Mercato

Mercato italiano
Le immatricolazioni tornano a crescere: +1,47% ad aprile

Mercato italiano
Le immatricolazioni tornano a crescere: +1,47% ad aprile
Chiudi

Il mercato italiano dell'auto torna a lanciare segnali di ripresa, anche se contenuti. Secondo i dati diffusi dal ministero dei Trasporti, ad aprile le immatricolazioni sono state 174.412, l'1,47% in più rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. La crescita, tuttavia, non consente di invertire il trend negativo innescato dalle flessioni registrate tra gennaio e marzo: il consuntivo del primo quadrimestre mostra, infatti, una diminuzione del 4,62% con 712.196 registrazioni.

FCA, in crescita solo la Lancia. Con 44.344 immatricolazioni, il gruppo FCA chiude il quarto mese dell'anno con un calo del 4,18%. Tra i vari marchi del gruppo italo-americano, cresce solo la Lancia (+30,72% e 5.736 registrazioni): scendono la Fiat (29.612 veicoli, -0,39%), l'Alfa Romeo (2.218, -49,92%), la Jeep (6.557, -12,46%) e la Maserati (171, -16,99%).   

PSA meglio del mercato. Alle spalle del gruppo italo-statunitense si conferma il gruppo PSA, con 28.802 registrazioni e una crescita dell'11,78%. Nel dettaglio, la Peugeot, incrementa le registrazioni del 6,75% con 10.195 unità e così fa la Citroën (8.335 immatricolazioni). In decisa crescita la Opel (9.964 veicoli, +21,73%), mentre la DS fa un balzo del 38,12% con 308 vetture immesse sul mercato. 

Anche Wolfsburg sale. Anche il gruppo Volkswagen registra una performance migliore del mercato, seppur inferiore a quella dei francesi: sono 25.792 le immatricolazioni, con un miglioramento del 3,59%. Tra i marchi, la Volkswagen sale del 5,42% (15.237 immatricolazioni) e la Seat del 23,05% (2.546); in calo la Skoda (2.363 vetture, -5,1%) e l'Audi (5.623, -4,16%). In spolvero la Lamborghini con un +21,05% grazie alle 23 immatricolazioni.  

Gruppo Renault e Ford. Ai piedi del podio si piazza il gruppo Renault con 17.897 immatricolazioni e una crescita del 7,65%. In deciso miglioramento risulta la Dacia, con un +96,68%, mentre il marchio della Losanga assiste a un peggioramento del 23,54%. Andamento negativo per la Ford, con 10.928 registrazioni e un -8,09%. 

Daimler e BMW. Ancora una volta, i gruppi Daimler e BMW mostrano un andamento divergente. Il produttore di Stoccarda, con 7.671 immatricolazioni, cresce del 7,24% grazie al balzo della Smart (+42,48%), pronta ad annullare la flessione dell'8,28% registrata dalla Mercedes. I concorrenti bavaresi, dal canto loro, risultano in calo del 9,62% con 6.491 registrazioni, di cui 4.749 riconducibili al marchio BMW (-7,93%) e 1.742 alla Mini (-13,93%). 

Asiatiche in chiaroscuro. Tra i costruttori orientali, si registra il trend positivo del gruppo Toyota: con 8.591 immatricolazioni, i giapponesi guadagnano l'8,91% grazie alla doppia crescita del marchio omonimo (+6,31%) e della Lexus (+106,86%). Tra gli altri costruttori asiatici, la Nissan cala del 4,54%, la Suzuki guadagna il 17,52%, la Mazda il 6,39% e la Mitsubishi il 36,73%, mentre la Subaru registra un pesante -49%. Per le coreane Hyundai e Kia, il mese di aprile indica una contrazione, rispettivamente, del 17,19% e dell'8,6%. In ascesa, seppur con volumi contenuti, risultano invece la SsangYong (+11,7%) e la proprietaria indiana Mahindra (+800%).

Bene la Volvo, giù la Jaguar Land Rover. Nel segmento premium, anche i gruppi Volvo e Jaguar Land Rover registrano risultati contrastanti. Il marchio svedese vede le immatricolazioni crescere del 5,96% (1.777 unità), mentre i britannici riscontrano un peggioramento del 16,44% con 1.942 unità, di cui 731 Jaguar (-15,1%) e 1.211 Land Rover (-17,22%). La Tesla, con 209 vetture immatricolate, sale del 514,71% soprattutto grazie all'introduzione della Model 3.

