Tecnologia

Mobileye
Le tecnologie che cambieranno la guida autonoma

Mobileye
Le tecnologie che cambieranno la guida autonoma
Chiudi

In occasione del Ces 2021, l'israeliana Mobileye ha svelato nuove soluzioni dedicate alle vetture a guida autonoma. L'azienda di proprietà della Intel vuole offrire ai costruttori una tecnologia completa, scalabile ed economica, in modo da seguire la repentina evoluzione della mobilità. Con questo obiettivo, la società prevede di portare sul mercato un innovativo tipo di sensore Lidar nel 2025.

Nuove città per i test. L'architettura, denominata Trinity, comprende i sistemi di mapping del territorio, le logiche di sicurezza dei sistemi di bordo e la sensoristica necessaria per l'acquisizione dei dati in tempo reale. Il sistema di mappatura basato sul crowd raccoglie dati su circa 8 milioni di chilometri al giorno ed è cruciale per fornire a tutti i veicoli le più accurate e recenti informazioni sui percorsi. I sistemi di questo tipo sono già presenti su circa 1 milione di veicoli nel mondo e la possibilità di collaudare le vetture in nuove città permetterà in tempi brevi di ampliare enormemente la base dati. Nel 2021, infatti, una serie di prototipi sarà impegnata a Detroit, Tokyo, Shanghai, Parigi e New York, mentre nel 2022 è previsto l'impiego di 100 prototipi a Tel Aviv per un'ulteriore messa a punto del sistema in vista della commercializzazione.

At CES 2021, Mobileye unveiled a new silicon photonics processor for frequency-modulated continuous wave (FMCW) lidar, engineered at Intel’s unique silicon photonics fab in New Mexico. This next-generation lidar SoC is expected to be in production by 2025. (Credit: Intel Corporation)

Lidar su chip nel 2025. Il salto di qualità in termini di costi e prestazioni avverrà con l'introduzione di sensori evoluti da affiancare alle telecamere e ai sistemi a ultrasuoni tradizionali: i radar, infatti, potranno contare su una nuova gestione digitale dei dati per poter ricreare l'ambiente circostante con grande accuratezza e saranno affiancati da inediti Lidar system-on-chip (SoC) basati sull'architettura XPU della Intel, previsti nel 2025 e sviluppati totalmente in proprio. Il pacchetto viene definito True Redundancy, perché garantisce la sicurezza nella gestione in tempo reale dei dati e nel controllo del veicolo, pur con un contenimento dei costi.

COMMENTI