Burocrazia

Multe
Nel 2021 calano gli importi, ma solo delle sanzioni più salate

Multe
Nel 2021 calano gli importi, ma solo delle sanzioni più salate
Chiudi

Come anticipato da Quattroruote sul numero di gennaio, con l’inizio del 2021 sono diminuiti gli importi di alcune multe per violazione delle normative stradali: ciò accade per la prima volta dall’introduzione del nuovo Codice, datata 1 gennaio 1993, ma il ribasso non riguarda tutte le tipologie di sanzioni. A ben guardare, infatti, solo quelle più salate risultano scontate di qualche euro, mentre quelle sotto i 250 euro non subiranno alcuna variazione.

Pochissima differenza. Volendo fare qualche esempio, è scesa da 544 a 543 euro la multa per il superamento dei limiti di velocità di oltre 40 km/h ed entro i 60 km/h (e da 847 a 845 euro se si supera la soglia di oltre 60 km/h), mentre per chi circola senza assicurazione l’ammenda è passata da 868 a 866 euro (in forma ridotta, da 607,60 a 605,50 euro). Si tratta, appunto, di violazioni pesanti, mentre per quelle meno gravi non è previsto alcun ritocco all’ingiù: il divieto di sosta ordinario, sempre a titolo di esempio, mantiene un importo di 42 euro (che diventano 29,40 con pagamento ridotto), e in generale rimangono stabili le sanzioni che non superano i 250 euro.

Dipende dall’indice dei prezzi al consumo. Il ribasso delle multe non fa certo notizia per la sua entità né per l’impatto che è destinato ad avere sui cittadini ma, come detto, perché si tratta di un caso unico in 28 anni. A determinarlo è una regola scritta nel Codice della strada legata agli indicatori espressi dall’Istat. In sostanza, la norma prevede che le multe siano “aggiornate ogni due anni in misura pari all’intera variazione dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatesi nei due anni precedenti”. In base all’ultimo dato diffuso dall’Istat, tale indice è risultato in negativo dello 0,2%: dunque sono scattati i tagli alle ammende, dai quali rimangono escluse quelle di importo inferiore per via delle norme sull’arrotondamento.  

COMMENTI