Nuovi Modelli

BMW M4
Giù il peso, su i cavalli: la CSL è una sportiva vecchia scuola - VIDEO

BMW M4
Giù il peso, su i cavalli: la CSL è una sportiva vecchia scuola - VIDEO
Chiudi

In occasione dei 50 anni del reparto M, la BMW ha sviluppato, per i suoi più fedeli seguaci, la M4 CSL. Potenza massima di 550 CV, trazione posteriore, impostazione estrema, produzione limitata: ci sono tutti gli ingredienti per celebrare come si deve il marchio sportivo della Casa tedesca. Dopo l'anteprima mondiale al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este, la CSL sarà esposta alla 24 Ore del Nürburgring del 28 maggio e parteciperà al Goodwood Festival of Speed del 23 giugno. La produzione dei 1.000 esemplari previsti inizierà nel mese di luglio: il prezzo della vettura non è stato ancora comunicato.

Bmw M4 Csl 4r 2022

La M più veloce della storia al Ring. La BMW definisce la nuova CSL, arrivata a 20 anni dalla precedente M3 su base E46, come un mix ideale tra passione "old school" e tecnologia innovativa, che trova un nuovo equilibrio tra prestazioni estreme in pista e fruibilità su strada. Partendo dalla base della M4 Competition è nato quindi un modello capace di ottenere l'omologazione stradale e, contemporaneamente, di stabilire un tempo di 7 minuti e 20 secondi e 207 millesimi sull'Anello Nord di 20,8 km del Ring: il miglior crono di tutti i tempi per una M.

100 kg in meno della M4 Competition. Uno degli obiettivi dei progettisti era la riduzione del peso: la sigla CSL (Competition Sport Lightweight) lo imponeva, e il risultato è un taglio di 100 kg sulla massa a vuoto rispetto alla M4 Competition, per raggiungere quota 1.625 kg. Per ottenere questo obiettivo, che vale un rapporto peso/potenza di 2,95 kg/CV, è stato eliminato il divano posteriore (-21 kg), sono stati adottati (di serie) sedili M Carbon a guscio (-24 kg) e freni carboceramici con dischi anteriori da 400 mm abbinati a cerchi di lega forgiati da 19" e da 20" (-21 kg), ed è stata rimossa gran parte del materiale fonoassorbente (-15 kg). Inoltre, sono stati realizzati nuovi componenti esterni e interni in Cfrp (- 7kg) e il reparto M ha sviluppato un silenziatore dello scarico di titanio con valvole integrate e terminali matt black (-4 kg). Ulteriori quattro chili, poi, sono stati limati modificando la griglia frontale (ora semplificata nelle forme), i gruppi ottici, i tappetini e l'impianto di climatizzazione (ora monozona). I progettisti hanno quindi eliminato altro peso costruendo in Cfrp il tetto e il portellone posteriore. Il cofano motore presenta una sezione centrale con fibra a vista contornata da profili rossi: questi elementi proseguono fino al tetto, dove sono presenti due pinne, mentre in coda spicca il profilo aerodinamico integrato. Altri elementi specifici in fibra di carbonio sono rappresentati dallo splitter frontale, dalle minigonne e dal diffusore. 

Un colore su misura. Per la CSL, la BMW ha creato la tinta speciale Frozen Blooklin Grey Metallic: in alternativa, i clienti potranno ordinare la vettura anche nelle varianti Alpine White (pastello) e Sapphire Black Metallic, con l'opzione dei loghi commemorativi M. Un altro optional è rappresentato dai gruppi ottici Laserlight, che integrano le luci diurne gialle a Led ispirate alle vetture da competizione. Sono invece di serie i fari posteriori a Led con tecnologia Laser, al debutto su un modello di serie. 

550 CV e 307 km/h. Il motore sei cilindri turbo tre litri ha guadagnato 40 CV rispetto alla M4 Competition ed eroga, quindi 550 CV e 650 Nm. La potenza massima è raggiunta a 6.250 giri, mentre la coppia è disponibile da 2.750 a 5.950 giri. Per ottenere questi risultati, la BMW ha utilizzato l'esperienza maturata con la M4 GT3 da competizione, lavorando anche sull'elettronica di gestione per portare la pressione di sovralimentazione da 1,7 a 2,1 bar. L'impianto di scarico, specifico, mantiene i filtri antiparticolato e sfrutta due valvole comandate dall'M Sound Control sulla plancia per offrire la migliore colonna sonora possibile nella guida sportiva. L'impianto di raffreddamento è stato ottimizzato e prevede prese d'aria maggiorate nel frontale, per migliorare i flussi d'aria. Inoltre, sono stati installati supporti più rigidi per motore e cambio. La BMW ha scelto, per la CSL, la configurazione con cambio automatico otto marce e trazione posteriore, caratterizzata da un software specifico di gestione di tutti i componenti. Con queste credenziali, la M4 CSL tocca i 100 km/h da fermo in 3,7 secondi e i 200 km/h in 10,7 secondi, mentre la velocità massima è autolimitata a 307 km/h. Il dato dello 0-200 km/h è quello più significativo, poiché migiora di ben 1,8 secondi il valore dichiarato relativo alla M4 Competition. 

