Mercato

Mercato italiano
A luglio immatricolazioni in calo del 28% sul 2019

Mercato italiano
A luglio immatricolazioni in calo del 28% sul 2019
Chiudi

Il mercato italiano dell’auto rimane lontano dai livelli pre-covid anche a luglio. Secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti, lo scorso mese le immatricolazioni si sono attestate a 110.282 unità, in calo del 28,1% rispetto al 2019 e del 19,4% rispetto a un anno fa. Sulla domanda pesano diversi fattori negativi, tra cui l’esaurimento dei fondi per gli incentivi alla rottamazione e le problematiche legate alla crisi dei chip che stanno penalizzando la disponibilità di prodotto e i tempi di attesa. Inoltre, potrebbe aver pesato sull’andamento del mercato anche l’attesa per i nuovi incentivi, in vigore da poche ore e su cui puntano le attenzioni tutti gli operatori per avere un minimo di sollievo per il prosieguo dell'anno. Intanto i primi sette mesi del 2021 mostrano un immatricolato di 995.239 unità, il 19,5% in meno sui livelli pre-covid del 2019.

Segno meno per Stellantis. Il gruppo Stellantis immatricola 39.939 auto, il 31,9% in meno rispetto a luglio 2019, quando i gruppi FCA e PSA, non ancora confluiti nel nuovo costruttore euro-americano, avevano consegnato complessivamente 58.656 vetture. Tutti i nove marchi chiudono il mese con segno meno a eccezione della DS (+32,6 con 395 vetture): -56,9% per l'Alfa Romeo (938 immatricolazioni), -46,2% per la Citroën (3.411), +32,6% per la DS (395), -18,5% per la Fiat (16.420), -18,6% per la Jeep (6.071), -27,3% per la Lancia (3.140), -62% per la Opel (3.245) e -32,5 per la Peugeot (6.159). Infine, con 160 registrazioni, il marchio Maserati chiude luglio con un -36,8%.

Wolfsburg in discesa. In calo anche il gruppo Volkswagen: le 19.739 immatricolazioni implicano una contrazione del 22,5%. La flessione è il frutto del -18,2% dell’Audi (4.989 registrazioni), del -44,7% della Lamborghini (26), del -40,1% della Seat (1.426), del -14,9% della Skoda (2.095) e del -26,7% della Volkswagen (10.602). Il marchio Cupra, al quarto mese di presenza nel conteggio delle immatricolazioni, conta 601 vetture registrate, contro le 688 di giugno.

Renault e Ford. Il gruppo Renault continua a segnare performance peggiori rispetto a quelle del mercato: la Losanga immatricola 10.054 auto, il 40,6% in meno rispetto a luglio 2019. Di queste, 5.460 sono del marchio francese (-41,2%) e 4.594 della Dacia (-40%). Calo a doppia cifra anche per la Ford, che con 5.631 immatricolazioni chiude il mese di luglio con un -40,9%.

BMW e Daimler. In controtendenza il gruppo BMW: sono 5.416 le immatricolazioni, il 3% in più per effetto del +8,7% del marchio omonimo (4.042) e del -10,7% della Mini (1.374). Segno meno per la Daimler, che con 4.256 vetture chiude l'ultimo mese con un -38,4%: il marchio Mercedes cala del 20,1% (3.854) e la smart dell’80,7% (402).

Le asiatiche. Tra i costruttori orientali, il gruppo Toyota vede le immatricolazioni, pari a 6.794 unità, contrarsi del 4,3%: il marchio omonimo, con 6.455, cala del 3,8% e la Lexus, con 339, scende del 13,1%. Male anche la Suzuki, con un -21,6% (3.025), la Nissan, con un -36,7% (2.035), la Honda, con un -26% (462), la Mitsubishi, con un -56,8% (285), e la Subaru, con un -22,9% (192). Tra le giapponesi l’unica eccezione positiva è la Mazda: sono 1.012 le immatricolazioni, il 9,5% in più. Andamento negativo anche per le coreane: con 3.708 immatricolazioni la Hyundai flette del 13,3%, mentre la consociata Kia, con 3.518, perde il 12,4%.

Tesla in netto calo. Tra i marchi del segmento premium, la Volvo immatricola 1.389 vetture e perde il 14,2%, mentre il gruppo Jaguar Land Rover registra un -40,9% con 1.266 immatricolazioni, di cui 368 per il marchio del Giaguaro (-49,7%) e 898 per il brand delle fuoristrada (-36,3%). In forte flessione anche la Tesla: sono solo 9 le immatricolazioni, per una discesa del 94,7%. Andamento negativo per la Porsche (-36,8%, con 428 auto), mentre la Ferrari vede le immatricolazioni salire da 66 a 80.

