Fiat Tipo Ecco la nuova tre volumi, in Italia da dicembre - VIDEO

Fiat Tipo
Ecco la nuova tre volumi, in Italia da dicembre - VIDEO
Chiudi
 

Alla fine, eccola. Dopo la preview al Salone di Istanbul la compact Fiat sbarca in Italia per una seconda anteprima – ma stavolta con possibilità di guidarla – riservata ai soli giurati del premio AutoBest, categoria alla quale mi pregio di appartenere da non più di un mese. Intanto, il nome: l’auto, finora conosciuta con lo pseudonimo di Aegea (per evocarne le origini mediterranee, essendo costruita alla Tofas turca), si chiamerà (tranne che in patria) Tipo, rispolverando una denominazione utilizzata a partire dal 1988 per la hatchback di casa. Si trattava – nel caso non ricordaste – di  macchina interessante, che infatti vendette bene: grande dentro, moderna fuori, relativamente economica, rappresentò un cardine dell’offerta Fiat nel segmento delle medie.

Una scommessa a tre volumi. Istanze riprese oggi dall’omonima antenata, che però si palesa sotto la forma certamente inusuale della berlina a tre volumi (più in là arriveranno la cinque porte e la station wagon). Per Torino, è una scommessa, ché la declinazione con bagagliaio separato è stato finora riservata – e soltanto per alcune marche – a versioni derivate alla bell’e meglio da ben più armoniose hatch e destinate a un’oscura carriera di rincalzo. Conoscendo il rischio, il team diretto da Roberto Giolito ha affrontato il progetto con il “clean sheet approach”, così evitando la sempre rischiosa tentazione della variazione sul tema: “born to be sedan”, insomma, come ci ha detto lo stesso chief designer. Ovviamente l’estetica è caratteristica soggettiva per definizione, ma va detto che la realizzazione pratica del concetto è di eccellente livello e comunque adeguata al posizionamento assai globale del modello: la Sedan potrà essere un’incognita commerciale da noi, ma vi sono mercati (vedi l’Europa dell’est) dove per tale espressione stilistica la risposta del pubblico è pressoché scontata nella sua entusiastica accettazione... La Tipo (senza il punto che guarniva il logo dell’antenata e di cui nessuno, neppure a Torino, ricorda il senso) nasce, dunque, per fornire una risposta a precise esigenze d’utilizzo quotidiano, inserendosi – all’interno dell’offerta Fiat – nella colonna dei modelli “funzionali”: quelli destinati ad aumentare la fedeltà della clientela, sostenere i volumi e mantenere viva la tradizione in passato incarnata da vetture come 850, 127, 128, Ritmo, l’incompresa Multipla e, oggi, dalla Panda. Come ha spiegato Alfredo Altavilla, Coo della regione Emea, si parla di un’auto pragmatica, dal value for money elevato, diretta a chi vuol spendere con cautela i propri soldi (all’acquisto come durante l’esperienza di proprietà) ma non per questo sottoporsi a rinunce.

Caratteristiche. Pochi frizzi, dunque, e tanta sostanza. A partire dallo spazio. La Tipo è lunga 4,54 metri, con una capacità di carico dichiarata superiore ai 500 litri, offrendo una risposta a chi dalla macchina pretende una certa comodità d’uso, che si tratti di lavoro o familiare. Cinque persone c’entrano con sorprendente agio, e bisogna ammettere che l’auto vanta un confort a bordo di ottimo livello: la voce del turbodiesel millesei da 120 cavalli (ci sono anche i benzina 1.4 da 95 CV e 1.6 da 110, e il diesel 1.3 MJET da 95 CV) è sommessa in ogni condizione, l’assetto di guida è eccellente e la tenuta in linea con la scuola Fiat in fatto di handling. Su Quattroruote di novembre troverete un’approfondita analisi dinamica della Tipo, che sarà venduta in Italia a partire da dicembre nella sola versione Sedan. Il prezzo ancora non si sa, ma a corso Agnelli giurano che sarà aggressivo.

Gian Luca Pellegrini

Alberto Formenti

Sarebbe ora che la Fiat facesse (come Citroen con DS) uno scorporo del marchio "500" a cui verrebbe tolto ogni riferimento al marchio / logo Fiat. Quest'ultimo riservato ad auto come Panda, Linea, Viaggio, Toro e, appunto, Tipo. In modo da distinguere bene prodotti che, a tutti gli effetti, sono molto diversi .