Panda sempre in testa. La Panda è sempre in cima alla classifica dei modelli più popolari, grazie a 13.701 immatricolazioni. Al secondo posto, ben distanziata, si piazza la Lancia Ypsilon con 5.736 unità, mentre al terzo c'è la Dacia Duster (4.338). Seguono la Fiat Tipo (4.048 vetture), la Renault Clio (4.033), la Fiat 500 (3.953), la Volkswagen T-Roc (3.889), la Citroën C3 (3.803) e la Dacia Sandero (3.721). Chiude la top ten, con 3.660 registrazioni, la Fiat 500X.

Non si ferma la flessione del diesel. Sul fronte delle alimentazioni, prosegue il trend fortemente negativo del diesel. Dopo il -31,4% di gennaio, il -22,6% di febbraio e il -25,2% di marzo, le motorizzazioni a gasolio subiscono una flessione del 22,5% e scendono dal 52,8% al 40,5% del mercato. Fa da contraltare la crescita delle auto a benzina con un +32,7% e il 44,8% della domanda (era il 34,2% un anno fa). Perde terreno il metano (-26,7%), mentre risale il Gpl (+12,9%). Le auto ibride, con un aumento del 29,2%, passano dal 4,2% al 5,4% del mercato, mentre le elettriche mettono a segno una crescita a tripla cifra (+355,9%), salendo dallo 0,2% di un anno fa allo 0,7%.  

In calo le società. In termini di canali di vendita, tutte le categorie risultano in crescita con l'unica eccezione delle società. I privati, che da mesi stanno sostenendo la domanda italiana di auto, crescono del 2,2%. Bene anche il noleggio (+22,7%), con le componenti di breve e lungo termine in miglioramento, rispettivamente, del 43,5% e del 12,1%. In calo del 30,6% le società con le autoimmatricolazioni, in flessione del 39,2%.

Risale l'usato. Il mercato delle auto usate torna a crescere dopo cinque mesi consecutivi di contrazione. In aprile, i trasferimenti di proprietà, al lordo delle minivolture (i passaggi temporanei a nome dei concessionari, in attesa della rivendita ai clienti), sono stati pari a 359.751 unità, lo 0,5% in più rispetto al corrispondente mese del 2018. Il primo quadrimestre vede, tuttavia, un calo del 4,1%, con 1.480.849 trasferimenti.

L'Unrae rivede al ribasso le stime 2019. L'Unrae, nel commentare l'andamento del mercato, esprime comunque preoccupazione, anche perché lo scorso mese ha beneficiato di un giorno lavorativo in più rispetto al 2018. “Nonostante il risultato di aprile", ha dichiarato il presidente dell'associazione delle Case estere, Michele Crisci, "lo stato di salute del mercato auto rimane preoccupante e lo stimolo derivante dagli incentivi ecobonus, peraltro indebolito dall’effetto negativo del malus sulle vetture con emissioni più elevate, potrà attenuare solo parzialmente gli impatti negativi di un contesto economico in peggioramento”. La stima per il 2019 è stata dunque rivista al ribasso, da 1.888.500 immatricolazioni a circa 1.850.000, in calo del 3,2% rispetto al 2018 (già in flessione del 3,1% sul 2017) e con "possibili rischi" di ulteriori contrazioni.

