Foto spia

Renault Clio
Primi test per il restyling

Renault Clio
Primi test per il restyling
Chiudi

È tempo di restyling per la Renault Clio. Queste sono le prime foto spia della vettura francese, sul mercato dal 2013 e ora pronta a un aggiornamento: è stata la prima ad aprire al nuovo corso del design del marchio, che nel frattempo ha coinvolto tutta la gamma. La rinnovata Clio potrebbe debuttare nel corso del 2017 e non è escluso che ciò avvenga in territorio "amico", al Salone di Parigi.

Paraurti e gruppi ottici rinnovati. Le immagini mostrano un esemplare dotato di camuffature su frontale e coda, segno che il restyling coinvolgerà, come da tradizione, paraurti e gruppi ottici. Le fiancate sono scoperte e non presentano differenze, mentre non è possibile vedere con chiarezza l'abitacolo per capire se qualcosa è stato modificato anche in questo ambito. Il taglio della mascherina frontale sembra molto simile a quello attuale, ma ha imposto un nuovo taglio del cofano, mentre non sono presenti le luci diurne che potrebbero quindi essere trasferite ai gruppi ottici principali. La presa d'aria anteriore è radicalmente diversa dall'attuale e per questo sono stati spostati i fendinebbia verso l'esterno, con una soluzione più simile a quella della attuale Clio GT. In coda è difficile notare differenze: la linea dei gruppi ottici sembra molto simile, mentre le pellicole non permettono di capire se sarà mantenuta la finitura centrale nera del paraurti che ricorda un diffusore aerodinamico.

Ancora da definire le novità tecniche. Anche il terminale di scarico cromato sembra inedito, ma non fornisce dettagli sufficienti a considerarlo un indizio per eventuali aggiornamenti dei propulsori benzina e diesel della gamma. Tutto tace per quanto riguarda l'ibrido, nonostante si parli da tempo dell'arrivo di una soluzione mild hybrid: per il momento, non ci sono conferme in merito. L.Cor.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Renault Clio - Primi test per il restyling

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it