Industria e Finanza

Termini Imerese
Metec e operai raggiungono l'intesa

Termini Imerese
Metec e operai raggiungono l'intesa
Chiudi

Dopo tre anni dall'addio della Fiat, gli operai di Termini Imerese hanno ratificato l'intesa preliminare per la ripresa delle attività produttive nella fabbrica. Il soggetto protagonista dell'accordo con le rappresentanze è la Metec, che rileverà la struttura tramite una newco ad hoc, la Blutec.

Trecento milioni sul piatto, 10.000 auto l'anno. Secondo quanto reso noto dal Ministero per lo sviluppo economico, "l'accordo azienda-istituzioni-sindacati è stato firmato nella tarda serata". La Metec, secondo il piano presentato ai suoi interlocutori, punta sulla produzione di componentistica e il lancio di modelli ibridi, grazie a uno stanziamento di 296,5 milioni di euro: di questi, 200 milioni andranno all'assemblaggio di auto, per un volume previsto di 10.000 unità l'anno, mentre la parte restante sarà destinata alla componentistica.

Da gennaio cig o mobilità volontaria. Le attività, stando alle previsioni dell'azienda, porteranno al riassorbimento di 200 operai nel 2016, che diventeranno 400 nel 2017 e 800 l'anno successivo. Già a partire dal prossimo 1° gennaio, tutti i 760 dipendenti Fiat passeranno comunque alla nuova società e saranno collocati in cassa integrazione con la formula dei due anni più due. Per un massimo di 130 addetti che ne intendessero fare richiesta, è previsto un piano di mobilità volontaria, che prevede un'erogazione di 40.000 euro ciascuno. F.S.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Termini Imerese - Metec e operai raggiungono l'intesa

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it