Sport

Mondiale Endurance
24h Le Mans, Toyota vince per la quinta volta consecutiva

Mondiale Endurance
24h Le Mans, Toyota vince per la quinta volta consecutiva
Chiudi

Calato il sipario sulla novantesima edizione della 24 Ore di Le Mans e sul terzo round stagionale del Mondiale Endurance. La Toyota Gazoo Racing ha conquistato la quinta vittoria consecutiva sul Circuit de la Sarthe, mentre nella classe LMP2 il successo è stato conquistato dal team Jota. In GTE-Pro la Porsche firma una strepitosa vittoria, mentre in GTE-Am è la Aston Martin a portarsi a casa i doppi punti della celeberrima gara di durata francese.

Hypercar. Potremmo definirla una cavalcata solitaria quella della Toyota GR nella classe regina di Le Mans, iniziata alle 16 di sabato e conclusasi 24 ore dopo. Ma in una corsa così lunga, dove tutto può succedere, neanche per i nipponici è filato tutto liscio. La #7 guidata da Kobayashi, Lopez e Conway si è dovuta fermare per un reset durante la sedicesima ora, ma è riuscita poi a ripartire. Un problema che ha consentito all'equipaggio della #8 - con al volante Buemi, Hartley e Hirakawa - di prendere un giro di vantaggio sui compagni di squadra e arrivare tranquilli fino alla bandiera a scacchi. Alle spalle delle due Toyota troviamo la Glickenhaus che conquista il suo primo podio a Le Mans, grazie al trio Westbrook, Brisco, Mailleux.

LMP2. Il team Jota celebra una tris di vittorie a Le Mans nella classe LMP2 grazie a una prestazione impeccabile di Antonio Felìx Da Costa, Roberto Gonzalez e Will Stevens. La #38 ha gestito il gruppo ed ha avuto la meglio sulla Prema Orlen Team di Kubica, Deletraz e Colombo. Sul podio l'altra Jota #28 guidata da Rasmussen, Jones e Aberdein. Amara delusione per la #31 del team WRT: Robin Frijns è andato a sbattere alla Indianapolis nel corso della sedicesima ora, costringendo il suo team ad alzare bandiera bianca.

GTE-Pro. La Porsche torna alla vittoria nella classe GTE-Pro a Le Mans che mancava dal 2018. Incontenibile la felicità di Frederic Makowiecki, Gianmaria Bruni e Richard Lietz al termine di una gara combattuta che ha visto imporsi la Porsche GT Team 911 #91. Battute le due Ferrari del team AF Corse: la #51 di Calado, Serra e Pier Guidi ha tagliato il traguardo in seconda posizione, mentre la #52 di Fuoco, Molina e Rigon conquista il gradino più basso del podio. E dire che la gara sembrava nelle mani della Corvette Racing, colpita poi da problemi meccanici e colpi di sfortuna che hanno cambiato la storia della gara.

GTE-Am. Successo dell'Aston Martin #33 nella categoria GTE-Am: il team TF Sport ha portato al successo il trio formato da Keating, Chaves e Sorensen. Seconda posizione per la Weathertech Racing di Macneil, Andlauer e Merrill, mentre sul gradino più basso del podio troviamo l'altra Aston Martin #98 del team Northwest AMR con al volante Dalla Lana, Pittard e Thiim.

COMMENTI