Panda sempre in vetta. La classifica dei modelli più popolari vede sempre la Fiat Panda al primo posto con 7.238 unità, mentre la seconda posizione, a giugno conquistata inaspettatamente dalla Dacia Sandero, viene occupata dalla Fiat 500, con 3.719 unità immatricolate. Seguono, nell’ordine, la Jeep Compass (3.284), la Lancia Ypsilon (3.140), la Fiat 500X (2.844), la Toyota Yaris (2.843), la Volkswagen T-Cross (2.762), la Jeep Renegade (2.741), la Ford Puma (2.531) e la Dacia Sandero (2.525). Nel complesso, nella top ten sono ben sei su dieci le vetture del gruppo Stellantis.

Prosegue il boom delle elettrificate. Sul fronte delle alimentazioni, i dati forniti dall'Unrae evidenziano il trend di costante crescita delle elettrificate e, di converso, la continua contrazione dei motori endotermici. Nel complesso, l’aggregato delle auto ibride, plug-in ed elettriche cresce del 753,5% rispetto a luglio 2019 e vede la propria penetrazione migliorare dallo 0,9% al 10,2%. In particolare, le elettriche pure (5.096) registrano un incremento del 440,4% e salgono dallo 0,6% al 4,6% del mercato, mentre le ibride plug-in, grazie a un incremento del 1.512,3% (6.272), passano dallo 0,3% al 5,6%. Le ibride non ricaricabili, con un +290,3% e 32.736 immatricolazioni, passano dal 5,4% al 29,4% e superano abbondantemente le motorizzazioni tradizionali: le diesel perdono il 56,2% (25.218) e scendono dal 37,3% al 22,7%, mentre le benzina, con un -55,9% e 30.444 immatricolazioni, passano dal 44,7% al 27,4%.

Fiat 500 al vertice delle Ev. All’interno dell’aggregato delle sole elettriche, la top ten dei modelli più popolari vede la Fiat Nuova 500 tornare al vertice dopo appena un mese (a giugno era stata scalzata dalla Tesla Model 3): sono 883 gli esemplari immatricolati della city car torinese, mentre la berlina californiana esce del tutto dalle prime dieci posizioni. Dietro il Cinquino a batteria si piazzano la Renault Twingo (629), la Volkswagen Up! (374), la Smart fortwo (348), la Volkswagen ID.3 (309), la Peugeot 2008 (305), la Opel Corsa (292), la Renault Zoe (259), la Peugeot 208 (190) e la Hyundai Kona (190).

Male i privati. Quanto ai canali di vendita, i privati scendono del 27,4%, il noleggio a lungo termine del 12% e le società del 22,6%. In controtendenza il noleggio a breve termine, con un +50%. Pesante il calo delle autoimmatricolazioni: -55,4%.

Ancora giù le emissioni. Prosegue la riduzione delle emissioni medie di CO2: scendono a 119,5 g/km dai 143,2 di luglio 2019. Nei primi sette mesi dell'anno la media si attesta su 123,1 g/km, contro i 143,6 dello stesso periodo del 2019. Lo scorso mese sono state immatricolate 5.096 auto (4,6% del mercato) con emissioni inferiori ai 20 g/km e 5.677 vetture (5,1% del totale) nella fascia 21-60 g/km. Sono state invece 68.888 le registrazioni di modelli con CO2 compresa tra i 61 e i 135 g/km, il 61,9% del totale. Oltre a queste tre fasce, le cui vetture rientrano negli incentivi, sono state registrate anche 26.710 auto (24% del mercato) con emissioni comprese tra i 136 e i 190 g/km, mentre i modelli con valori di CO2 superiori ai 190 g/km sono stati 2.224, pari al 2% del mercato.

Il commento dell'Unrae. "Il rinnovo degli incentivi – afferma il Presidente dell’Unrae, Michele Crisci - era un provvedimento atteso, ma l’entità delle risorse risulta chiaramente inadeguata per sostenere, almeno fino a fine anno, la sostituzione del maggior numero possibile di auto inquinanti con vetture Euro 6. È quello che ripetutamente abbiamo chiesto come Unrae e che è stato recepito da molti parlamentari di tutti gli schieramenti. Il provvedimento approvato, per come è formulato, fa invece prevedere un rapido esaurimento dei fondi e, dunque, il rischio concreto che già a settembre ci sarà un nuovo stop del mercato”.

