillanti, programmi di guida Terrain management, assistente alle discese.


Abitabilità e visibilità

Misure in centimetri, angoli in gradi
  • Totale angoli bui
    115° (32%)
  • Visibilità posteriore
    (ostacolo alto 70 cm)
    maggiore di 10 m
  • Visibilità montante anteriore sinistro
  • Uomo
  • Bambino
  • Bicicletta
  • Giudizio complessivo

Vano di carico

  • Capacità complessiva
    341 litri
  • di cui sotto il pavimento
    -
  • Altezza soglia di carico
    77 cm

Prestazioni

  • Velocità
  • Massima
    177,1 km/h
  • Scarto tachimetro a 130 km/h
    2,0%
  • Accelerazione
  • 0-60 km/h
    4,8 s
  • 0-100 km/h
    11,3 s
  • 0-110 km/h
    13,5 s
  • 0-120 km/h
    16,2 s
  • 0-130 km/h
    19,4 s
  • 0-140 km/h
    23,5 s
  • 0-150 km/h
    28,5 s
  • 400 metri da fermo
    17,9 s
  • Velocità d'uscita
    125,6 km/h
  • 1 chilometro da fermo
    33,0 s
  • Velocità d'uscita
    157,2 km/h
  • Ripresa in D
    (a min/max carico)
  • 70-90 km/h
    4,5/4,7 s
  • 70-100 km/h
    6,5/7,3 s
  • 70-120 km/h
    11,6/14,0 s
  • 70-130 km/h
    15,0/18,3 s
  • 70-140 km/h
    19,2/23,5 s
  • 30-60 km/h
    4,1 s
  • Frenata
  • 100 km/h a minimo carico
    40,4 m (0,97 g)
  • 130 km/h a minimo carico
    68,6 m (0,97 g)
  • 100 km/h su asfalto asciutto + pavé
    46,8 m (0,84 g)
  • 100 km/h su asfalto bagnato + ghiaccio
    116,2 m (0,34 g)

L'impianto frenante è ben dimensionato: gli spazi d'arresto sono contenuti e la resistenza alla fatica è buona. Quando l'asfalto non è uniforme, allunga un po'.

  • Resistenza freni
    10 frenate da 100 km/h a pieno carico
30 Ottimo
40 Discreto 50
Scarso 60
1
38,8 m
2
39,2 m
3
39,6 m
4
39,9 m
5
40,4 m
6
40,0 m
7
40,8 m
8
39,6 m
9
39,8 m
10
40,0 m

Consumi

  • Percorrenze medie e autonomia
  • Città
    25,6 km/l - 922 km
  • Statale
    20,7 km/l - 745 km
  • Autostrada
    15,1 km/l - 542 km
  • Media rilevata
    19,8 km/l - 711 km
  • Media omologata
    23,2 km/l - 837 km
  • Scarto trip computer
    3,3 %
  • COSTI
    (1,614€/litro)
Città
6,31 €/100 km
Statale
7,79 €/100 km
Autostrada
10,71 €/100 km
Media
8,16 €/100 km

L'efficacia del powertrain emerge dai consumi rilevati, con la città che continua a essere il regno incontrastato dell'ibrido: qui la Cross copre ben 25,6 km/litro, proprio come la Yaris berlina. Anche nella situazione più sfavorevole, cioè l'autostrada, questa Toyota percorre comunque 15,1 km/litro.


Confort

  • Acustico
OTTIMO DISCRETO SCARSO
50 km/h su asfalto 56,3
dB(A)
50 km/h su asfalto drenante 63,9
dB(A)
50 km/h su pavé 73,5
dB(A)
Max in accelerazione
Max in acceleraz.
72,0
dB(A)

Dal nostro indice di articolazione, che tiene conto anche della qualità del rumore e non solo della pura quantità, emerge un quadro più che discreto: la Yaris Cross ha fatto registrare valori migliori della berlina. Lo stesso nel caso dell'assorbimento delle sospensioni, più efficaci specie al posteriore.

