Prove Speciali

Tecnica
Ferrari SF90 Stradale, collaborazione proficua

Tecnica
Ferrari SF90 Stradale, collaborazione proficua
Chiudi

Le prove su strada di Quattroruote includono un'analisi delle caratteristiche tecniche della vettura in esame. Questa settimana ci occupiamo della Ferrari SF90 Stradale.

Anche se soltanto uno provvede al sound che scalda il cuore degli appassionati, la SF90 conta ben quattro propulsori: al V8 biturbo di quattro litri si aggiungono infatti tre unità elettriche sincrone a magneti permanenti, per una potenza complessiva di ben 1.000 CV. Quello posto tra il termico e il cambio, che eroga 150 kW e 266 Nm, ha la particolarità dello schema a flusso assiale, il quale lo rende più compatto in senso longitudinale: lo spessore è infatti di appena 72 millimetri. La configurazione è di tipo P1, ovvero il motore è collegato rigidamente al V8 e, quindi, non può funzionare autonomamente. La marcia EV è perciò delegata ai due propulsori anteriori (99 kW e 85 Nm ciascuno), che azionano le ruote davanti tramite una trasmissione a ingranaggi cilindrici epicicloidali con rapporto 14,8:1, così da distribuire a piacere la coppia. Un giunto a comando elettrico consente poi di scollegare i motori dalle ruote, quando si superano i 210 km/h. I due propulsori anteriori provvedono anche alla retromarcia, semplicemente invertendo il loro senso di rotazione. L'energia necessaria al loro funzionamento è immagazzinata in una batteria agli ioni di litio da 7,9 kWh, collocata dietro i sedili e ricaricabile grazie alla frenata rigenerativa o tramite una presa di corrente.

Tecnica
Ferrari SF90 Stradale, collaborazione proficua
Chiudi

Il V8 biturbo appartiene alla famiglia F154, nata nel 2013, ma è stato ampiamente modificato rispetto alla sua ultima evoluzione, quella della F8 Tributo: la cilindrata è salita da 3.902 a 3.990 cm3, portando l'alesaggio a 88 mm e riducendo la corsa di un millimetro. Pure la testata è diversa: ora l'iniettore non è più laterale, ma al centro e lavora a una pressione più elevata (350 bar). Grazie alla diversa disposizione dei collettori di aspirazione e scarico e al volano più piccolo, il motore ha un'altezza inferiore di 76 mm rispetto a quello della F8 Tributo e l'asse dell'albero motore è 15 mm più in basso, in modo da abbassare il baricentro della vettura. Il peso, poi, è calato di 25 kg e, con 780 CV a 7.500 giri/min, la potenza specifica è passata da 185 a 195 CV/litro.

Ferrari SF90 Stradale: la scheda tecnica 

Motori
• Posteriore/centrale longitudinale, benzina
• 8 cilindri a V (90°)
• Alesaggio 88,0 mm
• Corsa 82,0 mm
• Cilindrata 3.990 cm3
• Potenza max 574 kW (780 CV) a 7.500 giri/min
• Coppia max 800 Nm a 6.000 giri/min
• Blocco cilindri e teste di lega leggera
• 2 assi a camme in testa per bancata, doppio variatore di fase, 4 valvole per cilindro (catena)
• Iniezione diretta, 2 turbo e intercooler
• Filtri antiparticolato
• Motore elettrico posteriore sincrono a magneti permanenti
• Potenza max 150 kW (204 CV)
• Coppia max 266 Nm
• 2 motori elettrici anteriori sincroni a magneti perman.
• Potenza max 99 kW (135 CV) ciascuno
• Coppia max 85 Nm ciascuno
• Potenza max sistema 736 kW (1.000 CV)

Batteria
• Agli ioni di litio, energia 7,9 kWh

Trasmissione
• Trazione integrale
• Cambio automatico a doppia frizione a 8 marce

Pneumatici
• Michelin Pilot Sport Cup 2
  Anteriori 255/35ZR20
  Posteriori 315/30ZR20
• Kit di riparazione

Corpo vettura
• Scocca di alluminio con parti di fibra di carbonio, coupé, 2 porte, 2 posti
• Avantreno a quadrilateri, molle elicoidali, barra stabilizzatrice
• Retrotreno multilink a 4 leve e mezzo, molle elicoidali, barra stabilizzatrice
• Ammortizzatori idraulici a controllo elettronico
• Freni a comando elettroidraulico a disco carboceramici autoventilanti, Abs ed Esp
• Sterzo a cremagliera, servocomando elettrico
• Serbatoio 68 litri

Dimensioni e massa
• Passo 265 cm
• Carreggiata anteriore 168 cm, posteriore 165 cm
• Lunghezza 471 cm
• Larghezza 197 cm
• Altezza 119 cm
• Massa 1.645 kg
• Bagagliaio 74 dm3

Prodotta a
• Maranello (MO)

COMMENTI

  • Nelle supercar c'è sempre da preservare il delicato equilibrio nel rapporto peso/potenza, dunque aggiungere motori elettrici (e batterie) rischia di compromettere soprattutto il feeling di guida. Ovviamente non ho mai guidato di persona la SF90 per poter giudicare, ma da quel che ho letto in giro, non tutti sono concordi nel ritenere che sia un passo avanti rispetto ai modelli che sostituisce. ......... e siamo solo all'inizio, la progressiva elettrificazione futura sarà una sfida non facile da vincere per Maranello...