Concept

Mini Electric Pacesetter
La one-off è la nuova Safety Car della Formula E - VIDEO

Mini Electric Pacesetter
La one-off è la nuova Safety Car della Formula E - VIDEO
Chiudi

La Mini ha realizzato una speciale one-off, che sarà utilizzata come Safety Car nel campionato di Formula E. Si tratta della Electric Pacesetter, che anticipa il futuro legame tra le varianti a propulsione elettrica del marchio e i reparti sportivi John Cooper Works e BMW Motorsport. La vettura debutterà in occasione dell'E-Prix di Roma, in programma il prossimo 10 aprile 2021: al volante siederà il pilota Bruno Correia.

Aerodinamica e look specifici. Questo esemplare unico presenta un'aerodinamica e un design esclusivi, che combinano degli elementi nuovi, come i passaruota allargati e il diffusore, ad altri già visti, come l'ala posteriore e i cerchi di lega forgiati da 18" ripresi dalla Mini GP. Le prese d'aria frontali sono chiuse, sebbene venga conservata l'impostazione della mascherina, mentre in basso sono previste delle apposite canalizzazioni per raffreddare l'impianto frenante. Gran parte degli elementi aerodinamici sono realizzati tramite la stampa 3D con materiale riciclato, mentre la livrea combina le tinte Matt Grey, Black, Energetic Yellow, Highspeed Orange e Curbside Red.

Mini Electric Pacesetter, la safety car della Formula E

Svuotata per la pista. Gli interni della Mini Electric Pacesetter sono stati ridotti al minimo indispensabile per ridurne il peso, lasciando soltanto il sedile del pilota e i comandi essenziali. La vettura è dotata di tutti i sistemi di sicurezza per la guida in pista e dei comandi aggiuntivi per le luci di segnalazione. Inoltre, anche dentro l'abitacolo figurano degli elementi specifici stampati in 3D. La stessa tecnologia è stata adottata pure per i cuscini, necessari a personalizzare la posizione di guida sul sedile fisso di carbonio. 

Sempre 184 CV, ma con 130 kg in meno. Il lavoro di alleggerimento ha permesso di ridurre di 130 chili la massa totale del veicolo rispetto alla Mini Electric, raggiungendo un valore totale di 1.230 kg a vuoto. Il powertrain rimane quello di serie da 184 CV e 280 Nm e consente di passare da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi, contro i 7,3 della Cooper SE di serie, con miglioramenti analoghi anche nei test di ripresa. Le prestazioni in curva sono incrementate grazie all'assetto da pista, caratterizzato dalle sospensioni coilover regolabili, le carreggiate allargate di 10 mm, i pneumatici Michelin Pilot Sport e l'impianto frenante maggiorato della Mini GP.

COMMENTI