Eco news

Bosch, Shell e Volkswagen
In arrivo una benzina che riduce le emissioni del 20%

Bosch, Shell e Volkswagen
In arrivo una benzina che riduce le emissioni del 20%
Chiudi

La Volkswagen, la Shell e la Bosch stanno collaborando per realizzare una nuova tipologia di benzina che promette una importante riduzione delle emissioni: si chiama Blue Gasoline, ed è una miscela ottenuta per il 33% da fonti rinnovabili, come biomasse e prodotti sintetici, che in base ai test effettuati dalle Case impegnate nello sviluppo può ridurre le emissioni di CO2 del 20%. 

Diesel e benzina con il 33% di componenti sintetiche. Il progetto segue la strada già percorsa con l'analoga variante del gasolio Blue Diesel R33, nel 2018, e la commercializzazione della Blue Gasoline sulla rete tedesca della Shell è prevista già entro l'anno. La Bosch, invece, adotterà da subito questa soluzione nelle proprie stazioni in Germania, per uso interno. 

Indicata per le plug-in hybrid. Il prezzo del Blue Gasoline dovrebbe essere allineato a quello della V-Power. Questa benzina è completamente compatibile con gli standard EN228/E10 ed è quindi utilizzabile su tutte le vetture già omologate per la Super 95 ottani, senza modifiche. Inoltre, alcune sue caratteristiche sopecifiche, come la stabilità al variare delle temperature, la rendono ideale per le vetture plug-in hybrid, nelle quali la benzina potrebbe rimanere nel serbatoio per lunghi periodi a fronte di un uso prevalente della batteria. 

COMMENTI

  • riduzione ulteriore dei più pericolosi idrocarburi incombusti ?
  • Io ho auto spagnola con motore 1.4 ww benza/GPL.ottimo motore.questa benzina da noi non arriverà, visto che Shell a ceduto tutti gli impianti a Q8.
  • Ottima notizia. Non si può vivere di solo elettrico.
  • Auspicherei maggiore chiarezza. la riduzione delle emissioni (CO2, NOX e PMI) è allo scarico, rispetto ad un'auto alimentata con combustibile di completa origine fossile, oppure si tiene conto, per le riduzioni, della CO2 "catturata" durante la coltivazione, come ritengo più probabile? In quest'ultimo caso sono molto perplesso, perchè in questo modo si sottraggono terreni agricoli alle coltivazioni per l'alimentazione umana
     Leggi le risposte
  • Dovrebbe essere presa come una buona notizia. Furgoni e Camion - almeno in Italia specifico per il Katiello che conta i fiorini Amazzon - per almeno i prossimi 10 anni saranno alimenti a gasolio. prima dell'agognata transizione finto green (vale solo per le auto e chissenefrega di tutto il resto) potremo vantare un reparto mezzi pesanti TDI meno inquinante. OTTIMO! Non so chi spenderà i soldi in piu per comprare questo carburante (devastando intere foreste per la biomassa) al posto del normale gasolio ma Comunque TOP
     Leggi le risposte
  • La stessa Shell che si è ritirata dal mercato italiano perché non redditizio, la stessa Bosch che dovrebbe in caso passaggio all'elettrico chiudere diversi stabilimenti, io aspetterei delle prove certificate da laboratori terzi, dopo il Dieselgate mi dispiace ma io non mi fido di questi signori
  • Sarebbe sicuramente un'alternativa "ponte" molto interessante per ridurre nel breve le emissioni di CO2. Tuttavia, per essere davvero efficace, questa eco-benzina dovrebbe - quantomeno - costare decisamente meno alla pompa della benzina normale. Perché se invece l'utente finale la vede più costosa ("come la V-Power" dice l'articolo), è certo che saranno ben pochi a sceglierla.
  • Ottima notizia. I tre amigos propongono un'ottima soluzione ai problemi ambientali. Shell del resto e' da sempre molto nota per l'attenzione a questi temi, basta guardare gli impianti di estrazione e distribuzione che ha in Nigeria, un riferimento per l'industria. VolksWagen si conferma come uno dei costruttori in prima linea. Dopo il green diesel ora il green petrol. Ed infine, Bosch, la riduzione delle emissioni sara' ottenuta grazie alla taratura accurata delle loro centraline di controllo.
     Leggi le risposte
  • Se fosse vero mi pare una ottima riduzione emissioni senza doversi inventare chissà cosa.
     Leggi le risposte