COMMENTI

  • ho letto bene...? tesla ha immatricolato 9 (nove) auto a Luglio?
  • Anche se in apparenza le Tesla sono sparite dal radar, questo e' dovuto al fatto che essendo la domanda globale sempre ai livelli di record, e cercano di soddisfare tutti i mercati cercando di distribuirle dov;e' piu lunga la lista d'attesa, Probabilmente il prossimo mese vedra' di nuovo le immatricolazioni inpennarsi di nuovo a numeri record anche in Italia. Non e' questione di domanda per la Tesla, ma di cercare di bilanciare la domannda con l'offerta.
  • Unica col segno + BMW. E pensare che i commentatori del forum in maggioranza stroncano quasi ogni modello. Sempre più convinto che vi sia netta divisione tra chi chiacchiera di auto e chi le compera.
     Leggi le risposte
  • Antonio S ha ragione da vendere. E' almeno 4 anni che cerco qualcosa di interessante, ma nulla. Vorrei acquistare un'auto solo elettrica ma, anche con gli incentivi, per una vettura di circa 4 metri, occorre aggiungere almeno 24.000, una follia!
  • il problema va molto al di la del covid e degli incentivi. Ormai per compare una segmento C elettrica o plug in ci vogliono dai 40 ai 50 mila euro, una cifra che chiunque sano di mente non spenderebbe mai per una piccoletta che, fa tre anni, varra' spiccioli. E se si opta per un modello tradizionale si rischia seriamente di non poter circolare nei grandi centri urbani nel giro di pochi anni. Io, e come me penso tanti, non ho la minima intenzione di cambiare la mia auto che ha meno di dieci anni e va alla perfezione, incentivi o meno. Aggiungici poi, ma questo e' un parere personale, la tristezza dell'offerta attuale, in apparenza bulimica ma in effetti fatta della stessa identica auto sotto carrozzerie differenti e troppo spesso brutte e sgraziate: ma chi me lo fa fare? Quelle poche volte che voglio divertirmi vado con la mia trentaseienne euro 0, quando devo spostarmi con la mia attuale, finche' posso. E poi amen, le auto semplicemente non valgono quello che costano
     Leggi le risposte
  • Ma al di là del covid e dei incentivi si/no, chi sano di mente spenderebbe le cifre richieste oggi per l'acquisto di un auto nuova? Per una plug in o un'elettrica se ne vanno facilmente 50mila euro per una media, che fra tre anni varrà spiccioli. E se non è plug in o elettronica, rischi che fra non molto non circolerai più nei grossi centri. Mala tempora currunt, ma sul serio. Io, e credo molti altri, proprio non ci penso a cambiare la mia auto che non ha ancora dieci anni e che va alla perfezione
  • Bene così. Per "salvare" il mondo, l'unica strada è di diminuire la produzione di tutti i beni. Quest'anno l'overshoot day è stato il 29 luglio! Gli obiettivi delle aziende di aumentare sempre i fatturati non sono compatibili con la difesa dell'ambiente.
     Leggi le risposte
  • Gli incentivi non servono a nulla, o meglio servono a fare regali ai costruttori che modellano i listini a loro piacimento... per far quadrare i conti. Se vogliono dare incentivi per sostituzione di auto vecchie e molto inquinanti (giacché inquinanti sono tutte, anche quelle elettriche, anche se meno), devono trovare un sistema diverso, tipo un rimborso (ops, cashback) ogni o dopo tot mesi/anni di possesso ecc...
     Leggi le risposte
  • Fa quasi compassione la richiesta di unrae circa incentivi che andrebbero a favore dell’ambiente. Eppure (da 4R di luglio) la fabbricazione di un’auto determina l’emissione di 6-10 tonnellate di CO2 (addirittura 10-24 secondo dati del Tcs). Di conseguenza una sostituzione affrettata di auto ancora valide e’ controproducente ai fini della tutela dell’ambiente. Spero che il più presto possibile siano applicati i criteri lca per valutare le emissioni
  • Sono molte le motivazioni e notissime: grande incertezza economica, poca sicurezza lavorativa, dichiarazioni contrastanti da parte della politica e delle case costruttrici. Aggiungo anche, ma forse è un parere troppo personale, la mancanza di modelli realmente accattivanti nei listini e quindi passa la voglia di acquistare.
     Leggi le risposte