Burocrazia

Incentivi auto
C’è l’intesa, dall’1 gennaio in arrivo altri 370 milioni

Incentivi auto
C’è l’intesa, dall’1 gennaio in arrivo altri 370 milioni
Chiudi

Incentivi auto anche nel 2021. La maggioranza che sostiene il governo ha raggiunto l’accordo politico sul rifinanziamento, con 420 milioni di euro, del sostegno al settore automotive a partire dall’1 gennaio 2021. Un emendamento ad hoc sarà inserito nel disegno di legge bilancio attualmente in discussione alla Camera. In base allo schema predisposto dalla maggioranza, che tiene conto anche delle indicazioni dell'opposizione, 120 milioni saranno destinati alle auto elettriche e ibride plug-in a basse emissioni, mentre per le vetture che si trovano oltre questa soglia saranno a disposizione 250 milioni. Gli ultimi 50 milioni, invece, saranno destinati ai veicoli commerciali leggeri (con 10 milioni per quelli esclusivamente elettrici). Ma vediamo nel dettaglio

L'ipotesi sul tappeto. Premesso che vi saranno certezze solo quando l’emendamento sarà formalmente presentato in commissione bilancio alla Camera, dove si sta discutendo quella che una volta era definita “manovra di fine anno”, si sa che la misura avrà un doppio binario. Da una parte un extra bonus (aggiuntivo rispetto all'ecobonus) per le vetture con emissioni di CO2 fino a 60 g/km, diversamente commisurato in base alla presenza o assenza della rottamazione di una vecchia auto immatricolata da almeno dieci anni e con un orizzonte fino al 31 dicembre 2021. Dall'altro lato, un incentivo erogato solo in presenza di rottamazione di un'auto immatricolata da almeno dieci anni per chi acquisterà vetture con emissioni comprese tra 61 e 135 g/km. In questa seconda situazione l'orizzonte della misura, salvo precoce esaurimento dei fondi, è limitato al 30 giugno 2021. In pratica si avrà il seguente schema

Con rottamazione

- 0-20 g/km: 6.000 euro di ecobonus + 2.000 euro di extrabonus + 2.000 euro della concessionaria
- 21-60 g/km: 2.500 euro di ecobonus + 2.000 euro di extrabonus +2.000 euro della concessionaria
- 61-135 g/km: 1.500 euro +2.000 euro della concessionaria

Senza rottamazione
- 0-20 g/km: 4.000 euro di ecobonus + 1.000 euro di extrabonus + 1.000 euro della concessionaria
- 21-60 g/km: 1.500 euro di ecobonus + 1.000 euro di extrabonus +1.000 euro della concessionaria

COMMENTI

  • insisto gli incentivi andrebbero fatti per le auto usate euro 5 e 6 la vendita del nuovo sarebbe una conseguenza. e andrebbe aumentata la deducibilità delle auto aziendale. dal 40% al 80% tutto a costo "0", o poco più ,per lo stato
  • @Emiliano Nervous. La pila è stata inventata nel 1799, pertanto XVIII secolo.
  • Vogliono ridurre il co2 e incentivano fino a 135 gr.Speriamo che non se ne faccia niente e utilizzino i soldi per qualcosa di più utile.
  • Una vergona la fascia: 61-135 g/km: 1.500 euro +2.000 euro della concessionaria, sembra fatta apposta per perpetuare all'infinito i TDI (a rate) che adesso hanno anche la farsa del micro/mild hybrid. Sconcertante!
     Leggi le risposte
  • Volete vivere in mezzo al cemento??? Città! Respirando... Problemi vostri!!!!! Me ne frego! Vivo in aperta campagna, ho la mia bella casettina, non mi costa nulla prima di andare a letto attaccare il cavo x ricaricare, nel mio porticato, l auto elettrica!!! Ci faccio pochi km anno, ma almeno x i primi 5 anni ...sponsorizza lo stato!!!!!!
     Leggi le risposte
  • @Caterina Debubis. Terribile incentivare auto a batteria. Una tecnologia del XVII secolo.
     Leggi le risposte
  • Assurdo continuare a sperperare soldi pubblici per sostenere l´auto elettrica. Si continuano a incentivare auto dal prezzo mediamente elevato accessibili, di solito, solo ad acquirenti che hanno un reddito relativamente alto. In altre parole le tasse del ceto medio vanno a finanziare i ricchi. In un paese dove non c´é lavoro e i redditi sono mediamente bassi che non permettono l´acquisto di auto, non si può continuare con la politica degli incentivi. I soldi tutt´´al più vanno dirottati per investimenti sulle infrastrutture. Per far crescere l´economia di un paese, e dunque i redditi e pertanto il potere di acquisto, bisogna fare politiche affinché si creino condizioni per investire e garantire l´occupazione cioè: detassare, sburocratizzare, creare infrastrutture per le imprese. Quando la gente avrà il lavoro, avrà un reddito più che accettabile e sicuro (non di sopravvivenza), potrà pensare anche ad acquisti non essenziali come l´auto elettrica.
     Leggi le risposte
  • Sino a che il 70% di auto in Italia non hanno posto auto la vedo dura.I garage interrati non sono costruiti ai suoi tempi perchè "attiravano traffico"Ora ci avrebbero fatto comodo
  • quindi se non hai una macchina da rottamare non ti danno nulla? Precedentemente ti davano qualcosa anche senza rottamazione...
     Leggi le risposte
  • Non viene mai chiarito se sia valido anche per auto km0 oppure se sia da considerare il prezzo effettivo o quello di listino
     Leggi le risposte
  • terribile incentivare ancora auto a combustibili fossili nel 2020. Poveri noi...
     Leggi le risposte
  • E' davvero questo il modo di spingere il passaggio alla transazione ecologica? 2 soldi su 74 miliardi del recovery fund? Cosa sperano di ottenere?