Nuovi Modelli

Lotus
Svelate le Elise ed Exige Final Edition

Lotus
Svelate le Elise ed Exige Final Edition
Chiudi

La Lotus si prepara a un evento storico, celebrando l'ormai imminente uscita dai listini della Elise e della Exige, presenti sul mercato rispettivamente da 25 e 21 anni. La Casa di Hetel, infatti, ha presentato le versioni speciali Final Edition, caratterizzate da contenuti esclusivi. Nello specifico, le vetture disponibili in questa serie limitata sono la Elise Sport 240 (con prezzi a partire da 60.290 euro), la Elise Cup 250 (67.940 euro), la Exige Sport 390 (84.290 euro), la Exige Sport 420 (104.460 euro) e la Exige Cup 430 (134.660 euro). Secondo le stime del costruttore inglese, quando le ultime Final Edition saranno state consegnate la produzione totale delle due sportive avrà raggiunto i 55.000 esemplari, pari a oltre la metà di tutte le Lotus esistenti.

Elise Sport 240 e Cup 250 Final Edition. Le due varianti della Elise Final Edition sono caratterizzate dalla nuova strumentazione digitale personalizzabile, dal volante rivestito di Alcantara con sezione inferiore piatta, dalle finiture specifiche dei sedili e dai cerchi forgiati da 16" e 17", mentre le tinte disponibili sono Azure Blue, Black e Racing Green. La Elise 240 offre una versione inedita del motore 1.8, ora capace di erogare 243 CV e 244 Nm di coppia massima, mentre la Cup da 248 CV adotta di serie anche gli ammortizzatori Bilstein, le barre antirollio regolabili e la batteria al litio alleggerita.

Exige Sport 390, Sport 420 e Cup 430 Final Edition. Le tre varianti della Exige utilizzano il noto V6 3.5 con compressore volumetrico in tre livelli diversi di potenza da 402, 426 e 436 CV. Oltre ai badge e agli adesivi dedicati, le Final Edition offrono anche la strumentazione digitale e alcune tinte speciali come Metallic White e Metallic Orange. I singoli modelli offrono inoltre cerchi forgiati con design e finiture specifiche e dei pacchetti aerodinamici differenziati, con la Sport 420 che aggiunge anche gli ammortizzatori regolabili Nitron e l'impianto frenante AP. La Cup 430, invece, dispone anche di appendici aerodinamiche e tetto di fibra di carbonio, oltre agli pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2.

COMMENTI

  • Chissa' cosa pensano Romano Artioli e la sua nipotina. Ora Lotus fara' tutt'altro. Un po' come i brand De Tomaso e Bizzarrini. Rinascono in contesti enormemente diversi da quelli delle loro origini, ma forniscono soluzioni alla carenza mondiale di Supercars. Meglio 100 bitcoin che manco vedi o una P72 con cui vai al Country Club?