COMMENTI

  • Visto i numeri di T-roc circa 4000 pz contro i circa 1800 pz di Citriolen C3 air qualcosa Piangina-Fregnina-Nonché Indolor e scomparso con grande dolore al fegato color verde e cirrosi epatica al seguito
     Leggi risposte
  • @X_BOND: La storia è diversa. E' da più di un lustro che si sente dire che a Torino vogliono vendere tutto. Ma sono ancora là. Buttano 3 mil sulla Giorgio. Nuovo 2.2 TD: montato su Giulia, Stelvio, Wrangler. Nuovi Firefly. Nuovi Plug-in. Nessun nuovo modello. Poi arrivano a Ginevra con 2 concept. Io vedo un'azienda in mano a finanziarie che cambiano continuamente rotta. Altrimenti avrebbero fatto come con Magneti Marelli e avrebbero venduto tutto. Soprattutto dopo aver azzerato il debito. Invece vanno avanti. Boh...
     Leggi risposte
  • Perché le auto elettriche continueranno a crescere fino ad arrivare al 100% delle immatricolazioni? I motivi sono tanti, vanno dalla necessità dei costruttori di ottemperare alle norme sulle emissioni, dalla voglia crescente di tecnologia ed ecologia all'offerta sempre più ampia di modelli. Nel medio termine, dal 2021-2022, entreranno in gioco altri fattori decisivi come il raggiungimento o quasi della parità di prezzo con le ICE e un'accelerazione nella riduzione dei distributori di carburante (in atto già da decenni) causata dal calo dei consumi dovuto alla diffusione degli EV. Questo renderà più dispendioso, sia economicamente che come tempo necessario, raggiungerne uno per fare riforimento mentre le colonnine saranno sempre più diffuse. Ovviamente anche l'autonomia continuerà ad aumentare, saranno sempre più competitive e utilizzabili.
     Leggi risposte
  • Altre avventure senza senso non iniziate e non proseguite Freemont Barchetta. Mi sono dimenticato in effetti di 500 e Panda che alla faccia del Polo del Lusso di Grugliasco (mortoe sepolto da milioni di ore di cassa) tengono su la baracca
     Leggi risposte
  • Più vedo questi dati più penso a mio modesto avviso che FCA in Europa almeno non sappia proprio cosa farsene di FIAT LANCIA Alfa Romeo e Maserati. Dunque la FIAT aveva la 16 prima che scoppiasse la moda del SUVVETTINO e hanno deciso di non proseguire. Prima ancora avevano delle medie quali Stilo e Barvo/Brava e hanno abbandonato il campo per anni per poi tornarci con tutte le difficoltà del caso con Tipo. Avevano la Punto e anche quella arrivederci. Avevano la Croma e arrivrderci. Passando ad Alfa hanno abbandonato 159 e prodotti di nicchia come la GTV al loro destino e stanno fallendo con Giulia. Maserati da anni sforna la 4Porte e Ghibli auto ormai decotte prime di ogni infotainment. Hanno messo in strada Ghibli da una parte e Stelvio dall'altra. La prima posizionata male la seconda con 8/9 anni di ritardo quindi in un mercato che ha già trovate i suoi leader. Jeep è un piccolo miracolo che credo sia sfuggito al controllo e quindi non è stato ancora vittima di una management alquanto discutibile. Hanno venduto i gioilli di famiglia da ultimo Magneti Marelli quindi non saprei cosa aspettarmi.
  • e lasciatemi dire che mi riempie di grande tristezza il vedere come sul mercato Italiano Skoda venda più di Alfa Romeo e Tesla più di Maserati. Ho sempre sostenuto che l'idea di Marchionne era: facciamo due modelli nuovi, diamo l'impressione del rilancio e vendiamo tutto al primo pollo che ci casa. E mi pare sia proprio così, con Alfa Romeo vecchie come Noè (Giulietta), Maserati che non si sa cosa farà, strategia a lungo termine inesistente.
     Leggi risposte
  • l'auto elettrica sarà il futuro: si, perché ce lo impongono e le nazioni spenderanno miliardi tra incentivi ed infrastrutture. Diversamente il mercato dimostrerebbe che la risposta sono le citycar compatte a basso costo, come Panda ed Y, che stravendono nonostante siano vecchie come Noè. Stiamo assistendo al delirio delle ibride plug in, le cui emissioni sono molto più false del defeat device della VW: emettono poca CO2 solo sino a quando la batteria si scarica, poi emettono più della vettura senza parte elettrica perché si devono tirare dietro il peso delle batterie (scariche). Senza considerare che l'energia elettrica si produce in larga maggioranza bruciando qualcosa, per cui è fasulla anche l'emissione zero della parte elettrica. Insomma un delirio collettivo che ci costa pure carissimo: una Panda (od Y) a metano magari ibrida pura a 48 V sarebbe una risposta semplice, economica e seria a tutti i problemi della ecosostenibilità (che passa comunque attraverso una limitazione della popolazione mondiale, che ormai si raddoppia ogni trent'anni…)
