Concept

Volkswagen I.D. Vizzion
Senza volante, elettrica e intelligente - VIDEO

Volkswagen I.D. Vizzion
Senza volante, elettrica e intelligente - VIDEO
Chiudi

Un salto nel 2030: è così che la Volkswagen descrive la sua nuova concept elettrica a guida autonoma, la I.D. Vizzion appena presentata al Salone di Ginevra. Il prototipo ha forme futuristiche ma concrete e, grazie a un sistema driverless di livello 5, non dispone di un volante né di pedali. All’interno dell’abitacolo sono infatti presenti solo quattro sedili e alcune dotazioni tecnologiche: l’obiettivo di questa vettura, infatti, è quello di reinterpretare il modo di viaggiare, combinando il mondo reale e quello virtuale in una sola, coinvolgente, esperienza.

Livello 5. Per aprire la Vizzion basta uno sguardo: l’auto è in grado di riconoscere il viso del proprietario e di bloccare l’accesso a chi non dispone delle dovute autorizzazioni. Oltre a questo, un sistema di driverless di quinto livello gestisce tutte le fasi di guida dopo che i passeggeri hanno impostato la destinazione tramite controlli gestuali o semplicemente parlando. Scanner laser, sensori ultrasonici e radar analizzano la strada rilevando ostacoli, pedoni e altre vetture combinando i dati raccolti con le informazioni del cloud garantite dalla connettività car-to-X: secondo la Volkswagen, queste tecnologie di guida totalmente autonoma arriveranno sul mercato già nel 2025. Durante il viaggio sono selezionabili diverse modalità pensate per rilassarsi, lavorare, giocare o comunicare proprio come se si fosse a casa, mentre alcuni sensori biometrici rilevano i parametri vitali dei passeggeri regolando, di conseguenza, la climatizzazione. Sull’auto sono tuttavia presenti due selettori rotativi che, oltre a poterla fermare in caso di pericolo, permettono di regolare il volume dell’impianto audio e di gestire il funzionamento dell’interfaccia utente.

Volkswagen I.D. Vizzion Concept, la Model S a guida autonoma presentata a Ginevra

Nuova era. Nel 2020 la Volkswagen lancerà in rapida successione una serie di nuovi modelli elettrici che combineranno un design visionario con un’elevata autonomia: dopo le prime tre I.D. già presentate, a Ginevra è la volta di una nuova visione della mobilità. La I.D. Vizzion è una sorta di salotto su quattro ruote controllato da un’intelligenza artificiale con la quale è possibile interagire tramite dei semplici comandi vocali e gestuali. L’AI è in grado di riconoscere le persone che salgono a bordo regolando automaticamente i sedili e può imparare le abitudini dei passeggeri, sfruttando la propria esperienza per proporre viaggi sempre più piacevoli e rilassanti, offrendo, tramite la realtà aumentata e i visori Microsoft HoloLens, servizi più coinvolgenti e sempre connessi. Si possono così sfruttare i tragitti lavorando, riposandosi o comunicando in un abitacolo open space estremamente spazioso e tecnologico. Anche l’accesso è reso più semplice da porte che si aprono elettricamente a 90 gradi senza un montante centrale e con finestrini in grado di oscurarsi elettricamente in 200 millisecondi per proteggere gli occupanti dai raggi solari. La concept, tuttavia, non cede a compromessi sulla praticità: sul retro è presente un vano bagagli, con apertura automatica, da ben 565 litri.

2018-Volkswagen-ID-Vizzion-14

Elettrica e induttiva. Anche la Vizzion sfrutta l’architettura elettrica della famiglia I.D. con una capiente batteria da 111 kWh integrata nel fondo e due motori, uno per asse, con una potenza complessiva di 225 kW (306 CV). L’autonomia di 665 km è resa possibile da un sistema di trazione integrale intelligente che sfrutta le due unità propulsive, ognuna dotata di una trasmissione separata, a seconda del tipo di strada: l’asse anteriore può contare su un motore da 75 kw (102 CV) mentre quello posteriore ha a disposizione una potenza doppia. Per ricaricare la vettura è presente un sistema induttivo ma, oltre a questa soluzione wireless, per fare il pieno di elettroni è disponibile anche un connettore CCS (Combined Charging System) che permette di collegarsi sia alle prese domestiche, sia alle colonnine.

2018-Volkswagen-ID-Vizzion-3

La luce è il nuovo cromo. Proponendosi come modello più grande della famiglia I.D. (è lunga 5,16 metri) il nuovo prototipo ha proporzioni pensate per offrire il massimo spazio a bordo: il passo è di 3.100 mm e il design è al servizio della comodità e del confort di marcia. Per proiettare ulteriormente verso il futuro la nuova concept, i designer della Volkswagen hanno sostituito le tradizionali cromature con luci a Led: il logo della Casa è illuminato, così come anche le maniglie delle portiere e diverse linee dell’auto che creano animazioni non appena riconoscono, tramite analisi facciale, il proprietario. I fari anteriori HD Matrix dispongono di 8.000 punti luce che possono proiettare simboli e disegni sull’asfalto grazie alla tecnologia IQ Light, creando, per esempio, delle strisce pedonali virtuali per invitare le persone ad attraversare la strada. Al posteriore, invece, oltre a due strisce Led utilizzate come luci di stop, è presente anche un display Oled integrato nel lunotto che comunica in maniera interattiva l’intensità della frenata.

COMMENTI

  • Dopo aver visto l'anime derivato dal manga eX-Driver https://it.wikipedia.org/wiki/%C3%89X-Driver ambientato in un futuro di auto autonome senza comandi e una squadra di piloti lodati da tutti e di auto, rispetto a tutte le altre, considerate arcaiche, mi domando come si farà, in caso di panico quando molte persone non hanno il sangue freddo a usare i comandi di emergenza.
  • Ah, adesso si cancellano pure i commenti, se esprimono un'obiezione alla gestione del sito e dei suoi contenuti. Bel trattamento agli abbonati. Se il mio contributo è sgradito, tolgo il disturbo e mi leggo solo il periodico mensile.
     Leggi le risposte
  • Non male. Spero tuttavia, e lo credo in realtà, che tra 10 anni esistano anche automobili col volante. Credo che saranno predominanti, le automobili con volante. Altrimenti smetterò di leggere quattroruote e mi farò prendere dalla depressione ogni volta che mi vedrò passare in fianco uno di sti automi elettrici. Inevitabilmente la nostra libertà ne risentirà, in negativo, a dispetto di quello che può sembrare o di quello che ci viene "venduto" dal marketing. Fosse per me, tra 10 anni guiderei ancora una grossa SW tedesca con motore diesel-ibrido 6 cilindri. Non so se la moda elettrica e la moda anti diesel che imperversa in questo momento me lo permetterà. Forse la tecnologia degli accumulatori, stato solido, sarà effettivamente matura e allora per l'elettrico sarà tutta un'altra musica. Basta che le auto continuino ad avere il volante, se non altro a richiesta.
  • Se la comprano poi loro Voglio vedere la guida autonoma senza volante nei centri delle nostre città e paesi, dove c'è di tutto e di più...
  • Mamma mia che paura. Bisogna proprio che mi dia una mossa a prendere un auto come si deve finché ho un filo di ormone giusto. Però non è mica male sta trasportapersone robotica, è un bell'oggetto.
  • preferisco le auto di ora: ignoranti ma con il volante e TDI...
     Leggi le risposte
  • Senza volante se la attaccano al manico della panza.
  • Una VW che mi piace. Peccato che non la si può guidare....ma anche per l' "effetto serra".