Primo contatto

DS 3
Ora l'elettrica fa più strada

DS 3
Ora l'elettrica fa più strada
Chiudi

La DS 3 si aggiorna con un restyling in punta di matita. Leggeri ritocchi estetici, concentrati nel frontale, si abbinano a nuove tecnologie, infotainment compreso. Confermati i motori benzina e diesel; rinnovato, invece, il powertrain elettrico della versione E-Tense, con una batteria più capiente per un’autonomia (dichiarata) fino a 500 km in città. La palette di colori si arricchisce dei nuovi Rosso Diva, una vernice a tre strati, e del Grigio Première. Cinque gli allestimenti, con prezzi a partire da 28.050 euro della variante a benzina meno potente, fino ad arrivare ai 48.550 dell'elettrica nella variante più ricca. Quest'ultima, insieme alla 1.2 turbobenzina da 130 CV, è stata protagonista del nostro primo contatto sulle strade attorno a Valencia.

DS 7 in miniatura. Ve l’abbiamo fatta conoscere in occasione del Salone di Parigi 2022, ma facciamo un ripassino. La DS 3, che all’anagrafe non si chiama più Crossback, si rilancia sul mercato con il restyling di metà carriera. Il frontale è stato oggetto delle attenzioni maggiori da parte dei designer: se i fari hanno conservato, grossomodo, lo stesso disegno della versione precedente (con tecnologia Full Led o Matrix Led a richiesta), le luci diurne, ovvero i lunghi Led verticali, richiamano ora lo stile DS 7 con due elementi affiancati sotto un’unica copertura. La mascherina, già abbastanza generosa nelle dimensioni, è diventata ancora più grande, con bordi color nero lucido oppure cromati (in base al modello). Poco più in basso, le linee della parte inferiore del paraurti sono più decise, con un occhio di riguardo all’efficienza aerodinamica.

Salotto buono. Basta avvicinarsi all’auto con la chiave in tasca per veder spuntare le maniglie a filo carrozzeria. L’arredamento, come da tradizione DS, è molto ricercato e particolare. Pelle e alluminio dominano le forme geometriche in un mix di trame e texture molto ricco. Anche in questo caso il restyling è stato lieve e delicato. Sono arrivate nuove combinazioni per i rivestimenti dei sedili, pelle Nappa mista Alcantara con cuciture point-perle e inserti Clous de Paris, per dirla in francese. In base agli allestimenti, si possono avere i sedili anteriori a regolazione elettrica, riscaldati e pure con la funzione massaggio della zona lombare. Aguzzando la vista si scovano, poi, i nuovi comandi sulle razze del volante che, di fatto, mandano in pensione i satelliti sul piantone ormai decisamente datati. A centro plancia lo sguardo è per il nuovo display da 10,3" che, oltre ad avere una risoluzione maggiore, integra ora il più recente infotainment DS Iris System con mirroring wireless degli smartphone e collegamento con l'app MyDS. L’esperienza di utilizzo è sicuramente più appagante e veloce rispetto al passato. Nulla da dichiarare quanto a strumentazione (schermo da 7 pollici) ed head-up display a colori, mentre per gli amanti del suono, la DS ha realizzato in collaborazione con Focal l'impianto Electra con ben dodici diffusori per un totale di 515 watt.

Base de donnée : Astuce Productions

Benzina, diesel ed elettrico. Con la DS 3 ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Confermati il tre cilindri turbobenzina 1.2 PureTech nelle varianti da 100 e 130 CV e il diesel BlueHDi 130, oltre alla trasmissione automatica a 8 rapporti. La vera novità riguarda l’elettrica E-Tense con il powertrain da 155 CV e 270 Nm abbinato a una batteria ora da 54 kWh a 400 volt con sistema di raffreddamento a liquido. Secondo la Casa, la vettura è omologata nel ciclo Wltp per un'autonomia di circa 400 km, che dovrebbero salire a poco meno di 500 nella guida urbana, numeri che verificheremo non appena l'auto arriverà al Centro prove. Col caricatore di bordo da 11 kW servono cinque ore per il pieno di corrente, ma alle colonnine da 100 kW si raggiunge l'80% in circa 25 minuti. C’è poi da dire che la versione E-Tense può contare sull'assetto ribassato di 10 mm e su nuovi pneumatici dedicati Tail&Narrow che contribuiscono a ottimizzare l'efficienza.

Adas di livello 2 La DS 3 offre di serie la retrocamera, il Lane Keeping Assist, il Traffic Sign Recognition e l'Active Safety Brake. Sono inoltre disponibili il DS Vision 360 con sensori e telecamere intorno alla vettura e il DS Drive Assist (che integra il Cruise Control attivo con la funzione Stop&Go) e l'adeguamento automatico ai limiti di velocità indicati dalla segnaletica.

Base de donnée : Astuce Productions

Alla guida. Inizio il test drive con la variante a batteria, come detto la novità più succosa. Se i 500 km promessi in città sono un dato difficile da confermare in un primo contatto su strada, i venti CV aggiuntivi (155 contro 135 di prima) si fanno sentire e all’occorrenza danno il loro contributo negli scatti al semaforo con uno 0-100 in 8,7 secondi. Numeri a parte, dal posto guida è difficile cogliere grosse differenze rispetto al passato. Ritrovo la DS 3 piacevole da guidare che conoscevo. Una piccola crossover capace di passare da una curva all’altra con una certa spigliatezza, senza rinunciare al confort di un assetto che di base privilegia la morbidezza.

Comandi da studiare. La seduta è confortevole e soddisfa sia chi cerca una posizione alta sulla strada, sia chi ama guidare più vicino all’asfalto. Sulle prime, poi, occorre familiarizzare un po’ con i tasti su plancia e tunnel. Ci sono tanti tasti e soprattutto tutti uguali. I comandi dei finestrini sono l’esempio più lampante: abbassare quelli posteriori invece che il proprio è un attimo. Davanti agli occhi c’è il compatto quadro digitale, che può vantare pure la mappa a tutto schermo ma, va detto, certe grafiche sono un po’ piccole e non si leggono al primo colpo. Ecco perché conviene affidarsi all’head-up display, a colori pure lui, più chiaro e immediato.

Benzina, sempre una garanzia. Al secondo turno passo a bordo della 1.2 da 130 CV. Il tre cilindri turbo è una vecchia conoscenza. Un motore tuttofare per il gruppo Stellantis che alberga dentro il cofano di ammiraglie (vedi Citroën C5 X), così come in quello di auto piccole e ben più leggere. È il caso della DS 3, che con appena 1.300 kg prende tutto il meglio dal piccolo tre cilindri. Anche perché l’accoppiata con l’automatico a 8 rapporti è di quelle che funzionano e tutto il powertrain risulta piacevole e brillante quel che serve. Insieme alla variante da 100 CV, forse, la scelta più sensata al momento.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

DS 3 - Ora l'elettrica fa più strada

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it