Luciano Papetti

Vista, provata, piaciuta. In offerta lancio a € 12500,00 una qualità prezzo eccellente da non perdere.

Andrea Corcione

Nuova nel senso che ha il marchio fiat, perché di novità ne ha poche visto che hanno scopiazzato altre auto

Andrea Mel

esternamente non è male, ma gli interni sono di una bruttezza inaudita

Enrico Polesinanti

Si inserisce perfettamente nel segmento C (inteso come auto del c.....), il design e i materiali degli interni lasciano suggerire un uso inedito che si potrebbe fare di questo ultimo sforzo di casa Fiat: lasciarla aperta, tanto nessun ladro potrebbe rubarla, magari se si passa la notte fuori in qualche centro storico così magari qualche barbone potrebbe utilizzarla come bagno..... ovviamente sto scherzando. Il problema è che qualcuno penserà seriamente di comprarla... però dai: se hanno venduto la Duna, la Lada Niva, o la Maruti Suzuki, anche per lei c'è speranza

Davide Pedretti

Secondo me è di un a bruttezza imbarazzante mi sembra una riedizione della Duna mamma mia che roba orribile!!

Agostino Italia

è brutta quasi quanto la Duna o l'Arna... non vedo il nesso tra la vecchia tipo e questa...(la Tipo fù la mia prima auto)

Franco Fausto M. Bellini

Dimenticavo, sarebbe una buona idea anche cambiare un po' i nomi perché mantenere sempre quelli vecchi, specie per questo, non è una buona cosa.

Franco Fausto M. Bellini

Finalmente tornano le auto a tre volumi. Questa Fiat ne anticipa la svolta in un segmento superaffollato di due volumi. La linea la trovo piacevole, nei tre quarti posteriore e nel posteriore. Ricorda vagamente le auto tedesche, Audi Bmw, con la linea del baule tondeggiante, Aspetto di vederla dal vivo per vedere gli interni che dalla 500 in poi sembrano migliorati e meglio rifiniti. Un risveglio della Fiat per le auto

Alberto Pietrangeli

A me sembra decisamente bella. Un design classico ma moderno allo stesso tempo, elegante e dinamico. Forse ispirato dalle Audi e Bmw tre volumi e decisamente migliore delle Opel, Vw e Mercedes A e B. Spero che l'abitabilità e la facilità d'accesso (talloni d'Achille delle tedesche) siano buone come solitamente lo sono sempre state le Fiat (a partire dalla 500).

cristiano villella

Ma è un Opel Astra trasformata dalla FIAT?

orazio de villa

Se alla fiat non, fanno auto dall'aspetto dimesso, non sono contenti a quanto pare....

Ernesto Soprani

In definitiva, una BMW serie 1 de noantri. Il centro stile FCA ha partorito una cinesata, pur con qualche ovvia differenza (a che serve sulla fiancata/portiera quella scanalatura? Mah.). Auto vista e rivista, a mio modesto parere.

mario monaco

Difficile dare un giudizio dalle foto, ma sembra un mix di varie vetture. Davanti una Kia, di dietro tra la Mercedes e la Citroen, di lato, nella parte centrale, una 156. Gli interni mi sembrano i classici Fiat, a cui ti abitui rapidamente.

marco monaco

il frontale non è male ma la coda mi ricorda la Lancia Lybra 3 volumi degli anni '90. forse, prima di qualsiasi giudizio, occorre aspettarla per valutarla dal vero. Il nome... evoca un' auto riuscita che, se all' epoca l' avesse costruita la VW od altri, avrebbe venduto il triplo... ma noi italiani siamo così!!

Rosario  Ciardi

La nuova Tipo certamente non appartiene al segmento B, come detto in precedenza, io la trovo carina e funzionale, certamente non rivoluzionaria !!!! Se i prezzi saranno accessibili avrà successo !!!

Claudio Callerio

La tre volumi proprio non la digerisco, vedremo se la 2 volumi sarà accattivante. Questa versione avrà richieste nei paesi dell'est ed in Spagna, da noi venderà pochissimo.

Luca Marredda

Concordo con Gianni Piasetto (a parte che qui siamo nel segmento C non B), può andar bene per i mercati meno "evoluti" e per l'est Europa ma in Italia sarà un flop, essenzialmente per questioni stilistiche; vedo invece di buon occhio le future versioni berlina 2 volumi e station anche se si dovrà scontrare con una concorrenza agguerritissima.