  • Sospensioni
0 Ottimo
1,0 Discreto 2,5
Scarso 4,0
50 km/h su pavé
1,1 -1,0 m/s2
Gradino 30 km/h
3,1 -3,3 m/s2
Caditoie stradali 30 km/h
3,3 -3,1 m/s2
Rotaie 30 km/h
1,9 -2,3 m/s2
Lastroni 30 km/h
1,8 -1,6 m/s2
Passo carraio 30 km/h
1,4 -1,1 m/s2
  • Anteriore
  • Posteriore

Prove dinamiche

  • TENUTA DI STRADA
  • Accelerazione laterale
    0,95 g
  • STABILITÀ
  • Doppio cambio di corsia sul bagnato
    85 km/h
  • Cambio di corsia in rettilineo
    150 km/h
  • Cambio di corsia in curva
    101 km/h

Il fatto che sia più alta di qualche centimetro non ha compromesso le buone doti telaistiche proprie del progetto Yaris. La Cross si muove fra gli ostacoli con la stessa disinvoltura della berlina, per merito di fondamenta sane che la rendono agile e sicura anche nelle manovre d'emergenza. Cosa che avviene sia quando l'Esp (ben tarato e poco invasivo) è attivato sia quando non lo è: in quest'ultimo caso emerge solo un po' più di sovrasterzo nei cambi di direzione.


AGILITÀ DI MANOVRA

  • Diametro di sterzata
    11,2 m
  • Giri del volante
    2,8
  • Sforzo volante in manovra
    1,7 kg
  • Sforzo frizione statico/dinamico
    -

Dati Vettura

  • Massa
  • In condizioni di prova
    1.342 kg
  • Ripartizione massa
    61%
    39%
  • AERODINAMICA
  • Cx stradale
    0,329
  • Superficie frontale
    2,307 m2

Test sistemi adas

Qadas test
Generali
  • Caratteristiche principali
  • Telecamera
    1
  • Radar
    1
  • Sensori ultrasuoni
    -
  • Lidar
    -
  • Laser scanner
    -
  • Range di funzionamento
  • Veicoli
    10-180 km/h
  • Pedoni
    10-80 km/h
  • DOTAZIONI DELL'AUTO IN PROVA
  • Prezzo
    Disattivabile
    Regolabile
  • Frenata automatica d'emergenza
    di serie
    disattivabile:
    regolabile:
  • Regolatore di velocità attivo
    di serie
    disattivabile:
    regolabile:
  • Assistenza mantenimento di traiettoria
    di serie
    disattivabile:
    regolabile: no
  • Avviso angoli bui
    di serie
    disattivabile:
    regolabile: no
  • Monitoraggio traffico posteriore
    di serie1
    disattivabile:
    regolabile: no

Commento: tutta la gamma offre di serie frenata automatica e guida assistita di livello 2. La Premiere aggiunge il Tech pack, che include l'avviso angoli bui e il monitoraggio del traffico posteriore.

Note: 1) incluso nella dotazione di serie, ma non presente su questo esemplare di preserie.

  • ATTRAVERSAMENTO PEDONI
    (a 5 km/h)
Adulto
Avvisi:
Efficace fino a 50 km/h
Bambino
Avvisi:
Efficace fino a 50 km/h

Commento: come già rilevato nel caso della Yaris berlina, la frenata automatica della Toyota è molto efficace nei confronti dei pedoni. La Cross ha superato tutti i test fino alla massima velocità prevista di 50 km/h, sia nel caso della sagoma del bambino sia in quella dell'adulto che spinge la carrozzina, nonostante quest'ultima spesso tragga in inganno gli Adas.

  • VEICOLI IN MARCIA IN COLONNA

L'Ufo è fermo al centro della corsia, l'auto sopraggiunge a 50 km/h

Nessun impatto Nessun impatto
Avvisi

L'Ufo è fermo a lato strada, l'auto arriva a 50 km/h. I veicoli sono allineati al 25%

Impatto Impatto
Avvisi

L'Ufo è in movimento a 20 km/h, l'auto sopraggiunge a 60 km/h

Nessun impatto Nessun impatto
Avvisi
  • Falsa Partenza

L'auto è accodata all'Ufo fermo, che poi parte e, a 10 km/h, frena all'improvviso

Nessun impatto Nessun impatto
Avvisi
  • Parcheggio

L'auto esce dal parcheggio a pettine mentre l'Ufo sopraggiunge a 10 km/h

Non rilevabile
Avvisi -

Commento: l'unico test che l'ha messa in crisi è lo scenario in cui la vettura ostacolo è ferma sul ciglio della strada, allineata al 25%. In questo caso la frenata automatica è intervenuta soltanto in un paio di occasioni, mitigando l'impatto; gli avvisi acustici al guidatore, in compenso, hanno sempre funzionato. Niente da eccepire nelle altre prove: i sistemi si sono comportati correttamente.


