Burocrazia

Mobilità elettrica
Ecco le nuove regole sui monopattini

Mobilità elettrica
Ecco le nuove regole sui monopattini
Chiudi

Ennesima giravolta sui monopattini elettrici. Dopo l’inaspettata (e disinvolta) equiparazione alle biciclette, entrata in vigore l’1 gennaio grazie a un blitz di Italia Viva durante la discussione della legge di bilancio, ieri alla commissione Trasporti della Camera è stato approvato un emendamento al cosiddetto decreto milleproroghe che disciplina nuovamente la circolazione di questi mezzi.

Decreto Toninelli prorogato al 2020. La prima novità è che la sperimentazione, nei comuni che hanno aderito al cosiddetto decreto Toninelli (e che riguarda anche i segway, i monowheel e gli hoverboard), è prorogata di 12 mesi. Potrà durare, quindi, fino al 13 luglio 2022.

Solo dai 14 anni in su. Nel frattempo, e fino a quando non entreranno in vigore nuove norme ad hoc di cui si prevede già la possibilità, i soli monopattini “a propulsione prevalentemente elettrica” di potenza fino a 500 watt e non dotati di posto a sedere saranno equiparati alle biciclette, sia nei comuni che hanno aderito alla sperimentazione (in cui, dunque, le norme contenute nel decreto Toninelli varranno solo per gli altri mezzi per la micromobilità elettrica), sia in quelli che non lo hanno fatto. La nuova norma, però, mette molti paletti al loro utilizzo. Vediamoli uno per uno:

- Potranno essere condotti solo da maggiori di 14 anni;

- I minorenni dovranno indossare ”idoneo casco protettivo”;

- Potranno circolare esclusivamente sulle strade urbane con limite di velocità di 50 km/h;

- Potranno circolare sulle strade extraurbane solo se dotate di pista ciclabile e, quindi, solo su quest’ultima;

- Nelle aree pedonali non potranno superare la velocità di 6 km/h;

- Su strada non potranno superare i 25 km/h;

- Da mezz'ora dopo il tramonto a mezz’ora prima dell’alba e, comunque, in tutti i casi di scarsa visibilità, i conducenti dovranno indossare il giubbino o le bretelle retroriflettenti, mentre i monopattini dovranno tenere accese le luci anteriore e posteriore (quelli che ne sono privi potranno unicamente essere portati a mano);

- I conducenti dovranno procedere su unica fila “in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano” e, comunque, “mai affiancati in numero superiore a due”;

- I conducenti dovranno avere libero l'uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio sempre con entrambe le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta;

- Sarà vietato trasportare altre persone, oggetti o animali, trainare o farsi trainare da altri veicoli.

Le multe: da 50 euro alla confisca. La norma prevede anche apposite sanzioni: multa di 100 euro per chi circola con un monopattino a motore con caratteristiche tecniche diverse da quelle previste (cioè di potenza superiore o con posto a sedere); se il monopattino ha un motore termico oppure un motore elettrico di potenza superiore a 2 Kw, oltre alla multa è prevista la confisca del mezzo; cento euro di multa anche per chi circola su strade diverse da quelle previste o a luci spente o se il guidatore ha meno di 14 anni; sanzione di 50 euro, invece per chi circola senza casco o senza giubbino, affiancato a un altro monopattino, trasporta persone, oggetti o animali, traina altri veicoli o si fa trainare da essi.

Vietato circolare con veicoli atipici. La norma prende in considerazione anche possibili evoluzioni della mobilità, prevedendo una multa per chi circola con veicoli atipici per i quali non sono ancora state definite le caratteristiche tecniche e funzionali: multa di 200 euro, confisca del veicolo e distruzione dello stesso.

Quelli in sharing dovranno essere assicurati. La norma disciplina anche i servizi di noleggio, che possono essere attivati solo con una delibera della giunta comunale nella quale deve essere prevista, oltre al numero delle licenze attivabili e al numero massimo di dispositivi messi in circolazione, anche l’obbligo di copertura assicurativa.

Domani il via libera della Camera. Poi il voto del Senato. Come accennato all’inizio, tutte queste nuove disposizioni, contenute in un emendamento approvato ieri in commissione Trasporti alla Camera, entreranno in vigore, se il provvedimento sarà approvato dal parlamento, il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Il voto dell’aula della Camera è atteso tra stasera e domani, poi il passaggio al Senato (probabilmente con voto di fiducia tagliando fuori qualsiasi discussione nel merito). L’ultimo via libera, comunque, dovrà arrivare entro il 28 febbraio, pena la decadenza di tutte le norme contenute nel decreto milleproroghe.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Mobilità elettrica - Ecco le nuove regole sui monopattini

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it