Roberto Gori

A me non dispiace....ho avuto un flash! La calandra mi ricorda tantissimo nella forma quella della 1300/1500 del 1961! Chiamalo family feeling....

Marco Leone

Bella macchinetta, un po' "plasticosa" dentro, ma col prezzo giusto non vedo ragioni che le possano precludere un ottimo successo di pubblico. Per l'Italia dovrebbero andare meglio la SW e la due volumi, ma non escluderei del tutto un "certo" successo anche di questa. Brava Fiat!

renato rossi

Leggo commenti francamente ingenerosi. Sono convinto che se avesse sulla calandra la stella o l'elica bianco-celeste le lodi per la "sobria eleganza" si sprecherebbero. Sarei curioso di sapere di quali mitiche vetture dispongono i fieri detrattori. ;)

Alessandro Vecchi

Direi che è, ne più ne meno, una Dodge Dart. La linea è piacevole, certo un tre volumi su una media in Italia difficile che abbia successo. Aspettiamo di vedere la 2 volumi.

Anselmo & Alex Iacobelli

Scommetto che, se su quest'auto togliete il logo Fiat e ci mettete il logo Mercedes/Bmw, improvvisamente vi piacerà....a parte gli scherzi, non mi dispiace per niente (a parte il nome. Speravo in qualcos'altro), ma si sa già che le 4 porte in Italia non vanno più di moda. Vediamo la SW

alberto bertagna

Ragazzi che brutta nella parte posteriore, vogliono copiare i francesi con la mania di fare fanali a forma orrenda (vedi citroen e peugeot) Ci vuole pelo sullo stomaco per comperarla. io di sicuro non la compro

alessandro schena

A parte l'auto, che vorrei vedere dal vivo prima di commentare, l'articolo poteva essere scritto meglio. Troppi termini inglesi. Capisco la sudditanza, però dagli inglesi/statunitensi in fatto di auto non abbiamo niente da imparare, invece abbiamo molto da imparare dai francesi che non infarciscono inutilmente i loro articoli con ridicoli termini anglosassoni.

Alessandro Pini

Non male, anche perché nell'offerta di fca nel suo insieme manca una 3 volumi, che comunque in Italia non è molto richiesta, ma anche le hatch ed sw: la family 500 non copre questo vuoto e ad Alfa si vorrà dare una declinazione sportiva e premium. Mi piacerebbe sapere che fine farà lancia, darò che praticamente ha solo una utilitaria premium e che nessuno ne parla più.

massimo setti

Se l'industria italiana si distingue nel mondo per, gusto, design...beh sarà comoda e spaziosa, ma non sembra uscita dalla matita di Leonardo.

lupoalberto lupoalberto

Che 'tipo'! Al di la del nome credo sia un ottima macchina, spero arrivi presto la sw che in italia ha molto più mercato. Ormai macchine a tre volumi tendono a sparire o comunque sono poco appetibili. Mi auguro che i prezzi siano competitivi.

Giuseppe Benvenuto

Di altre macchine, non italiane, ma molto più belle, si è detto peste e corna. Per mantenermi "garbato" direi che è orripilante, con quella coda appena accennata. Ormai sorpassata. Se, poi, devo essere sincero, direi che è un cesso, messo su quattro ruote. A mio modo di vedere, super bocciatura.

Amleto Pezzati

poi ci lamentiamo perchè la fiat non vende, ma vi pare un'auto adatta al mercato europeo? Ormai pure i koreani hanno capito che le macchine devono anche essere belle. Questa è l'ennesima cagata made in Marchionne

gino paoli

Nessun sussulto...come al solito, senza infamia e senza gloria. Buona per far volumi in mercati poco evoluti come Turchia / est europa / america latina appunto, ma un po "scarca" di ricercatezza estetica e di appeal tecnologico per il palato occidentale.

eduardo li gotti

Non sono il tipo da 3 volumi, anche se ne ho l'età, ma mi piace la linea. Non molto la motorizzazione, preferisco, a parità di potenza, auto con cilindrate maggiori; quindi motori meno spinti, base per avere motori di maggior durata. Le auto non le vendo le porto fino alla rottamazione, quindi la durata è fondamentale.

eduardo li gotti

Non sono il tipo da 3 volumi, anche se ne ho l'età, ma mi piace la linea. Non molto la motorizzazione, preferisco, a parità di potenza, auto con cilindrate maggiori; quindi motori meno spinti, base per avere motori di maggior durata. Le auto non le vendo le porto fino alla rottamazione, quindi la durata è fondamentale.

