Viabilità

Trasporto pubblico
Le inefficienze costano 1.500 euro a famiglia

Trasporto pubblico
Le inefficienze costano 1.500 euro a famiglia
Chiudi

Ritardi, inefficienze, scioperi, sovraffollamento sono problemi che affliggono quotidianamente chi - per scelta o necessità - prende i mezzi pubblici. Carenze che si aggiungono a un'infrastruttura inadeguata che non riesce a reggere il confronto con il resto d'Europa. Messi tutti insieme questi fattori rappresentano uno "spread" che costa a ciascuna famiglia 1.500 euro all'anno, circa tre volte più di quanto si spende mediamente per l'Imu. È il preoccupante quadro che emerge da uno studio promosso della Fondazione Caracciolo dell'Aci e dal Dipartimento di ingegneria dei trasporti dell'Università Federico II di Napoli dal titolo "Il trasporto pubblico locale in Italia: stato, prospettive e confronti internazionali".

Arretratezza del sistema. Secondo l'Aci, in questo momento di crisi diventa ancora più determinante investire sul miglioramento del trasporto pubblico; metropolitane, bus, tram e treni urbani sono determinanti per lo sviluppo di una mobilità realmente sostenibile e rappresentano alleati strategici dell'auto. A causa dell'arretratezza del sistema dei trasporti e della mancanza di servizi economici ed efficienti ciascun italiano è costretto a ricorrere più spesso all'automobile. Da qui nasce lo "spread", ossia il maggior onere per ciascuna famiglia.

Integrazione con l'auto. "Serve una pianificazione coordinata a livello centrale degli investimenti e degli interventi, stimolando un salto di qualità del sistema di trasporto pubblico che deve integrarsi di più con l'auto", afferma il presidente dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani. "In quest'ottica servono anche più parcheggi di scambio, a costi calmierati compresi nel biglietto urbano, per favorire quella plurimodalità di trasporto che è l'unica soluzione perseguibile fin da subito per una mobilità urbana conveniente e sostenibile".

Numeri disarmanti. Il settore ferroviario (sia urbano sia extraurbano) è quello in cui l'Italia risulta particolarmente carente rispetto all'Ue. Mediamente nel Vecchio continente ci sono quasi otto treni km per ciascun abitante contro i cinque dell'Italia. Nelle città maggiori è presente una rete metropolitana di circa 20 km per milione di abitanti, rispetto a una media europea di 54 km. Al di là dei freddi numeri, per rendere meglio l'idea basti pensare che nella sola città di Madrid sono presenti più chilometri di metro che in tutta l'Italia. Un dato clamorosamente esplicativo.

Prezzi più bassi, ma costi maggiori. Il confronto con gli altri Paesi non risulta più positivo sulla dotazione di tram, con una media europea di circa 120-130 km di rete per milione di abitanti contro i 40 km del nostro Paese, anche se per contro le tariffe del biglietto risultano mediamente più basse del 50% (ma con costi operativi superiori del 30%). Anche l'età del nostro parco circolante di autobus e filobus è maggiore: già nel 2005 era di 9,2 anni contro la media europea di 7,7 e dati più aggiornati evidenziano un netto peggioramento (circa 11 anni), anche a seguito del blocco dei finanziamenti pubblici per il rinnovo del parco bus.

La ricetta dell'Aci. Per rimettersi al passo con il resto dell'Ue occorre mettere sul piatto investimenti per un miliardo di euro da destinare a risorse aggiuntive in servizi e oltre quattro miliardi di euro all'anno per dieci anni in infrastrutture e materiale rotabile. Un'enormità, ancor di più in questo momento di incertezza economica. E allora, che fare? L'Aci propone una ricetta che si articola in sei punti: ripensare le priorità di investimento del comparto, valutare fonti di finanziamento alternative a livello locale, liberalizzare il settore, realizzare un mercato aperto alla concorrenza, redigere Testo Unico che regolarizzi la normativa, far partire quanto prima l'Autorità dei Trasporti.