2022-bmw-m4-csl-09

Assetto e controllo di trazione sono specifici. L'assetto prevede un nuovo elemento di rinforzo di alluminio che unisce i duomi delle sospensioni anteriori. Sono inoltre di serie le sospensioni Adaptive M a controllo elettronico e il servosterzo M Servotronic: tutti gli elementi sono stati rivisti con software e tarature dedicate. E ancora: l'altezza da terra è stata ridotta di 8 mm e sono state installate barre antirollio maggiorate e doppie molle per assecondare la guida più estrema. All'asse posteriore, infine, questa M4 speciale monta supporti rigidi di derivazione racing. Dal programma M Setup è possibile scegliere fra tre diverse regolazioni dell'assetto: Comfort, per l'uso stradale, Sport, sviluppato al Nürburgring, e Sport Plus, per l'impiego esclusivo in pista. È inoltre possibile accedere a una nuova funzione dell'M Traction Control, che per la sola CSL prevede regolazioni ad hoc, declinate in 10 step: i primi cinque sono identici alla M4 Competition, mentre dal sesto in poi sono presenti settaggi pensati per la guida in pista, differenziati in base alle condizioni di aderenza. Il sesto e il settimo sono indicati per condizioni di pista asciutta con gomme in temperatura, l'ottavo, il nono e il decimo sono da utilizzare invece con gomme fredde o pista bagnata. Sul fronte pneumatici, la BMW ha optato per misure differenziate tra gli assi: 275/35 19" anteriori e 285/30 20" al retrotreno. L'intero set vanta una mescola specifica delle semi-slick omologate Michelin Sport Cup 2R.

2022-bmw-m4-csl-05

Sedili su misura, due posti e tanto carbonio. Gli interni della BMW M4 CSL rispecchiano la sua natura da track-day. I sedili M Carbon sono personalizzati per offire il massimo contenimento nella guida in pista, e l'inclinazione non può essere regolata. Sono predisposti per l'uso di cinture di sicurezza a sei punti e il poggiatesta ha un elemento che può essere rimosso per consentire di posizionare correttamente la testa quando viene indossato il casco. I rivestimenti sono di pelle nera e Alcantara rossa con cuciture personalizzate. Per le sedute è comunque prevista la regolazione elettrica longitudinale e il riscaldamento, tuttavia i clienti potranno optare, senza variazione di costo, per i sedili standard della M4 Competition. La zona posteriore ospita due portacaschi su misura, mentre l'intera console centrale è stata sostituita da un nuovo elemento semplificato di Cfrp, in cui è presente anche l'inedito comando Setup per accedere rapidamente alle regolazioni dedicate alle prestazioni, e l'M Mode, per gestire le modalità di guida Road, Sport e la Track, che disattiva tutti gli Adas e le funzioni legate al confort, riservata alla sola CSL. La strumentazione e l'infotainment Live Cockpit Professional hanno la stessa impostazione della M4 Competition, mentre il volante M Alcantara con paddle di fibra di carbonio è specifico per la CSL. Sono di serie anche l'M Drive Professional, con analisi della telemetria dell'M Laptimer, e l'M Drift Analyzer, per misurare le proprie capacità in sovrasterzo. Rimane optional l'head-up display con funzioni specifiche, come il contagiri colorato e le spie di cambiata.

COMMENTI

  • Non discuto la tecnica e l'appeal degli ultimi modelli , sono un appassionato del marchio avendone possedute 4 , però negli ultimi tempi le linee che presentano mi sembrano una brutta copia dei modelli precedenti . Una ricerca , ossessiva, di riproporre linee già viste cercando di modificarle !!!
  • 105 chili più della GTAm sono troppi (ma le comprerei tutt’e due)
  • Si ma questi son fuori, da quella griglia passa di tutto; e va a schiantarsi contro il radiatore.
  • La leva del cambio non sembra un gran che, e comunque pesa ancora troppo.
  • 1625kg mi sembrano ancora troppi anche per la prova costume, toglietene altri 200 e se ne può parlare
  • Sono abbastanza stupito nel leggere questi numeri, dei 100Kg risparmiati, il fulcro del lavoro tecnico/ingegneristico (che costerà pure parecchie migliaia di euro) con l'utilizzo di materiali speciali, ha prodotto un dimagrimento abbastanza limitato, il grosso è stato ottenuto con operazioni basiche che potrebbe fare qualsiasi meccanico sotto casa (o al limite anche il fai da te nel box) come l'eliminazione del divano, dei rivestimenti e il montaggio di sedili più sottili.... Mi verrebbe da scrivere la battuta "tanto rumore per...."
     Leggi le risposte