Concept

Sul numero di agosto

Tutti i segreti della Fiat Centoventi - VIDEO

Sul numero di agosto

Tutti i segreti della Fiat Centoventi - VIDEO
Chiudi

Semplice e pratica come la prima Panda: con sedili, tasche laterali e accessori rimovibili e spostabili. Componibile nel tempo: la compri oggi in configurazione base e te la “arredi” come vuoi e, soprattutto, quando vuoi, in base al tuo budget. Elettrica, con diversi tagli di batterie: se fai poca strada, ti prendi quello minimo, da 100 km di autonomia, ma puoi incrementarlo in seguito. Così le emissioni zero diventano abbordabili.

FIAT Centoventi: è davvero la nuova Panda?

Futuro di serie. È la formula – geniale – della Fiat Centoventi, la concept car svelata al Salone di Ginevra 2019 e destinata a diventare un prodotto di serie. È arrivata nel nostro studio fotografico a luglio, assieme al ceo del marchio, Olivier François, che l’ha ideata e fortemente voluta. E che la racconta, con dettagli inediti e retroscena, in un servizio esclusivo su Quattroruote di agosto.

COMMENTI

  • La prima volta che l'ho vista a geneve non mi è piaciuta molto, in particolare c'erano configurazioni virtuali che la facevano somigliare allr citreon cactus. L'ho rivista bene da vicino dentro anche a un altro evento e l'ho trovata più interessante anche come interni. Ovviamente un'auto così potrebbe avere qualsiasi marchio, ma fiat ha fatto bene finalmente a proporre qualcosa di diverso degli stiracchiamenti dello stile retro di 500
  • una mia personale curiosità: come si comporta una macchina del genere se la temperatura cala a -2 anche durante il giorno?
  • Inserisci qui il tuo commento.
  • I cinesi ringraziano per avergli fatto risparmiare tempo e denaro per questo tipo di progetto e stanno dando avvio alla produzione di modelli molto simili con scopiazzature varie prese qua e la :-) per il lancio sui mercati "al piu` presto possibile" in barba a fca .....:-(. Comunque i giapponesi della Honda hanno gia` fatto qualcosa di simile .
     Leggi risposte
  • Inserisci qui il tuo commento
     Leggi risposte
  • Ma allora non c'è proprio limite al ridicolo! "linee semplici, pulite, lontane dagli estrosismi giapponesi, dalle auto insetto coreane [...]" Ma se avesse un logo Suzuki o Honda nessuno se ne sarebbe stupito (ma qualcuno l'avrebbe trovata brutta e magari troppo "estrosa"...) "per [sic] buona pace di chi si rifugia nel passato per ripetere sempre e solo lo stesso modello, allungandolo di qua, stiracchiandol di là". Ti riferisci forse a 500, 500X, 500L , 500L Wagon... ?