ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Arval
Al via il nuovo piano quinquennale Beyond

Arval
Al via il nuovo piano quinquennale Beyond
Chiudi

In una conferenza internazionale online, seguita dai media italiani in una location fisica di Milano, Arval ha presentato il nuovo piano strategico 2020-2025 Arval Beyond. "Vogliamo diventare il riferimento per le soluzioni di mobilità sostenibile per aziende e privati", ha detto il presidente e ceo della società di noleggio a lungo termine  Alain Van Groenendael. Un passaggio che, naturalmente, non escluderà il core business aziendale. Tuttavia, Arval Beyond "cambia le regole del gioco", come ha sottolineato l'ex direttore generale di Arval Italia Gregoire Chové, ora managing director Europe del gruppo: il piano quinquennale, infatti, è basato su un'approfondita analisi del predecessore e dei risultati del suo Osservatorio, in cui ha chiaramente avvertito un mercato soggetto a una netta trasformazione, "accelerata dal Covid-19". Per la società francese, comunque, le cose non sono andate male, anzi: negli ultimi anni, la flotta gestita è aumentata mediamente del 7,4% e la crescita non si è fermata neppure nell’annus horribilis della pandemia, registrando a settembre un incremento del 6,6%. "Entro il 2025 puntiamo a raggiungere i due milioni di veicoli noleggiati, di cui 500.000 elettrificati, con una riduzione del 30% di emissioni di CO2", ha spiegato Van Groenendael. "Inoltre, vogliamo diminuire il tasso di incidentalità del 10%. Pensiamo di ottenere una fetta consistente del nostro fatturato dai nuovi servizi che stiamo lanciando proprio oggi".

2020_Majtan_Arval

Arval Beyond. Come spiegato dal numero uno della società francese e dai vari responsabili delle divisioni che dovranno implementare il nuovo piano, Arval Beyond si basa su un'offerta divisa in quattro macro segmenti: "Con 360° Mobility passiamo dalla gestione delle auto aziendali a quella di tutti i servizi di mobilità oggi disponibili, come il noleggio delle biciclette elettriche, il car sharing, le soluzioni di micro mobilità. Nel 2025, in tutti i Paesi in cui Arval opera, saranno disponibili prodotti e servizi di mobilità alternativa e sostenibile". Con Good for you, Good for all, inoltre, Arval punta a diventare un'azienda leader nell’ambito della sostenibilità e della transizione energetica, con un'offerta integrata di veicoli elettrici, a cui si aggiunge una proposta a favore della sicurezza stradale, riducendo i premi assicurativi a chi sceglie auto ben equipaggiate dagli Adas. Si lavorerà inoltre sulla flessibilità delle proposte con Connected & Flexible, possibile anche grazie alla connettività di bordo. Grazie a quest'ultima, verranno lanciati nuovi servizi come il pagamento digitale dei parcheggi, la prenotazione del lavaggio dell’auto, la consegna di pacchi all’interno del veicolo, l’assistenza vocale per la ricerca di strutture riparative o di rifornimento o per richiesta di assistenza. "Entro il 2025", ha proseguito Van Groenendael, "l’80% della flotta globale sarà connessa". L'ultimo punto del piano presentato dal top manager è Arval Inside, con cui l’Nlt transalpino accelererà sulle partnership, come "ha fatto e sta facendo molto bene in Italia: tra i 30 mercati dove siamo presenti, questo è certamente uno dei più innovativi, dove spesso testiamo i nostri nuovi prodotti”. 

2020_arval_beyond_italia

Il piano italiano. Arval Beyond, dunque, avrà uno sviluppo anche nel nostro Paese, dove la società ha già lanciato il noleggio mid term (da uno a 24 mesi) e il corporate car sharing, sta pensando di proporre il rinoleggio dell’usato certificato, e, grazie alla partnership con Telepass, è anche all’avanguardia sulle soluzioni per le auto connesse. "Lanciamo una strategia molto ambiziosa malgrado tutto", ha ricordato il direttore generale Italia Štefan Majtán. "In Italia registriamo un trend positivo pur con target rivisti, perché il Nlt è un segmento resiliente all’interno del mondo automotive, sempre più scelto da aziende e privati per i costi certi e i servizi di qualità che eroga. Il noleggio rimane centrale per il nostro business, ma si sta spostando sui nuovi trend della mobilità. Basta vedere quello che sta succedendo a Milano. Perciò abbiamo deciso, insieme ad altri sette mercati, di lanciare anche il noleggio di e-bike, al momento per le aziende clienti". Una proposta "tutto compreso" e nell’ottica delle società di Nlt, come ha annunciato la direttrice marketing, comunicazione e Csr dell’azienda Alessia Pedersini. "Offriamo una rete di manutenzione su tutto il territorio italiano, strumenti di protezione individuale e per la bici, come il caschetto all’antifurto, l'assicurazione completa e, naturalmente, due modelli innovativi, belli e performanti".

COMMENTI