Roberto Marelli

Mah.. penso che, dalla semplicità della linea e aver riportato negli interni le stesse cose di auto già in produzione la macchina dovrebbe costare poco e quantomeno un prezzo molto abbordabile per un auto del settore........B...

Luigi Venti

Concordo pienamente con il sig. Bellani e rispondo al sig. gianni piasetto: La sua risposta è alquanto qualunquista di un cliente tedesco, che sputa dentro il piatto dove mangia. Visto cosa combinano i tedeschi? Vendono macchine (rubando soldi per la ricerca) e montano motori vecchi di vent'anni.

giovanni piana

Davvero vi piace ? a me ricorda la 131 di 30 anni fa. Supera perfino le audi in termini di anonimato e mancanza di originalita'. Peccato, io tifo Italia ma non ci siamo proprio.

Giovanni Rosso

Dalle immagini sembra bella, anche se non originale. Speriamo nella qualità. Il nome Tipo secondo me era da evitare, ricorda un modello a due volumi, peraltro abbastanza squallido.

renato rossi

Mi sembra una vettura esteticamente armoniosa, più di molte auto blasonate. Anche se i tre volumi sono in questo momento fuori moda, restano comunque una scelta intelligente. Il prezzo potrà fare la differenza.

Marco Perrone

Sarà giunta l'ora di mandare in pensione la Fiat Tipo di mio padre dopo 22 anni e più di onorato servizio? Speriamo bene!! Se così fosse credo di aver trovato la mia prima auto. :P

Francesco Bonvini

Bella....ma chiamatela anche Amanda basta che non la chiamerete davvero e nuovamente Tipo.

Tommaso Patrizi

Chi si "emoziona" e va su di giri ad ogni presentazione di un nuovo modello di casa nostra mi fa un pò tenerezza. Capisco un sano nazionalismo, ma riuscire a dire che questa auto sia azzeccata è assurdo. Concordo su quanto scritto sopra della "coperta corta"..e su un certo immbolismo in alcuni segmenti, tra l'altro dove servirebbe sul serio.. Poi continuare a sbeffeggiare i tedeschi per questa storia delle emissioni è ancor più ridicolo e infantile direi. Una brutta storia di poca trasparenza e un gran danno di immagine per carità, ma le auto sono migliori delle altre e rimarranno tali. Un modello FCA non riuscirebbe in generale ad eguagliare una tedesca nemmeno se passassero due o tre generazioni di un proprio modello e per una tedesca no, emissioni in regola o no..a chi cazzo frega nella pratica e uso quotidiano di avere un euro5 effettivo o un euro 4 spacciato per euro5? sistemata questa storia delle emissioni in regola (con poco e gratis tra l'altro), torneranno le gerarchie.. vedere gente che gongola per questa cosa ripeto mi fa un po' tenerezza..la vittoria dei poveracci mi verrebbe da dire.. che in FCA imparino a fare le cose per bene, accoppiamenti e assemblaggi come si deve, materiali di qualità, cura costruttiva degna di questo nome, senza sviste sparse negli abitacoli o nei vani motore..che a casa mia poi si chiama superficialità, approssimazione e lavori fatti al risparmio..che ingannano l'occhio e ti fanno pentire di aver speso quei soldi dopo tre quattro anni..tecnologie al passo con i tempi o all'avanguardia e aggiungerei design dei modelli come si deve..senza fare auto che sembrano disegnate da un bambino i modelli fiat invecchiano presto e male se si parla di design..e sono giusto tre o quattro i modelli che piacciono e vendono bene..guarda caso perchè non sembrano fatti da loro per cura e maggiore ricercatezza rispetto ai loro soliti standard (500, 500L) o perchè costano talmente poco con promozioni, incentivi ed altri sconti in fase di trattativa che sei quasi "costretto" a comprarla rispetto ad altre auto (GP, Panda)..i listini sono poco attendibili..si riesce sempre in qualche modo a farsi fare grandi sconti ..questo la dice lunga sull'onestà dei prezzi di partenza e sui margini di guadagno per i vari modelli non voglio nemmeno addentrarmi sulla tenuta del valore dell'usato..per alcuni modelli tragica..

