Concept

Fiat Centoventi
Manley: "Non sostituirà la Panda"

Fiat Centoventi
Manley: "Non sostituirà la Panda"
Chiudi

La notizia ce l'ha data Mike Manley, ceo del gruppo FCA, durante l'incontro con la stampa italiana a margine della presentazione delle novità del Salone di Ginevra. Alla nostra domanda "La Centoventi è la nuova Panda?" il manager inglese ha risposto sparigliando le carte sul destino della concept appena svelata. "La Centoventi è un veicolo di segmento B. La Panda è chiaramente un'auto di segmento A, dunque i due modelli puntano a fasce di mercato diverse. E la Panda, come sapete, continua ad andare molto bene". Come a dire: non avrebbe senso cambiarla in modo così radicale.

Un nuovo modello, Punto. Quella che pareva essere l'erede della più iconica delle Fiat, e che noi avevamo anticipato, dunque, potrebbe avere un altro futuro, magari come sostituita della Punto, giunta a fine carriera. Eppure, durante la presentazione, i riferimenti alla Panda sono stati numerosi, dal peluche bianco e nero sistemato sulla plancia della concept ai tanti rimandi alla praticità che erano tipici della prima Panda, quella di Giugiaro. Anche le dimensioni: l'abitacolo della Centoventi può ospitrare quattro persone, come la Panda, mentre la Punto ne può accogliere cinque. E le dimensioni del prototipo, 368 cm, appena 3 più della Panda attuale, facevano pensare esattamente alla sua ideale erede. Invece, a sentire Manley, non sarà così: la sua modularità forse la pone di certo come mezzo ideale per il car sharing e per tutte le forme di condivisione che prenderanno sempre più piede, soprattutto nelle grandi città. "È una concept che mostra quello che la Fiat potrebbe fare per il futuro, la nostra visione", ha concluso Manley. "È importante farla vedere qui, al Salone, per avere un feedback. Poi, decideremo se portarla o no in produzione". Vedremo.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Fiat Centoventi - Manley: "Non sostituirà la Panda"

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it