Prove Speciali

Analisi Qualità
Com'è fatta la Cupra Born

Analisi Qualità
Com'è fatta la Cupra Born
Chiudi

Quando un’auto arriva al Centro Prove di Quattroruote, viene sottoposta anche a un accurato controllo qualità che prevede un report con ben 43 voci. Oggi vediamo nel dettaglio com’è andato l’esame della Cupra Born.

Osservando la Born, si nota subito il classico, elevato standard costruttivo del gruppo Volkswagen, fatto di verniciatura brillante e ben distesa, accostamenti precisi delle parti della carrozzeria e trattamento curato delle giunzioni delle lamiere. Come già sulla VW ID.3, qua e là vi sono tracce di un evidente contenimento dei costi: le guarnizioni delle porte sono di buona fattura, ma non molto estese, e si nota un largo impiego di plastiche dure per i rivestimenti dell'abitacolo. Infatti, soltanto la parte superiore della plancia e dei pannelli porta anteriori è di materiale morbido al tatto. In compenso, anche qui l'assemblaggio è privo di sbavature e i sedili di foggia sportiva sono ben foderati di microfibra. Peccato che, come peraltro capita spesso persino su modelli di classe superiore, le estremità dei binari di scorrimento siano prive di protezioni per le scarpe.

PIACE

2022-Cupra-Born_6

La parte superiore della plancia è rivestita di materiale morbido; quello dietro il volante, in particolare, è piacevole al tatto.

NON PIACE

2022-Cupra-Born_7

Le estremità delle guide di scorrimento dei sedili sono prive delle piccole protezioni che evitano di rovinare le scarpe dei passeggeri.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Analisi Qualità - Com'è fatta la Cupra Born

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it