Curiosità

Riva
La storia dell'Aquarama Lamborghini

Riva
La storia dell'Aquarama Lamborghini
Chiudi

L’Aquarama è forse il motoscafo più iconico nella storia della nautica da diporto. Il nome di questo modello, in produzione dal 1962 al 1996, si deve al suo parabrezza avvolgente, che ricordava i grandi schermi Cinerama popolari negli anni Sessanta. Furono proprio le star del cinema, infatti, a far diventare questo runabout elegante, potente e senza tempo un vero e proprio status symbol. Nei cantieri Riva di Sarnico, sul Lago d’Iseo, ne furono costruiti 769 e oggi vi raccontiamo la storia del numero 278, commissionato da Ferruccio Lamborghini in persona nel maggio del 1968.

Quando due V8 non bastano. Il fondatore della Casa di Sant’Agata Bolognese, non pago dei V8 standard che il suo Aquarama avrebbe montato, chiese a Carlo Riva d’installare una coppia di V12 Lamborghini da 4.0 litri e 350 cavalli ciascuno. In questo frangente furono determinanti sia il contributo di Lino Morosini, all’epoca capo della divisione motori della Riva e responsabile del progetto, sia quello del collaudatore Lamborghini Bob Wallace. Nessuno meglio di lui, infatti, conosceva tutti i segreti di quei dodici cilindri che, in questo caso, andavano appaiati e convertiti all’uso nautico. Dopo la messa a punto, il regime di utilizzo andava dai 700 ai 5.000 giri/min e vantava una coppia formidabile che, grazie a numerose modifiche, era già disponibile "in basso" e consentiva all'Aquarama di sfiorare i 50 nodi di velocità massima.

Sound unico. Impaziente, il buon Ferruccio insistette per poterlo avere in acqua già nel mese di agosto: le maestranze guidate da Carlo Riva lavorarono giorno e notte per circa 90 giorni, terminando il motoscafo entro la scadenza prevista. Girando la chiave d’accensione e premendo i due pulsanti di avviamento, il ruggito baritonale di questo Aquarama riempiva la banchina, mentre le sei coppie di carburatori Weber doppio corpo ripartivano le giuste dosi di aria e benzina agli assetati cilindri bolognesi.

Materia da collezionisti. Ferruccio è stato proprietario di questo gioiello per vent’anni, fino a quando - nel luglio 1988 - decise di cedere l'imbarcazione al caro amico Angelo Merli, a quel punto già privata dei V12 (sostituiti da due unità V8). L'Aquarama continuò a navigare fino al 2008, anche dopo la morte di Angelo; rimase in cantiere per due anni e, successivamente, venne venduta dal figlio di Merli a un collezionista olandese. Grazie a un meticoloso restauro curato dal cantiere specializzato Riva World di Uithoorn (Paesi Bassi), l’Aquarama è tornato al suo splendore originario. Lo scafo di legno è stato ripreso, carteggiato, riverniciato; gli interni sono stati ripristinati e i sedili rifoderati; gli otto cilindri sono stati sostituiti da una coppia di V12 Lamborghini come da progetto originale, grazie all’aiuto di Fabio Lamborghini - nipote di Ferruccio e allora curatore dell'omonimo Museo di Dosso, Ferrara - nonché dei già citati Morosini e Wallace. Accuratamente ispezionato dagli esperti di Automobili Lamborghini e del Polo Storico, questo Aquarama unico al mondo è oggi di proprietà di un armatore italiano e fa parte della collezione del Museo Riva di Bellini Nautica, sul Lago d’Iseo.

COMMENTI

  • Sono bergamasco e sono orgoglioso di avere come compaesani gli idustriali RIVA conosciuti in tutto il mondo per la loro GENIALE costruzione dei LORO MOTOSCAFI e tutte le volte che passo per SARNICO davanti ai cantieri RIVA PENSO SEMPRE AI LORO BELLISSIMI MOTOSCAFI che sono l'orgoglio della GENIALITA' ITALIANA.