ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Hertz
L'azienda è pronta a uscire dal Chapter 11

Hertz
L'azienda è pronta a uscire dal Chapter 11
Chiudi

Il tribunale fallimentare del Delaware ha dato il via libera al piano di riorganizzazione della Hertz, che entro il 30 giugno porterà l'azienda di noleggio auto fuori dal Chapter 11 (il sistema statunitense per proteggere dai creditori le società in difficoltà, per poi rimetterle sul mercato). Tale ristrutturazione comporterà il pagamento per intero dei crediti e il versamento di circa un miliardo di dollari agli azionisti, i quali hanno votato a grande maggioranza (il 97% ha detto sì) il piano. Il programma è destinato a rafforzare dal punto di vista patrimoniale la società di Estero, in Florida, andata in difficoltà più di altri noleggiatori proprio per la mancanza di capitali dovuta ai massicci investimenti fatti proprio poco prima che scoppiasse la pandemia di Covid-19

Il piano. La ristrutturazione della multinazionale del noleggio a breve termine eliminerà oltre 5 miliardi di dollari di debito, compreso tutto quello "corporate" di Hertz Europe, e fornirà più di 2,2 miliardi di dollari di liquidità. La Hertz godrà infine di una linea di credito che ammonta a 2,8 miliardi di dollari, e di una linea di finanziamento di circa 7 miliardi di dollari per i veicoli garantiti: "Con l'approvazione odierna del nostro piano da parte della Corte e un nuovo gruppo di investitori impegnati, siamo pronti a uscire dal Chapter 11 entro la fine di questo mese come un'azienda ben capitalizzata e ancora più competitiva, con la flessibilità e le risorse per perseguire nuove opportunità di crescita" afferma il ceo Paul Stone, con un ringraziamento a tutti i dipendenti che hanno continuato a lavorare nonostante la situazione contingente. 

COMMENTI