Nuovi Modelli

Kimera Automobili EVO37
L'icona dei rally rinasce in serie limitata - VIDEO

Kimera Automobili EVO37
L'icona dei rally rinasce in serie limitata - VIDEO
Chiudi

Il sogno di far rinascere un mito dei primi anni 80 diventa realtà. Attualizzandolo e portandolo al massimo livello di prestazioni. Il mito è la Lancia Rally 037 del 1982, mentre la creazione di oggi è la Kimera Automobili EVO37, una supercar stradale sovralimentata da 505 cavalli a trazione posteriore che sarà realizzata in soli 37 esemplari. Una vettura che, portando all’estremo limite la filosofia del Restomod, abbina lo stile e il fascino di una delle grandi regine dei rally alle peculiarità di una sportiva moderna in tema di qualità, prestazioni e sfruttabilità.

Dalle corse e i restauri… Artefice di questo progetto è il cuneese Luca Betti, ceo e fondatore della Kimera Automobili: rallista di livello internazionale, diventa imprenditore, fondando la Kimera Motorsport, la scuderia con cui ottiene significativi risultati come driver e come manager. I diversi anni spesi nel crearsi una solida esperienza nelle attività di restauro e ricostruzione di vetture Lancia da rally – come, appunto, la 037 e la Delta S4 nelle versioni stradali e da corsa – hanno contribuito a gettare le basi che hanno permesso di varare poi il progetto della Kimera EVO37. Proprio Betti è uno dei protagonisti dell'approfondimento Q Premium dedicato alla Kimera EVO37, nel quale potete trovare anche un excursus storico sulla Lancia Rally 037 con le immagini dell'archivio di Ruoteclassiche, le parole dell’ingegner Claudio Lombardi e del due volte campione del mondo rally Miki Biasion, che ha testato per primo la nuova sportiva.

Kimera EVO37: profumo di gloria

Edizione super limitata. Dei 37 esemplari che saranno realizzati della supercar piemontese, a un prezzo di partenza di 480.000 euro più Iva, undici sono già stati venduti a collezionisti internazionali, prima ancora della presentazione ufficiale.

Realizzata nella pandemia. Il progetto della EVO37 è partito realmente nel 2020 nel rispetto di quello che era lo schema tecnico della 037, e coinvolgendo sin dall’inizio la parte più importante del gruppo di lavoro d’origine. Parliamo degli ingegneri Sergio Limone, che ha approvato la revisione del telaio e l’impostazione della vettura, Claudio Lombardi, motorista d’eccezione, ex reparto corse Lancia e Ferrari di F.1, e di Vittorio Roberti e Franco Innocenti per la parte relativa al nuovo processo costruttivo e ai materiali impiegati. A collaudare la vettura, inoltre, sarà il due volte campione del Mondo Rally Miki Biasion.

L’apporto delle factory torinesi. All’équipe di lavoro della Kimera si sono aggiunti – e questa opera di valorizzazione del “territorio” è una parte importante del progetto di Betti – specialisti e tecnici in forza ad alcune delle migliori factory dell’hinterland torinese, come Italtecnica, Bonetto CV, Maps, LAM Stile, CiElle Tronics, Bellasi e Sparco, ai quali si aggiungono altre eccellenze italiane: Goodwool, Pakelo, Andreani-Öhlins, Brembo e Pirelli. Un patrimonio tecnico e culturale che merita una grande valorizzazione in un momento così particolare.

Autentica evoluzione. Le spettacolari forme della EVO37 sono rimaste nell’insieme fedeli a quelle della 037 d’origine, pur se alcune misure sono cambiate e se sono stati introdotti aggiornamenti e citazioni di altri modelli della Lancia. I tratti forti di continuità sono rappresentati, per esempio, dal frontale a quattro fari circolari (ora full Led, però), dal cofano con “bugna” centrale, dalla sezione dell’abitacolo (seppur più muscolosa e rastremata). La coda, invece, si presenta con un alto spoiler da corsa e un ampio profilo estrattore completato da quattro, sportivissimi scarichi.

2021-Kimera-EVO37-08

Base Montecarlo. Alla base del progetto, come all’epoca, c’è la cellula centrale della scocca della Lancia Beta Montecarlo di serie, alla quale, come a inizio anni 80, sono state saldate due strutture tubolari, una anteriore e l’altra posteriore, in cui sono state alloggiate le parti meccaniche. Sulla EVO37, tuttavia, le sezioni tubolari diventano portanti, e la cellula centrale diventa “guscio” del nuovo rollbar, che non si avverte dall’interno e non riduce l’abitabilità. Il motore resta centrale-longitudinale, così come è confermata la trazione posteriore; il differenziale autobloccante a lamelle è integrato nel cambio manuale a sei marce. Le sospensioni sono state riprogettate, mantenendo lo schema dell’epoca evoluto, e ora utilizzano parti della WP e della Öhlins. Il potente impianto frenante della Brembo prevede quattro dischi autoventilanti da 365 mm di diametro e pinze a 4 pompanti, mentre i cerchi sono da 18 pollici all’avantreno e da 19 al retrotreno, con pneumatici Pirelli differenziati dalle spalle molto ribassate. I materiali utilizzati sono di grande pregio, come è di altissimo livello la lavorazione delle componenti: parliamo di carbonio e kevlar, oltre a titanio, acciaio e alluminio lavorati dal pieno. Il peso della vettura non è stato dichiarato, ma le performance si preannunciano eccezionali e ben superiori a quelle degli anni 80, grazie ai 505 CV e ai 550 Nm di coppia garantiti dal motore.

2021-Kimera-EVO37-09

Doppia sovralimentazione: schema S4. Il cuore della biposto monta lo stesso monoblocco della 037, che è stato però riprogettato e realizzato dalla Italtecnica, sotto la preziosa supervisione dell’ingegner Lombardi. Il quattro cilindri in linea ha cubatura di 2,15 litri e distribuzione bialbero a quattro valvole per cilindro. Una base sulla quale viene innestata la nuova doppia sovralimentazione, grazie al gruppo compressore volumetrico tipo Roots dotato di elettrofrizione elettronica e del turbocompressore, sullo schema della Delta S4. Ciò, rispettivamente, per offrire una migliore risposta ai bassi-medi regimi e una maggiore potenza agli alti. Molto importante è anche l’introduzione di un sistema attuale di gestione elettronica del motore e delle sovralimentazioni, per ottenere anche un miglior rendimento.  

Da Cuneo in tutto il mondo. La sede della Kimera Automobili è a Cuneo, presso Villa Kimera, una residenza nobiliare del Seicento, dove sono riuniti gli uffici, il reparto assemblaggio e l’officina del marchio di nicchia. La supercar EVO37 sarà presentata ufficialmente a luglio, al Festival of Speed di Goodwood. Le consegne dei primi esemplari cominceranno a partire da settembre, con la commercializzazione gestita direttamente dalla Casa e da alcuni partner esclusivi.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Kimera Automobili EVO37 - L'icona dei rally rinasce in serie limitata - VIDEO

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it