Nuovi Modelli

Hyundai Staria
In Europa (per ora) sarà solo diesel

Hyundai Staria
In Europa (per ora) sarà solo diesel
Chiudi

La Hyundai ha fornito tutte le informazioni sul conto della Staria, una mpv pensata per una nicchia di clienti alla ricerca di spazio e confort. La vettura, concepita con un design futuristco che poco ha a che vedere con gli altri modelli del marchio, offre alcune caratteristiche uniche nel suo genere e arriverà anche in Europa nella seconda metà del 2021 ma, per il momento, non sarà commercializzata in Italia.

Farà da base anche per ambulanze e camper. La Staria è il primo esempio del programma Purpose Built Vehicles (Pbv) che la Hyundai intende portare avanti per offrire ai clienti veicoli capaci di rispondere a esigenze molto specifiche. In futuro dalla Staria deriveranno allestimenti speciali come ambulanze, limousine e veicoli da campeggio, ma è in programma anche una variante elettrica. L'obiettivo del progetto era quello di disegnare un prodotto partendo dall'interno per massimizzare lo spazio e la luminosità. La Staria offre da due a undici posti a fronte di un passo di 3,27 metri e di una lunghezza totale di 5.253 mm, di un'altezza di 1.990 mm e di una larghezza di 1.997 mm.

In Europa con il 2.2 diesel da 177 CV. La Hyundai ha previsto per la Staria delle motorizzazioni già utilizzate su altri modelli: in Europa la mpv sarà disponibile unicamente con il diesel 2.2 Vgt, mentre in altri mercati la si potrà avere con il V6 benzina 3.5 G6DIII aspirato. Il primo offre la scelta tra cambio manuale o automatico ed eroga 177 CV e 440 Nm, mentre il secondo, da 272 CV e 338 Nm, è disponibile esclusivamente con l'automatico otto marce. Di serie sono presenti sospensioni posteriori multi-link e a richiesta sono previste anche varianti a trazione integrale. Molto completa anche la dotazione di Adas, tra cui spiccano anche il Safe Exit Assist e il Rear Occupant Alert pensati espressamente per questa tipologia di veicolo. Al debutto assoluto troviamo invece il sistema Wireless Module Seat Belt Reminder, che permette di mantenere l'avviso di cintura non allacciata pur offrendo la possibilità di spostare a piacimento i sedili. Alle famiglie è dedicata anche una funzione specifica dell'infotainment che permette di visualizzare i sedili posteriori dallo schermo centrale anteriore grazie a una telecamera dedicata e di parlare senza dover alzare la voce attraverso l'impianto audio.

La versione Premium. In alternativa alla variante standard, la Hyundai ha previsto anche l'allestimento Premium che si caratterizza per le finiture esterne cromate, i fari posteriori Pixel Led e i cerchi di lega dedicati. L'abitacolo è proposto nelle versioni a sette e nove posti: il primo adotta nella seconda fila due poltrone Premium Relaxation con supporto per le gambe e regolazioni elettriche, mentre il secondo prevede quattro sedili centrali con quelli della seconda fila girevoli per creare un vero e proprio ufficio viaggiante. Gli interni sono impreziositi anche dall'illuminazione Led con 64 colori selezionabili, dall'impianto audio Bose e da tinte specifiche dei rivestimenti di pelle.

COMMENTI

  • L'auto mi piace solo che il diesel in italia non può essere trasformato a gpl, mentre all'estero si. Quindi alla fine avrà problemi di circolazione, cosa che non si ha con la benzina in quanto è possibile la trasformazione a gpl. Inoltre la potenza di 177 cv mi sembra eccessiva viste le limitazioni sulle velocità. Per l'elettrico essendo un'auto da "fuori citta" o da lavoro la vedo molto dura.
  • vorrei vedere chi si fida a far fare interventi ad un'ambulanza elettrica o chi compra un camper a batterie.
  • solo Diesel? primo segnali di "ritorno alla realtà?"