Riccardo Piccardi

Potremo continuare a vivere anche senza questo obbriobrio. Non la comprereanno neanche i dipendenti Fiat da tanto è brutta

Darth Vader

Non credevo che Fiat riproponesse una berlina quattroporte. A dire il vero non credevo nemmeno di avere due figli. Purtroppo come molti hanno già detto il nome non è azzeccatissimo, avrei riproposto Stilo, Marea al limite. Le linee sono semplice, pulite senza fronzoli e senza cromature o buchi fastidiosi. Clamorosamente e credo involontariamente comincio a trovare un family feeling tra tutti questi nuovi modelli in casa Fiat, dal nuovo Doblò a questa, al Toro e alla nuova 124. I fanali anteriori ricordano si quelli della kia ma il raccordo con la mascherina la differenziano in modo originale. Il posteriore è molto educato, composto nonostante il gruppo ottico sia elaborato non poco. Entra nel mercato delle berline di fascia media e rispetto alla concorrenza vanta un pizzico di eleganza in più.

Aerdna Illibmiric

Perchè no? Le solite SUV stanno incominciando a stufarmi.

marco dnt

bella!!ma che problemi ha la fiat con i fari allo xeno e i led? xD tristezza...

manuel beltrame

Assai brutta. E pensare che il design italiano dovrebbe far scuola... si capisce subito perché i migliori designer van tutti all'estero, alla stregua di molti altri professionisti. Inoltre è ora di finirla con il recupero dei nomi del passato, sono segno di totale assenza di creatività (la FCA non ha un ufficio marketing?..); presto avremo pure la Balilla, di questo passo. Magari i contenuti saranno pure molto buoni, beninteso, ma acquistare una tre volumi chiamata "Tipo" che pare destinata a ben altri mercati rispetto al nostro mi pare cosa piuttosto improbabile.

Alberto  Rapini

Beh, per 12.000 euro, un paio di anni fa, era stata proposta la cinese Geely Emgrand EC7 con un garanzia di 5 anni e 150.000 km. Sul prezzo c'è una bella differenza, tra le due auto, per il resto, Tipo è solo evocativo ....

Enrico Del Greco

Una brutta polo?

Stefano Broggi

La Duna del terzo millennio! Ne sentivamo la mancanza???

Luciano Cerullo

Sinceramente con quei fari a me davanti ricorda un pò la prossima giulia, dietro è un filo più originale ma anche meno riuscita, spero nella versione "due volumi" ( a me piace chiamarle così) che di sicuro sarà più armoniosa di questa.

Sky lon

Sembra una bella 3 volumi, l'unico difetto mi sembrano i motori, che date le dimensioni, hanno un po' troppi cavalli. Peccato.

franco porazzi

per favore usate l'italiano sedan sono le francesi noi abbiamo berline giardinette o estate berlinette gran turismo etc...ci sono i le parole in italiano usatele

giampaolo vandolfi

Mi autosegnalo alla redazione di quattroruote al posto del Pellegrini, come possibile scrivere con cotanta superficialità.... La nuova Tipo usa il pianale B-US-Wide e già dalla denominazione si dovrebbero carpire una serie di messaggi nascosti. Sedan modello diffuso nell'est Europa? Chi è stato negli Usa negli ultimi 5 anni capisce che il vero target di questo modello, per immagine e numeri, è il mercato USA e non a caso si è cominciato a produrre berline su questo pianale in versione sedan; rodare le catene di montaggio per la declinazione Dodge della Tipo o della stessa tipo negli USA (con qualche kw in meno di Dodge). Negli States le due volumi sono rarissime e ogni costruttore ha una versione di sedan 4metri e mezzo in ogni brand. GM, Ford, Honda, Toyota (che sedanizza pure la Yaris), Nissan, VW (Jetta vi dice qualcosa?) Chrysler ha fatto un salto di qualità impensabile e non può permettersi errori. FCA ricalca la strategia di VW, fa esordire pianali nuovi sui brand "minori" (ora non più, ma ancora strategicamente tali) per affinare meglio i prodotti trainanti. Il tutto, ovviamente, a seconda del mercato di riferimento... Non mi stupirei di vedere la Tipo negli Usa anche con il marchio Fiat e con lo stesso nome, un bisillabo che in inglese rimane tale e non si pronuncia nemmeno in maniera malvagia.