Multe

Ricorsi al giudice di pace
Ecco che cosa cambia

Ricorsi al giudice di pace
Ecco che cosa cambia
Chiudi

Ricorsi al giudice di pace, si cambia. Come anticipato su AutoDifesa l'8 settembre scorso, dal 6 ottobre 2011 si dimezzano i tempi a disposizione per presentare opposizione alla magistratura di pace e si rischia di pagare di più se il ricorso è respinto. Vediamo tutte le novità.

Si dimezzano i tempi. Dal giorno in cui è avvenuto l'accertamento (in caso di contestazione nell'immediatezza della violazione) o dal giorno della notifica (in caso di violazione contestata successivamente) ci sono solo 30 giorni di tempo per fare ricorso al giudice (60 giorni se si risiede all'estero) rispetto ai 60 giorni attuali.

Possibile chiedere la sospensione dell'efficacia del verbale. Nel ricorso è possibile chiedere la sospensione dell'efficacia del provvedimento impugnato (per esempio della sospensione della patente), che il giudice può disporre con decreto fuori udienza, cioè nell'immediatezza del deposito del ricorso in cancelleria, ma solo "in caso di pericolo imminente o di un danno grave e irreparabile", e che il magistrato deve comunque confermare alla prima udienza, pena la sua decadenza. Almeno dieci giorni prima dell'udienza, il comando di polizia che ha fatto la multa deve depositare in cancelleria "copia del rapporto con gli atti relativi all'accertamento, nonché alla contestazione o notificazione della violazione". Per le sanzioni pecuniarie, dato che è previsto che il giudice disponga il pagamento entro 30 giorni dalla notifica di deposito della sentenza (ovviamente se il ricorso è respinto), l'iscrizione a ruolo non potrà che avvenire dopo che sarà trascorso tale termine.

Ricorso respinto se non ci si presenta in aula. Se non ci si presenta in udienza in assenza di "legittimo impedimento" il giudice convalida il verbale contro il quale si è presentato ricorso e provvede sulle spese, a meno che l'illegittimità del provvedimento impugnato risulti dalla documentazione allegata dall'opponente, oppure il comando di polizia non depositi i documenti. Con la sentenza che accoglie l'opposizione il giudice può annullare in tutto o in parte il verbale. Il giudice accoglie l'opposizione anche quando non vi sono prove sufficienti della responsabilità dell'opponente.

Il giudice può determinare l'importo della sanzione. Se invece il ricorso è respinto, il giudice determinerà l'importo della sanzione in una misura compresa tra il minimo e il massimo edittale stabilito dal codice della strada per la violazione accertata. Per esempio, in caso di superamento del limite di velocità di oltre 10 km/h ma non oltre 40 km/h, violazione che comporta il pagamento di una sanzione di 159 euro (e la perdita di 3 punti), il giudice può fissare la sanzione in un importo compreso tra 159 e 639 euro. Il pagamento della somma dovrà avvenire entro i trenta giorni successivi alla notificazione della sentenza ed essere effettuato con modalità stabilite dall'amministrazione a cui appartiene l'organo accertatore. Ovviamente, se il ricorso è respinto il giudice non può escludere l'applicazione delle sanzioni accessorie o la decurtazione dei punti dalla patente di guida.

Attenzione alla data in cui è stata commessa la violazione. Come precisato dal ministero dell'interno con una circolare del 30 settembre 2011, le novità si applicano a tutte le violazioni accertate a partire dal 6 ottobre. Per tutte le violazioni accertate prima del 6 ottobre i tempi di presentazione del ricorso restano di 60 giorni, anche se il verbale è stato notificato dopo il 6 ottobre.

Resta il contributo unificato. Nulla cambia, infine, per quanto riguarda il contributo unificato, l'"obolo" che si deve pagare al momento della presentazione del ricorso e che dallo scorso 6 luglio è aumentato a 37 euro (per le sanzioni di importo fino a 1.033 euro). E nulla cambia per quanto riguarda modalità e procedure del ricorso al prefetto. In questo caso ci sono sempre 60 giorni dal giorno in cui è avvenuto l'accertamento (se la violazione è contestata immediatamente) o dal giorno della notifica (in caso di violazione contestata successivamente). Ricordiamo che il ricorso al prefetto non costa nulla ma se è respinto l'importo della sanzione raddoppia (con possibilità di presentare ulteriore ricorso al giudice di pace, entro 30 giorni, contro l'ordinanza-ingiunzione prefettizia).

Mario Rossi

COMMENTI

  • onerose economicamente considerando i 37 euro di balzello obbligatorio e le predite di tempo tanto vale pagare a prescindere dal fatto che si abbia torto o ragione.
  • truccati che il Capo della Polizia Locale del comune di ZIbido San Giacomo dichiarava essere a norma e controllati.Infatti l'Uffico del Giudice di Pace di Pavia non solo ha subito annullato la multa ma oltre ad essere oberato di ricorsi proprio a causa dello stesso autovelox era anche imbufalito con il Comune e la Polizia Locale di Zibido San Giacomo. Ovviamente a fronte di multe non troppo
  • Stanno semplicemente facendo di tutto per rendere impraticabile,inefficace e sempre più difficoltoso l'utilizzo del ricorso al giudice di pace.Nel mio caso personale grazie a 2 ricorsi vinti a Milano e Pavia ho evitato di pagare ingiustamente multe lievitate a 500/600 euro.A Milano 3 udienze a Pavia ha fatto tutto in automatico il giudice di pace in quanto si trattava di uno dei tanti autovelox
  • Sì, il Giudice anche oggi può condannare alle spese processuali la parte soccombente ma, per lo meno dalle mie parti, di fatto, compensa sempre le spese.
  • Giusto, però è anche vero che ci sono tanti ricorsi proposti a puri scopi dilatori (ci provo, se va bene, meglio; se va male, pago la stessa sanzione dopo un bel po' di tempo). Secondo me, basterebbe che il Giudice condannasse alle spese processuali la parte soccombente: i verbalizzanti starebbero più attenti e i ricorsi verrebbero proposti se veramente ci fosse un minimo di fondatezza.
  • Ogni legge o decreto attuato da qualche tempo in qua, qualunque sia il campo di applicazione, rivela un dato di fondo univoco: la penalizzazione del cittadino. Che sia il ricorso per la ricerca di giustizia, che sia la riscossione di un tributo, vengono istituiti ad arte percorsi tortuosi ed applicate sanzioni spropositate che quasi sempre vedono il cittadino come parte soccombente.
  • Quasi sempre si ricorre al giudice di pace perché la multa è illegittima o in stato di necessità; di norma anche se il ricorso viene accolto ci si rimette sempre (tempo, soldi e giorni di ferie). Perché non PUNISCONO anche l'ANAS quando non sa gestire le strade e abbassa i limiti di velocità e i COMUNI per l'atteggiamento persecutorio e temerario con cui comminano le solite multe "facili"?
  • Se questo può scoraggiare chi tentava di passarla liscia su certe infrazioni di fatto viene penalizzata tutta la restante maggioranza che si rivolgeva al giudice di pace per ottenere giustizia. Ora per le multe dell'ordine dei 30/40 euro, anche se comminate ingiustamente, è più "conveniente" pagare che ricorrere. Questa è privare di un diritto il cittadino e snaturare il giudice di pace.
     Leggi le risposte