Roberto Barone

COMMENTI

  • Se facessero pagare il biglietto a tutti ci sarebbero le risorse da dedicare al potenziamento dei mezzi ed alla pulizia degli stessi , il 50% degli stranieri non paga il biglietto ed oltre tutto sono anche strafottenti cosa che all'estero non succede.
     Leggi risposte
  • alle ZTL mi dite come ci si può permettere di creare ZTL , allargare marciapiedi riducendo gli spazi per i parcheggi qunado uno è costretto a muvoersi con il mezzo privato? è una vergogna.
     Leggi risposte
  • metropolitane, o circumvesuviana e cuman, con treni vecchi sporchi ed infine decine di persone che non obliterano il biglietto. INoltre non so perchè a Napoli il tram mezzo bellissimo ed ecologico è poco diffuso, fa semplicemente la tratta Portici, Poggioreale viaMarina, quindi 1/4 dell'intera città. E così si vuole combattere ilt raffico? però nonostante tutto ciò il sindaco de Magistris pensa
  • A Napoli abbiamo un trasporto pubblico allo sbando, pochissimi autobus, linee tagliate, ridotte con attese interminabili alle fermate, la maggior parte sono autobus con oltre 10 anni di servizio, che spesso cadono a pezzi, privi di aria condizionata, una metropolitana Linea 1 ancora in costruzione dal 1976, inoltre spesso le corse avvengono ad intervalli enormi per non parlare delle altre reti
  • Possiamo parlare quanto vogliamo, ma il trasporto pubblico sarà sempre 1 rimessa. Considerando solo il rapporto tra grandi e piccole città possiamo vedere ke le seconde sono in maggioranza schiacciante ed è proprio in queste ke il sistema diventa + inefficiente. Vivo vicino ad Ancona e qui i mezzi a parte gli studenti non li prende nessuno però i bus girano sempre. Avrei altro da dire ma i 400 car
  • visto che siamo in argomento vi racconto cosa mi è capitato la settimana scorsa: vado a prendere il treno delle 7.38 a san pietro in casale (bologna) diretto a bologna centrale. dopo neanche 10 secondi viene comunicato che il treno è rotto !! iniziamo bene la giornata. comunque sarei arrivato in tempo in facoltà anche con il treno successivo; ma arrivati a bologna l'autobus dopo 300m si è rotto
     Leggi risposte
  • Inoltre l'Italia è stata sanzionata dall' europa x 75 mln di euro (se nn ricordo male) perchè ha il parco autobus obsoleto e senza standard di sicurezza che non rispetta le normative europee di inquinamento emissioni etc etc. morale: meglio pagare la multa anzichè finanziare e far lavorare la gente e poi coi soldi degli italiani si compreranno bus Iveco (Fiat) in Francia o Rep Ceca
  • Fate bene a lamentarvi ma forse non sapete che la Fiat il 7 Luglio 2011 ha chiuso l'unico stabilimento italiano che produceva autobus (Irisbus Italia) sito in provincia di Avellino mettendo in strada 800 dipendenti + indotto dopo aver speso ca 8 mln di euro a gennaio 2011 per modernizzare e potenziare la capacità produttiva.
  • Io con l'atac ci litigo tutti i giorni. Ma è l'unico modo che ho per andare al lavoro, abitando ad oltre 100km dall'ufficio. Di andare a lavoro in macchina a Roma non se ne parla proprio. In generale trovo poco intelligente andare a lavoro in auto. Per andare al lavoro si deve usare il modo piu' economico possibiole, dato che è a totale carico del dipendente
  • Da consumato pendolare ho 2 idee a favore della mobilità urbana: 1)disincentivare le situazioni del tipo 'una macchina=una persona' magari consentendo il parcheggio gratuito quando si è in 4. 2)le aziende di mobilità (pubbliche o private) devono cedere gratuitamente ad altri competitor le tratte che non ritengono produttive, altrimenti il servizio deve essere efficente. E sarebbe solo l'inizio...
  • Scioperare nel trasporto pubblico deve essere proibito.
  • Ringrazio Quattroruote per questo articolo.
  • Tutto può essere migliorato, ma bisogna andarci cauti. Il prezzo del biglietto è corretto, quello che è da migliorare è il costo di esercizio, troppo alto. L'inquinamento nelle grandi città non è più accettabile, dunque nuovi bus esclusivamente elettrici.