     Leggi risposte
  • Che l'ibrido/EV sia una realtà è un dato di fatto. Che sostituiscano completamente le tradizionali non o trovo fattibile (nemmeno nel lungo termine). Continueranno a crescere, ma prima o poi si assesteranno. 40% Diesel...non lo vedo proprio morto: >50% era un'esagerazione. Detto questo, capitolo FCA: il mercato cresce e loro calano. Oltretutto sugli scudi Y e Tipo che non penso siano i prodotti "remunerativi" ai quali ambivano. In breve si sono ritrovati tra i piedi solo quei clienti ai quali "qualsiasi cosa...basta spendere poco": i peggiori. A questo punto, Gorlier non si sente più parlare, mentre Manley è diventato uno pseudo Musk tutto promesse mirabolanti. Comincio a pensare che questi non abbiamo nemmeno idea di che linea prendere. Coi benefit Tesla (se raggiungono l'accordo) avranno altro tempo a disposizione (pagato profumatamente) ma cmq o mettono mani al portafogli e si mettono a sfornare modelli o vendono la baracca. Tenuta così, FCA non penso riuscirà a continuare a fare utili. AR e Maserati...se questo è un rilancio...
     Leggi risposte
  • Wow 308 DS immesse sul mercato ... una per concessionaria immatricolata per la dimostrazione !!! Tra 4/5 anni con una decina di bisarche saranno pronte a fare tappa nei paesi del nordafrica o forse anche prima
  • Comprendo l'entusiasmo x la crescita di ibrido/elettrico, inevitabilmente destinato all'incremento nei prossimi anni, non certo però per la ventilata maggior coscienza ecologista, ma (come succede nei paesi del nord Europa...)semplicemente x gli incentivi di alcuni governi; però sono numeri ancora estremamente marginali, molto più esemplificative dell'attuale modello economico, sono invece le cifre di alcuni "anziani" modelli, che addirittura incrementano al vertice del mercato... I numeri della Panda sono tali da aver richiesto l'aumento dei turni in quel di Pomigliano e anche la Ypsilon si difende molto bene... Pochi soldi e numeri in aumento per le fasce basse, calo di quelle intermedie e lusso ovviamente insensibile alle...statistiche di vendita. Saluti
  • Ibride ed elettriche sono in forte aumento con questo trend superano le due cifre per l'anno prossimo(logicamente insieme) , male invece chi non ha creduto nelle nuove tecnologie, penso che nei prossimi anni qualche marchio scomparirà, ahimè temo per il nostro paese da sempre fanalino di coda negli investimenti, ma sopratutto la nostra classica insofferenza verso il nuovo, basta dire che Tipo è l'auto più venduta tra i diesel, il famoso detto chi fuma più di un turco... Una Tipo
  • Ibride ed elettriche sono in forte aumento con questo trend superano le due cifre per l'anno prossimo(logicamente insieme) , male invece chi non ha creduto nelle nuove tecnologie, penso che nei prossimi anni qualche marchio scomparirà, ahimè temo per il nostro paese da sempre fanalino di coda negli investimenti, ma sopratutto la nostra classica insofferenza verso il nuovo, basta dire che Tipo è l'auto più venduta tra i diesel, il famoso detto chi fuma più di un turco... Una Tipo
  • la bolla marchionne è scoppiata. Puff.
  • L'auto elettrica sarà il futuro. Si vede non dai numeri assoluti, ma dalla crescita percentuale. Nei prossimi mesi arrivano un sacco di nuovi modelli con un'offerta più ricca e valida.
     Leggi risposte
  • Con questi dati sempre in calo con numeri oramai irrisori,non che fine farà Alfa Romeo e pensare che a inizio anni 70 produceva quanto BMW !
     Leggi risposte
  • purtroppo FCA paga la povertà del listino e la scarsità di nuovi modelli di successo: probabilmente, per incentivare le vendite e mantenere la quota di mercato, sarebbe stato più saggio investire su una nuova Punto che non sullla coppia Giulia/Stelvio (peraltro ottimi mezzi, lo dico da vecchio alfista, anche per tradizioni familiari) che mi sembra non stiano facendo sfracelli nè in Italia nè altrove
     Leggi risposte
  • 1190 esemplari immatricolati, è un vero successo per le elettriche, gli incentivi si fanno sentire! Si vendono ancora troppe benzina e diesel, ma le ibride vanno bene, anche il metano si sta riprendendo.
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca