Multe

Italiani al volante
19 milioni di automobilisti commettono infrazioni

Italiani al volante
19 milioni di automobilisti commettono infrazioni
Chiudi

Italiani, popolo di indisciplinati al volante: secondo una ricerca di mUp Research, commissionata dal comparatore di polizze facile.it, lo scorso anno 19 milioni di automobilisti italiani hanno commesso un'infrazione. Si tratta del 56% dei patentati, in pratica uno su due.

Maledetto telefonino. Quali sono le infrazioni più comuni? il 29% del campione intervistato ha infranto i limiti di velocità, ma a preoccupare è il 31% che ha dichiarato di aver parlato al telefono senza vivavoce o di aver mandato sms o aver aggiornato i profili social, mettendo a rischio la propria e altrui incolumità. L'indagine ha poi evidenziato come ci siano persone che ancora non indossano la cintura di sicurezza (10%), non rispettano le distanze dal veicolo che precede (14%) e parcheggiano in sosta vietata (13%). L'1% degli intervistati, inoltre, non ha avuto alcuna difficoltà ad ammettere di aver guidato sotto l'effetto di alcol o stupefacenti. E quasi la metà (il 47%) ha dichiarato che, nonostante l'infrazione, non è stato sanzionato.

Una faccenda maschile. Ancora una volta le donne si sono rivelate, in genere, più prudenti, ma non di molto: i multati sono stati il 60% del campione di intervistati maschile e il 53% di quello femminile. Il numero medio di infrazioni commesse è maggiore al Centro Italia (2,02), ma è al Sud e nelle Isole che distrazione e comportamenti scorretti generano poi veri e propri incidenti. Il 7% degli intervistati ha avuto sinistri, più del triplo, per esempio, di quelli del Nord-Est, dove sono stati coinvolti in incidenti stradali solo il 2% dei conducenti. Per concludere, una curiosità: l'8% del campione è stato multato perché mangiava alla guida.

Redazione online

COMMENTI

  • Serviva una ricerca per sapere che per strada se ne vedono di tutti i colori? L'unica cosa positiva è che finalmente la leggenda metropolitana secondo cui le guidatrici sono super disciplinate si sta rivelando falsa. Velocità eccessiva,uso dello smartphone,mancato utilizzo delle frecce e distanze di sicurezza inesistenti sono infrazioni assolutamente unisex e non è raro ormai per strada vedere un dito medio con tanto di smalto che sporge dal finestrino dopo un sorpasso azzardato.