Industria e Finanza

Volvo
Con Geely una nuova società per i motori termici

Volvo
Con Geely una nuova società per i motori termici
Chiudi

La Volvo amplia ulteriormente la propria collaborazione con la consociata Geely avviando un'operazione di consolidamento interno nell'ambito dei propulsori a combustione interna. In dettaglio la Casa svedese e quella cinese hanno in programma di creare una nuova società autonoma fondendo le rispettive attività di sviluppo e produzione di motori endotermici.

I numeri della fusione. L’operazione, ancora nelle fasi preliminari, rappresenta solo l'ultimo esempio delle sempre più frequenti iniziative di consolidamento che i costruttori stanno portando avanti per ridurre i costi, condividere gli investimenti e quindi porre le basi per liberare risorse per le strategie di elettrificazione e rispettare le sempre più severe norme sulle emissioni inquinanti. Nel complesso l'iniziativa porterà alla creazione di un nuovo fornitore attivo a livello globale con una produzione di motori pari a oltre 2,5 milioni di unità: attualmente la Volvo produce circa 600 mila propulsori a combustione e la Geely quasi 2 milioni. La fusione interesserà anche 3.000 dipendenti del costruttore svedese e 5.000 dei cinesi: la nuova società avrà funzioni autonome di ricerca e sviluppo, approvvigionamento, produzione, information technology e finanza. L'unione delle attività consentirà di ottenere risparmi sulla componentistica e sui costi di sviluppo, ha affermato alla Reuters, Håkan Samuelsson, numero uno della Casa svedese, sottolineando la strategia della Volvo di concentrare sempre di più le sue attenzioni sull'elettrico: “In generale, il business dei motori a combustione non sta crescendo. È importante consolidare e cercare sinergie. È un altro passo che trasforma la nostra azienda nella direzione dell'elettrificazione”.

Gli obiettivi della Volvo e della Geely. L'operazione con la Geely rientra a pieno titolo nella strategia di medio termine della Volvo incentrata sull’addio ai diesel e su un crescente impegno sui propulsori non convenzionali. La tabella di marcia prevede che entro il 2025 la metà delle vendite sia costituita da veicoli elettrici e l'altra metà dalle ibride. La nuova società consentirà alla Volvo di ottenere risorse da destinare allo sviluppo della nuova generazione di propulsori ibridi e alla Geely di fare un ulteriore passo nella politica di costante ampliamento della collaborazione con gli svedesi avviata nel 2010 con la cessione dalla Ford alla Zhejiang Geely Holding. Negli ultimi anni le due società hanno approfondito la cooperazione con lo sviluppo di una piattaforma condivisa, con alcune joint venture produttive in Cina, con lo scambio di competenze e risorse e con accordi di fornitura reciproca. La Volvo fornisce, per esempio, i motori per alcuni modelli della Geely e condivide numerose tecnologie con il marchio Lynk & Co. La nuova società sarà il fornitore di tutti i marchi attualmente controllati dai cinesi (oltre a Volvo e Geely anche Proton, Lotus, Levc e Lynk & Co) ma l'obiettivo è servire anche altri costruttori interessati.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Volvo - Con Geely una nuova società per i motori termici

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it