Valutazioni Euro NCAP Le differenti metodologie rendono i giudizi non direttamente comparabili con quelli delle nostre prove. Per la frenata automatica, l'euro NCAP prevede un massimo di 9 punti per i pedoni e di 6 per i veicoli.

  • Anno
    -
  • Pedoni
    -
  • Veicoli
    -

Pagella

  • Posto guida

    Come la Yaris, ma seduti più in alto di 55 mm. Per il resto, anche la Cross beneficia dei miglioramenti portati dalla nuova piattaforma Ga-B, con il sedile e il piantone dello sterzo più arretrati per favorire il baricentro.

  • Gradevole da guardare, pratico da utilizzare: il ponte di comando, del tutto simile a quello della Yaris, è ben confezionato e soddisfa per la quantità di vani portaoggetti. I comandi sono disposti con razionalità.

  • Sugli allestimenti più ricchi è di serie il pannello digitale da 7 pollici: le informazioni sono molto più leggibili rispetto alla strumentazione base. Però non è riconfigurabile: i colori cambiano secondo la modalità di guida.

  • Sulla Cross debutta il nuovo impianto Smart connect, con display da 9": oltre a essere connesso tramite Sim interna, per sfruttare servizi in tempo reale, finalmente sfodera un'interfaccia semplice da utilizzare.

  • Il bizona automatico ha comandi fisici facili da raggiungere e da gestire, per non distrarsi mai. Assolve bene il suo dovere, con efficacia e stabilità. Un po' scomode le bocchette centrali, seminascoste dal display.

  • Fatta eccezione per la zona montante-specchio sinistro, che ostruisce un po' durante le svolte, nel complesso la situazione è sotto controllo. In manovra si può contare sull'aiuto dei sensori e della telecamera.

  • Come già sulla Yaris berlina, i materiali impiegati sono di qualità base, in linea con il segmento di appartenenza: piuttosto economici le plastiche e i tessuti. Tuttavia, è apprezzabile l'impegno per premiare il colpo d'occhio.

  • La Premiere della prova è all'apice della gamma e non le manca praticamente nulla. L'unico limite di questa filosofia full optional è la scarsa possibilità di personalizzazione.

  • Apprezzabile il fatto che tutti gli allestimenti siano provvisti, già di serie, della frenata automatica d'emergenza e della guida assistita di livello 2. Oltre tutto, i sistemi funzionano bene e sono risultati efficaci.

  • Le misure interne sono allineate a quelle della Yaris berlina, fatta eccezione per un maggior spazio in altezza per i passeggeri posteriori. Nel complesso, l'abitacolo accoglie piuttosto comodamente quattro adulti.

  • Quello che la Cross aggiunge rispetto alla sorella berlina è un baule più ampio: 341 litri di volume, una quarantina in più, e un doppiofondo modulare per gestire meglio il carico, non disponibile però sulla 4x4.

  • Nel complesso, è comoda: le sospensioni digeriscono piuttosto bene le sconnessioni, anche dietro, a dispetto della presenza del ponte torcente. La rumorosità, aerodinamica e di rotolamento, è poi piuttosto contenuta.

  • Il nuovo powertrain, che ha debuttato sulla Yaris berlina, è un bel passo avanti. Nell'impiego urbano il supporto elettrico è evidente, a vantaggio del confort e dei consumi. Il tre cilindri, insomma, lavora un po' meno.

  • Il nuovo powertrain, che ha debuttato sulla Yaris berlina, è un bel passo avanti. Nell'impiego urbano il supporto elettrico è evidente, a vantaggio del confort e dei consumi. Il tre cilindri, insomma, lavora un po' meno.