     Leggi risposte
  • Ad S H : non per essere di partito preso però investire avrebbe senso se fatto bene ovvero Turismo con la T maiuscola. La sardegna non potrà mai vivere di agricoltura o allevamento. Per quanto riguarda le linee urbane purtroppo siamo in mano ad una società incapace di dare un servizio efficente. L'ARST è un pò più organizzata ma non ha un sito con le tratte bene indicate!!!!
  • la mia esperienza, In UK sul bus e paghi il biglietto al conducente, la transazione si fa al momento. Non c'è maniera di viaggiare gratis. Da Stansted che è l'aereoporto che conosco meglio ci sono 3 compagnie bus di cui una italiana(terravision)e una linea di treni che si occupa solo di questa tratta. CONCORRENZA. Tornelli e guardiaporta a tutte le station più il controllore.
     Leggi risposte
  • Parlare di "servizio pubblico" in Italia è quantomeno azzardato: Ritardi, scioperi, inefficienza sono caratteristiche comuni anche a Milano, dove la situazione è buona solo relativamente all' arretratezza delle altre grandi città Italiane: Basta uscire dai nostri confini e ci si gratifica con il mezzo pubblico, che diventa fruibile, comodo ed economico: Scioperi? Non pervenuti...
     Leggi risposte
  • Ah, favolosi! Per 60 anni abbiamo speso energie a distruggere i servizi di trasporto pubblico, a rendere i residui poco appetibili, "da poveri". Rete tranviaria e ferroviaria decimata o per le linee parzialmente in servizio non completate. Perché si dovevano vendere le FIAT. E ora? Ora ci si lamenta che non abbiamo servizi pubblici efficienti? E la FIAT zoppica! Ragazzi, siamo forti!
     Leggi risposte
  • Credo che l'Aci farebbe bene a tacere e guardare le proprie inefficienze interne, che pesano anch'esse nelle tasche dei cittadini. Poi una considerazione, si parla di prezzi dei biglietti più bassi del 50% rispetto al resto d'Europa, beh forse era vero in passato, ora mi risulta che Roma e Milano siano a 1.50?, a Parigi è 1,70?, solo che a Parigi ci sono 21 linee di metro, a Roma e Milano quante??
     Leggi risposte
  • mediamente in italia con il biglietto si paga una quota tra il 10 ed il 15% del servizio, il resto viene dalle tasse.. non varrebbe la pena togliere tutti i servizi di trasporto pubblico e risparmiare un sacco di soldi e che poi ognuno si arrangi??
     Leggi risposte
  • Proprio oggi ho parlato con un mio amico inglese di rientro da un viaggio in Italia. Mi ha raccontato scioccato che vedeva le persone salire sui mezzi pubblici senza obliterare i biglietti o le tessere, e poi i graffiti sui mezzi pubblici. Unendoci altre perplessità è arrivato a chiedermi sorridendo su cosa si basasse l'economia italiana. Quanta strada abbiamo ancora da fare...
     Leggi risposte
  • Beh, a proposito di inefficienza dei trasporti pubblici faccio presente la situazione che abbiamo vissuto qua in Calabria per circa una settimana con le Ferrovie della Calabria, ovvero stipendi non pagati e mezzi senza gasolio...Gli studenti non potevano andare a scuola e la gente non poteva andare a lavoro. Ora si è trovato un accordo, ma chissà quanto durerà...
  • ..ha impiegato ben 3 settimane ad aggiornare i tabelloni elettronici in cui vengono indicati gli orari di passaggio dei mezzi, lasciando nel più totale disordine i passeggeri. Pago 140 euro per 10 mesi e per fare 15 klm impiego un ora di cronometro. più che investire sui mezzi pubblici bisognerebbe investire che ci governa e chi gestiche queste società di truffatori!
  • In sardegna probabilmente abbiamo i peggiori collegamenti ferroviari d'europa. Abbiamo una linea interna che passa nei più spettacolari paesaggi dell'isola, che invece di essere valorizzata stà cadendo nel dimenticatoio con carrozze risalenti agli anni 60 come costruzione!! Giusto per fare un numero, l'azienda di trasporti urbana di Cagliari..
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca