Arriva l'assicurazione elettronica Entro due anni scompariranno i contrassegni dai parabrezza

×
 

Conto alla rovescia per l'assicurazione elettronica. Entrerà in vigore il prossimo 18 ottobre il regolamento sulla "progressiva dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione". Ma si tratta solo dell'inizio di un lungo percorso che si concluderà tra due anni, quando cesserà definitivamente l'obbligo di esposizione del vecchio tagliando cartaceo.

Verifiche in tempo reale. Ma vediamo, nel dettaglio, di cosa si tratta. Il concetto fondamentale è la cosiddetta "dematerializzazione", cioè la sostituzione dei contrassegni su sfondo giallo che tutti noi esponiamo sul parabrezza della macchina, "con sistemi elettronici o telematici" mediante i quali sia possibile verificare in tempo reale "la corrispondenza dei dati relativi al veicolo con l'esistenza e la validità della copertura assicurativa obbligatoria".

Una banca dati alla motorizzazione. L'apposita banca dati della motorizzazione sarà alimentata dalle altre banche dati già esistenti a Roma, cioè l'Archivio nazionale dei veicoli e l'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, e dalle informazioni su data di decorrenza, sospensione e scadenza delle polizze che saranno fornite in tempo reale dalle compagnie assicurative. I dati forniti dalle Assicurazioni saranno comunicati al ministero attraverso una piattaforma web dedicata oppure attraverso l'Ania, l'associazione delle compagnie. L'importante è che ciò avvenga, come detto, in tempo reale o, comunque, entro la data di decorrenza.

Un progetto a tappe. Tutto ciò avverrà, come detto, nell'arco di due anni. Ma il processo prevede alcune tappe fondamentali. Entro il 17 novembre prossimo la motorizzazione civile renderà operativa la struttura informatica della banca dati. Entro il 17 dicembre sempre la motorizzazione popolerà il database trasferendovi le informazioni contenute nella banca dati dell'Ania. Tra il 18 ottobre 2014 e l'aprile 2015 saranno attivati "i sistemi di accesso e trasmissione via web delle informazioni necessarie all'aggiornamento del database da parte delle imprese di assicurazione" e la possibilità, in base a requisiti da determinare, di accedervi da parte dei cittadini. Sempre entro la primavera dl 2015 sarà operativa la possibilità di collegamento della banca dati con le apparecchiature per il controllo del traffico e il rilevamento a distanza delle violazioni delle norme del codice della strada attraverso le quali sanzionare automaticamente la mancanza di copertura assicurativa. Poi, al più tardi entro il 18 ottobre 2015, il contrassegno a sfondo giallo scomparirà definitivamente dai nostri parabrezza. E con esso, si spera, le polizze false o taroccate.

Mario Rossi

daniele cunsolo

E cosa si sta facendo per le migliaia di auto con targa straniera, che girano come teppisti, senza assicurazione e non rispettando per niente il codice della strada? Non sono perseguibili, non si puo' fare multa, perche' possono non pagarla, non pagano assicurazione e se ci fai un'incidente sono c....i tuoi. In Italia si spremono sempre gli italiani, e gli stranieri fanno quello che vogliono.

COMMENTI

  • E cosa si sta facendo per le migliaia di auto con targa straniera, che girano come teppisti, senza assicurazione e non rispettando per niente il codice della strada? Non sono perseguibili, non si puo' fare multa, perche' possono non pagarla, non pagano assicurazione e se ci fai un'incidente sono c....i tuoi. In Italia si spremono sempre gli italiani, e gli stranieri fanno quello che vogliono.
  • Eh sì, vivi proprio su Marte. Intanto prima di prendere contatto col pianeta italia, impara a non usare la K. Hahhaha!! Ordinanza del sindaco altrimenti espulsione!!! E cappuccetto rosso quando lo chiamiamo in causa???
  • il contrassegno elettronico è la solita sciocchezza italiana. Che oltretutto è anch'esso possibile contraffare. Siccome le banche dati esistono gia, non sarebbe piu semplice dotare le forze dell'ordine di un semplice smartphone, con cui fare la foto alla targa del veicolo fermato, che si occuperà di verificare la copertura assicurativa semplicemente collegandosi alla banca dati ?
     Leggi risposte
  • io abito a roma e l'anno scorso nel mio municipio c'erano dei cartelli scritti in romeno che dicevano venite alla nostra agenzia per fare una targa romena così in italia non pagate le multe,io francamente da italiano sono stufo di pagare perché sono rintracciabile,lo stesso discorso vale nel non pagare i mezzi pubblici
  • Forse è la volta buona che verranno individuati i delinquenti , perché tali sono, che viaggiano senza copertura assicurativa.Bisogna solo capire come verrà gestita tutta la macchina organizzativa. Mi metto solo nei panni degli smemorati, oppure degli anziani, quel pezzetto di carta ti permette di ricordarti di pagare, comunque molte assicurazioni ti mandano l'avviso di scadenza per posta/mail.
     Leggi risposte
  • Beh, gli addetti ai lavori vogliono recuperare il sommerso! Alla fine ci guadagnano sempre e solo loro! Qualche innovazione per far pagare meno, no eh?
     Leggi risposte
  • Franck, quello che tu dici non è possibile farlo. Le leggi ci sarebbero, ma sono di applicazione sostanzialmente impossibile. E, stante quanto in Italia si tende a rapinare chi usa l'auto, per me il tuo amico rumeno fa proprio bene, e se potessi, lo farei anche io, fidati.
     Leggi risposte
  • E per i furbetti che viaggiano con auto con targa straniera? Sbaglio o mi sembra che i sistemi di rilevamento elettronico non fungono per loro per velox e ZTL... Continueranno a restare impuniti ora anche sulle assicurazioni? E quando due fanno un sinistro come si scambieranno i dati dell'assicurazione? Per via telematica? mmmmm.....
     Leggi risposte
  • Ad ogni modo, nonostante tutte le buone intenzioni e bla bla, non mi fido perchè sicuramente verrà trovato il modo di truffare e far pagare di + il povero automobilista onesto e diligente, costringendo chi può a fare altrettanto se desidera sopravvivere.
  • Sinceramente, mi sembrava più opportuna la scomparsa del PRA.
     Leggi risposte
  • Ottimo, magari la roadmap non sarà rispettata, ci sarà qualche proroga che farà slittare i tempi come sempre in Italia, quel che è importante però è che la strada è finalmente tracciata e alla fine ci arriveremo.
     Leggi risposte
  • voglio sperare la mancanza di assicurazione sia rilevata costantemente (e sanzionata) tramite portali tutor e ZTL e che il controllo non sia fatto solo una volta ogni tanto come quei bei blitz che a primo approccio fanno tanta notizia ma lasciano il tempo che trovano...
     Leggi risposte
  • wow finalmente anche in Italia si sono svegliati! Qui in UK da anni esiste questo sistema, niente tagliandi e le auto della polizia hanno in sistema che automaticamente inquadra le targhe delle vetture nelle vicinanze e rileva l'esistenza o no dell'assicurazione!
     Leggi risposte
  • Finalmente una buona notizia, tempi un po' lunghi ma speriamo bene. Redazione grazie per l'articolo puntuale e dettagliato, teneteci sempre aggiornati.
  • le fdo già adesso possono verificare la copertura di un veicolo, questo sistema in cosa li aiuterebbe? oltretutto non potrebbero + contestare il tagliando falso (1 anno di sospensione della patente)
     Leggi risposte
  • Immagino che il controllo si faccia attraverso la targa. Che significherebbe poter controllare le auto che passano con le telecamere delle ZTL, o degli autovelox (anche senza che sia registrata un'infrazione)... Chi subisce un sinistro e ha ragione ringrazia.
  • FINALMENTE!!
  • MI chiedo,per l'ennesima volta,come faranno a controllare le auto degli stranieri che popolano le nostre strade,i cui proprietari sono residenti in Italia da decenni ma girano spesso senza assicurazione.Detto ciò, dico benvenuta la possibilità di poter effettuare uno stretto controllo al fine di scovare chi non è assicurato; inoltre potrò finalmente togliere il fastidioso tagliando dal parabrezza.
     Leggi risposte
  • Odiato contrassegno che vai a rovinarmi il parabrezza, pussa via!
     Leggi risposte
  • il grande fratello applicato all'automobile...manca solo che elimino il contante e poi siamo a posto( si fa per dire...)...
     Leggi risposte
  • Ma quindi noi possessori di auto abbiamo una tessera o che cosa?
     Leggi risposte
  • wow, così la compagnia assicuratrice potrà applicare alla regola le varie clausole vessatorie e di limitazione della validità (del tipo, quanti km dichiara di percorrere in un anno?) per cui basterà sforare un po' per trovarsi scoperti. Mi sembra una fregatura.
     Leggi risposte
  • Evvivaaaa!!! era ora!!! speriamo che elimineranno anke quella disparità geografica dove le polizze assicurative del nord costano di meno rispetto a quelle del sud visto ke le compagnie assicurative sono TUTTE del nord...
     Leggi risposte
  • speriamo solo, anche se non ci credo, che alla fine come sempre pagheremo di più.
  • Era ora, con la tecnologia che esiste ci vuole un attimo a far emergere chi non ha rinnovato la polizza e gira senza l'assicurazione.
  • FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19405/poster_fd8b1cfb-e0ea-49d1-bcd4-59efc1729934.jpg Bugatti Chiron da record: 0-400 km/h in soli 42 secondi http://tv.quattroruote.it/news/video/bugatti-chiron-da-record-0-400-km-h-in-soli-42-secondi News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19400/poster_5bc718e4-8b86-4400-9590-58a22de2bedb.jpg Audi Elaine Concept: l'auto è sempre più intelligente http://tv.quattroruote.it/news/video/audi-elaine-concept-l-auto-sempre-pi-intelligente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19835/poster_001.jpg Horacio Pagani racconta il nuovo atelier e il museo http://tv.quattroruote.it/news/video/horacio-pagani-racconta-il-nuovo-atelier-e-il-museo- News

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    È tutto nuovo, nella grafica e nei contenuti, il numero di gennaio di Quattroruote, che vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    ASSICURAZIONE? SCOPRI QUANTO PUOI RISPARMIARE

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!
    In collaborazione con Facile.it
    1. Inserisci i tuoi dati anagrafici
    2. Inserisci i dati del veicolo
    3. Inserisci i dati assicurativi
    4. Confronta i risultati