Curiosità

Bugatti
La Centodieci vista da dentro

Bugatti
La Centodieci vista da dentro
Chiudi

La Bugatti ha avviato la produzione dei dieci esemplari della Centodieci. Le vetture sono state ordinate da alcuni dei più facoltosi collezionisti del pianeta, ognuno dei quali ha speso oltre 8 milioni di euro per avere nel proprio garage la versione stradale della concept presentata nel 2019.

16 settimane per realizzare gli interni. Derivata dalla Chiron e pensata come omaggio alla EB110 Super Sport, la Centodieci da 1.600 CV non solo sfoggia un design inedito ed estremo, ma offre anche livelli di personalizzazione e finitura persino più elevati rispetto alla Chiron stessa. A dimostrarlo è la cura riposta nella creazione degli interni, per i quali la Bugatti prevede 16 settimane di lavoro artigianale. Per il solo taglio dei pellami e la realizzazione delle cuciture sono previsti ben quattro giorni e un'intera giornata è prevista per il controllo qualità finale dei sedili.

Un percorso identico a quello di un modello completamente nuovo. Gli interni sono basati sul layout della Chiron, ma ogni possibile dettaglio è stato ripensato per creare un legame con la EB110. Sono così state introdotte cuciture romboidali realizzate a mano per pannelli porta, bordi dei sedili e plancia (coordinate visivamente per combaciare per direzione e forma), inoltre sono stati creati nuovi componenti per braccioli, pannelli porta, tunnel, battitacco, tappetini, sedili e padiglione. I sedili sono basati sulla versione Sport della Chiron e sono stati modificati per adattarsi al meglio al nuovo ambiente: i clienti hanno potuto scegliere tra il monogramma EB ricamato sui poggiatesta o un logo personalizzato. La definizione di tutti questi elementi per la produzione in piccola serie ha richiesto un anno di lavoro attraverso un processo creativo virtuale. E anche il più piccolo particolare è stato collaudato durante i 50 mila km percorsi dal prototipo per la messa a punto definitiva.

COMMENTI

  • Automobilisticamente parlando sarà pure anacronistica, ma dal punto di vista collezionistico è un "must have" per chi può permettersela...