Valore residuo
Elettriche: partita aperta sulla tenuta dell'usato
Chiudi

Quanto varrà, fra quattro anni, un'auto elettrica comprata oggi? Per rispondere a questa domanda ci siamo avvalsi della collaborazione dei colleghi di Quattroruote Professional, Analisi di mercato, mettendo a confronto cinque modelli a emissioni zero con le altre versioni delle rispettive gamme, delle quali abbiamo calcolato il valore medio. Per tutte, è stata considerata una percorrenza annua di 15 mila chilometri.

Kona-vs-konda-electric2

Versioni a confronto. Rispetto ai modelli considerati, il confronto è risultato equilibrato: in due casi la versione elettrica manterrà più valore a 48 mesi dall'acquisto, in tre no. A emergere sono, in particolare, la Renault Twingo electric, per la quale la Bev "vince" in modo netto con il 37,83% contro il 34,40% delle benzina, e la Fiat Nuova 500 (41,29%), che prevale sul resto della gamma (40,80%) composta da versioni ibride e bifuel a Gpl. Al momento, invece, per Hyundai Kona (44,05%), Peugeot 208 (42,33%) e Opel Corsa (40,21%)  il valore previsto per la versione endotermica è superiore alle rispettive versioni a emissioni zero (Kona electric 40,08%, e-208 39,83% e Corsa-e 38,20%).  

Fiat-500-vs-Nuova-500

Obsolescenza più rapida. Sono diversi i fattori che possono incidere su questi andamenti, a partire dal fatto che le auto elettriche, molto più rispetto ai modelli tradizionali, scontano una più rapida obsolescenza tecnologica. Le più recenti, per esempio, vantano un'autonomia molto più alta rispetto alle generazioni di qualche anno fa. Quindi, percorrenze oggi considerate penalizzanti per una Bev e non per le altre alimentazioni, lo saranno di sicuro meno un domani. E questo, insieme alla crescita delle infrastrutture, al momento non ancora adeguate a sostenere un mercato in rapido sviluppo, dovrebbe migliorare la tenuta di valore delle full electric.

Grafico-alimentazioni-rEvol

Testa a testa fra alimentazioni. Per avere un quadro più completo, infine, abbiamo preso in considerazione anche l'andamento delle principali alimentazioni del mercato (benzina, diesel, metano e Gpl) in un arco di tempo compreso fra i 12 e i 60 mesi, sempre considerando una percorrenza standard di 15 mila chilometri l'anno. Scendendo nel dettaglio, le elettriche partono bene (65,24%) e procedono testa a testa con le altre nei primi anni di vita, mentre vengono rimontate negli ultimi, anche se con scarti che restano complessivamente ridotti. La classifica finale vede il diesel in testa con il 37,54%, seguito da metano (34,89%) e benzina (34,30%). Le elettriche sono quarte con il 33,86%, davanti alle versioni a Gpl (32,50%).

COMMENTI

  • Dipende da che auto! Le elettriche NON SONO TUTTE UGUALI. Una cosa é una nativa elettrica, con pianale dedicato e con software ed elettronica all’avanguardia che può essere facilmente aggiornata, un’altra é una derivata da endotermica come 500e Mazda cx30 208 corsa ecc. queste varranno sempre menoma tanto di meno, in fin dei conti sono nate già obsolete. Guardate quanto vale una model 3 di 2 anni fa e probabilmente tra due anni varrà più di una Mercedes EQA comprata oggi.
     Leggi le risposte
  • Non credo più a previsioni ma solo tra alcuni anni sapremo la "verità" sul valore residuo.
  • La domanda già adesso comincia a superare l'offerta (almeno per Tesla) tra 3-5 anni sarà ancora più alta e l'usato può solo beneficiarne... All'opposto le macchine endotermiche subiranno un deprezzamento maggiore. Le batterie sono garantite per 8 anni ergo durano (almeno 8 anni) durante i quali gli unici costi di manutenzione sono la sostituzione del liquido freni ogni 2 anni. Tergi e lavavetro non li considero neanche.
  • Le vetture elettriche scontano il loro rapido progresso, cioe' il fatto che il mercato offrira', per esempio tra 3 anni lo stesso modello, stesso prezzo ma con miglior autonomia, software, elettronica etc. Di per se' non e' certo un fatto negativo, le veture endotermiche di fatto non hanno fatto progressi sostanziali negli ultimi 20 anni. E sarebbe un po' infantile lamentarsi (a torto o a ragione) se l'autonomia attuale non e' sufficiente, i tempi di carica sono lunghi etc. ed allo stesso tempo arrabbiarsi perche' tra tre o cinque anni ci saranno notevoli miglioramenti
     Leggi le risposte
  • e dopo 8 anni (96mesi), quando non è più garantito l'80% della batteria?
     Leggi le risposte