Nuovi Modelli

Bugatti Chiron
1.600 CV e 440 km/h per la Super Sport

Bugatti Chiron
1.600 CV e 440 km/h per la Super Sport
Chiudi

Aerodinamica specifica, motore ancora più potente e un prezzo davvero per pochi. La nuova Bugatti Chiron Super Sport si presenta così ed è pronta a diventare la versione più esclusiva dell'hypercar francese. Meno estrema della Super Sport 300+, la nuova variante della Chiron entrerà presto in produzione nella fabbrica di Molsheim, in Francia, dove la Bugatti ha costruito tutte le vetture della sua era moderna. Le prime consegne sono fissate per l'inizio del 2022, con prezzi che partiranno da 3,2 milioni di euro tasse escluse: in Italia una Chiron Super Sport arriverebbe così a costare ben 3,9 milioni di euro (con 704 mila euro di Iva).

La stirpe delle Super Sport. La sportiva segue la tradizione delle "SS" del marchio transalpino, le cui origini risalgono agli anni Trenta, quando la Casa svelò al Salone di Parigi la Type 55 Super Sport, famosa anche per la sua velocità massima superiore ai 180 km/h. La doppia esse è tornata in gamma nel '93, con la EB 110 Super Sport da 610 CV e 351 km/h, per poi riapparire sulla Veyron da 1.200 CV, che nel 2010 stabilì un nuovo record mondiale per la sua velocità massima: 431,2 km/h. Nove anni dopo, un'altra Super Sport, la 300+, ha infranto tutti i primati superando i 490 km/h di velocità massima. Da quest'ultima la Chiron Super Sport riprende diverse caratteristiche, debitamente ricalibrate per garantire una migliore fruibilità stradale: pur essendo meno estrema, la sportiva promette comunque prestazioni d'assoluto livello.

La presentazione della Bugatti Chiron Super Sport

Dietro è più lunga di 25 centimetri. Fin dal primo sguardo si notano molte differenze rispetto alle altre Chiron: la Super Sport ha una coda più lunga, nuove prese d'aria e dettagli pensati per incrementare la velocità massima. Ogni centimetro della carrozzeria è stato riprogettato per trovare il giusto equilibrio tra carico aerodinamico e resistenza all'avanzamento: oltre alla coda, totalmente ridisegnata e allungata di 25 centimetri, la Chiron Super Sport presenta un nuovo estrattore, uno splitter anteriore specifico e terminali di scarico riposizionati. Tutto il frontale è stato modificato per migliorare i flussi d'aria alle alte velocità, mentre i gruppi ottici sono stati inclinati per donare alla vettura un look più aggressivo. Altri dettagli, come le nove aperture su ogni passaruota anteriore, sono un richiamo alla EB 110 Super Sport, ma hanno comunque una funzione aerodinamica. A richiesta i clienti possono personalizzare la vettura con una verniciatura a due toni e con cerchi dal design specifico, anche di magnesio.

100 CV in più, 23 kg in meno. Nonostante l'aumento delle dimensioni, la Chiron Super Sport pesa 23 kg in meno rispetto alle altre Chiron: merito dei materiali impiegati per la costruzione della coda e di altri piccoli accorgimenti. L'8.0 W16 quadriturbo è stato aggiornato per raggiungere i 1.600 CV, 100 in più rispetto alla versione originale. Le modifiche hanno coinvolto le turbine, le testate e la pompa dell'olio: il regime massimo di rotazione è salito a 7.100 giri/min, 300 più di prima, e anche l'arco d'erogazione dei 1.600 Nm è stato ampliato. La coppia massima, infatti, è ora disponibile dai 2.000 ai 7.000 giri/min. Aggiornamenti hanno coinvolto anche la trasmissione automatica a sette rapporti, ora dotata di una nuova frizione, e altri dettagli meccanici: il risultato sono uno 0-200 km/h in 5,8 secondi, uno 0-300 in 12,1 secondi e uno 0-400 più veloce del 7% rispetto alla Chiron (il rilevamento cronometrico non è stato ancora ufficializzato). La velocità massima è superiore ai 440 km/h.

2021-Bugatti-Chiron-Super-Sport-04

Pneumatici da 500 km/h. La riprogettazione dell'aerodinamica ha portato gli ingegneri della Bugatti a rivedere anche l'assetto della Chiron, per migliorarne ulteriormente la stabilità alle alte velocità. Una taratura specifica degli ammortizzatori si abbina a uno sterzo ricalibrato e a nuovi pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2, appositamente progettati per l'hypercar francese. Rinforzi alla struttura interna hanno consentito di omologare queste gomme per una velocità massima di 500 km/h, tanto che la Michelin le ha collaudate sul banco a rulli originariamente costruito per provare le coperture dello Space Shuttle. Prima di arrivare alla Bugatti o di essere messe in commercio, tutte le gomme di questa serie saranno analizzate ai raggi X per garantire l'assenza di imperfezioni.

COMMENTI

  • .. e con lui qualche decina di hyper-ricchi annoiati della vita
  • mah, avvertite Ronaldo, forse la compra.
     Leggi le risposte