  • Il sostegno dell'elettrico è piuttosto evidente e torna utile soprattutto quando occorre ritrovare il passo. Anche in questo caso è un po' meno brillante della Yaris standard, ma c'è quel che basta per cavarsi d'impaccio.

  • La trasmissione e-Cvt cerca di gestire al meglio la risposta dei due propulsori. Nel complesso, la guida è sempre fluida e priva d'interruzioni, tranne quando si chiede il massimo e il termico canta a voce alta.

  • Un buon comando, che restituisce tante informazioni alle mani e risulta a suo agio in qualsiasi impiego: in città è leggero e garantisce un contenuto diametro di volta; in curva sa essere pronto e progressivo.

  • All'altezza della situazione: fermano la vettura in spazi contenuti e hanno dimostrato di saper resistere bene alla fatica, senza cedere mai. Sulla bassa aderenza, la Yaris Cross allunga un po' ma è ben controllabile.

  • Sfoggia gli stessi pregi della Yaris standard, con doti telaistiche notevoli che la rendono piacevole, agile e sicura in ogni condizione. Ha sempre reazioni prevedibili e l'elettronica è finemente tarata.

  • Nella peggiore delle ipotesi, ossia in autostrada, si coprono 15 km/litro. Ma se il terreno più battuto è la città, allora se ne fanno più di 25. E la media generale si attesta sui 20 km con un litro: ottima.


QUALITà

QUALITÀ E FINITURE
Come tutte le Toyota, la Yaris Cross segue l'approccio giapponese alla qualità, che bada al sodo. Prioritarie sono funzionalità e affidabilità piuttosto che la cura del dettaglio. Quindi nulla da dire sulla verniciatura, che però nelle parti meno visibili, come la zona bassa dell'interno porte, è caratterizzata da un trasparente steso con parsimonia o addirittura assente. L'assemblaggio di porte e cofani è curato, con giochi non molto ridotti ma uniformi, e lo stesso vale per l'abitacolo, dove tuttavia domina la plastica rigida, eccezion fatta per la parte alta della plancia e per i pannelli porta, in parte foderati di feltro. Bene i comandi, piacevoli da azionare, e i sedili, con rivestimento applicato con cura. Il vano, invece, ha fianchi di plastica, soggetti a rovinarsi nel tempo, una leggera rete di tessuto a mo' di cappelliera e non dispone di ganci per assicurare le borse (per fissare il carico, però, sono presenti quattro occhielli).

  • Esterno
  • Buona cura nella verniciatura e nell'assemblaggio, solo qualche sbavatura nelle parti meno in vista, come l'interno delle porte o del portellone.
  • Superfici carrozzeria
  • Giochi e profili
  • Insonorizzazione e guarnizione
  • Scocca
  • Interno
  • L'attenzione dei progettisti si è concentrata più sulla funzionalità che sui particolari, ma l'insieme è comunque nel complesso gradevole e ben costruito.
  • Materiali e accoppiamenti
  • Sedili
  • Funzionalità
  • Finitura bagagliaio

Infotainment


  • Dimensioni reali schermo
    8,9 pollici
  • Touch screen
  • Prese Usb
    1
  • Ricarica wireless
  • Android Auto/Apple CarPlay
    sì/sì
  • MirrorLink
    no
  • Posizione e visiblità schermo
  • Definizione schermo
  • Accessibilità comandi
  • App incorporate
  • App smartphone
  • Indice di sicurezza

Pregi & Difetti

Pregi

Consumo. la Yaris Cross può fare al caso vostro: 20 km/l in media, che salgono a oltre 25 in città.
Agilità. Agile e divertente quando la strada inizia a curvare.

Difetti

Finitura. Il colpo d'occhio, appena sali a bordo, non è niente male. Dopo un po' che scavi a fondo, però, emerge qualche finitura economica.
Attrezzatura. Specie nel baule, dove sì, ci stanno parecchie valigie, ma l'attrezzatura è davvero un po' scarna.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Toyota Yaris Cross - La videoprova completa della 1.5 Hybrid

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it
logo qpremium