Diario di bordo

Fiat
Una settimana con la 124 Spider

Fiat
Una settimana con la 124 Spider
Chiudi

Per il Diario di bordo di questa settimana, complice la bella stagione, abbiamo scelto una due posti italiana, la Fiat 124 Spider. Proposta con un listino a partire da 28.000 euro, la piccola sportiva è disponibile anche nelle versioni Lusso, S-Design, America ed Europa, con prezzi fino a 35.500 euro. Di serie, sono previsti i cerchi di lega da 16", il climatizzatore manuale, il volante e il pomello del cambio di pelle, il pulsante d'avviamento, il cruise control e la radio Bluetooth con lettore Mp3 e presa Usb. La versione Lusso aggiunge i cerchi da 17", i fendinebbia, i sedili rivestiti di pelle, il climatizzatore automatico e i sensori di parcheggio posteriori. Tra le dotazioni a pagamento, troviamo il Pack Radio (1.000 euro) con schermo da 7" e radio Dab, il Pack Premium (800 euro) con retrocamera, apertura senza chiavi e navigatore, il Pack Visibility (1.500 euro) con fari anteriori full Led, lavafari e sensore pioggia, l'impianto audio Bose (700 euro), i sedili riscaldabili (300 euro), il kit Mopar con bagagliera posteriore (634 euro) e il kit di valigie Brandon (528 euro). L'esemplare utilizzato per il Diario di bordo è caratterizzato da alcuni dettagli esclusivi - per esempio i rivestimenti dei sedili -  non disponibili sul mercato, ma la meccanica e le caratteristiche sono le stesse delle versioni attualmente proposte a listino: prestazioni e sensazioni di guida, dunque, non cambiano. Spinta da un 1.4 turbobenzina da 140 CV (a 5.000 giri/min) e 240 Nm (a 2.250 giri/min), abbinato a un cambio manuale a sei rapporti e alla trazione posteriore, la Fiat 124 Spider è lunga solo 405 cm e pesa 1.125 kg in ordine di marcia: scatta da 0 a 100 km/h in 7,5 secondi e tocca una velocità massima di 215 km/h. I consumi medi dichiarati sono di 6,4 l/100 km con 148 g/km di emissioni di CO2: la spider, dunque, non paga l'ecotassa.

2019-Fiat-124-Spider-02

Vorrei una taglia in più [Day 1]. Lo ammetto, alle spider ho sempre preferito le coupé. Non tanto per delle questioni estetiche, quanto per la praticità. Essendo alto più di un metro e 85, spesso devo "litigare" con le regolazioni dei sedili per trovare una posizione comoda, visto che su molte cabrio arrivo facilmente a toccare il tetto. Sulla spiderina torinese, ciò è ulteriormente accentuato: l'abitacolo ha dimensioni particolarmente contenute (come del resto l'auto stessa) e viaggiare senza dover inclinare la testa per me è un problema, anche cercando di "sdraiarmi" il più possibile. Poco male, però, perché la 124 sa farsi perdonare. Visto il suo peso contenuto, la piccola torinese è piacevole da guidare: facile da gestire e generalmente prestante, la Spider ti coinvolge fin dalla prima curva. Senza puntare sulla sportività o sulle prestazioni, la due posti si concentra sulle sensazioni trasmesse al guidatore. La seduta è bassa, lo sterzo è abbastanza diretto (non eccessivamente preciso) e la trazione posteriore fa davvero la differenza. Stabile anche sui curvoni veloci, la coda della spider allarga solo quando esageri, facendosi bastare lievi correzioni di sterzo e gas per ritrovare la compostezza. Semmai, oltre all'abitacolo di taglia piccola, ho rimpianto un po' il sound. Il 1.4 turbo è corposo e spinge bene, ma non ha una voce granché accattivante. E questo indipendentemente dal tetto, aperto o chiuso che sia. Concludo con un accenno alla tecnologia di bordo, un particolare che, pur passando in secondo piano rispetto alle prestazioni e alla guidabilità, ha una rilevanza anche su vetture di questa tipologia. La risoluzione del sistema multimediale non è molto elevata e manca la compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay: tuttavia, lo schermo ha le giuste dimensioni per informare il guidatore senza infastidirlo, l'ideale per un'auto che fa del piacere di guida il suo mantra. Mirco Magni, redazione Online

2019-Fiat-124-Spider-04

1.300 km sull'auto dei sogni [Day 2]. Quanto l’ho sognata, la 124 Spider! Anzi, la Sport Spider, quella lanciata dalla Fiat nel '66, che turbava i miei sonni di adolescente degli inquieti anni 70. L’avevo vista per la prima volta dal vivo al Salone di Torino, credo fosse l’edizione del ’71, accompagnato da quello che sarebbe diventato mio cognato, un po’ più vecchio di me e già patentato, grande lettore di Quattroruote (un segno del destino …) e abile cantore delle virtù del bialbero 1.600, che aveva preso il posto del precedente 1.400 facendo spuntare due gobbe sul cofano anteriore che non alteravano la splendida linea, frutto del lavoro per la Pininfarina del designer americano (e piemontese d’adozione) Tom Tjaarda. Ora, capite che con queste premesse, anche senza indulgere sulla versione Abarth che da sola meriterebbe un capitolo a parte, la Spider del nuovo millennio ha suscitato in me, fin dal suo debutto, parecchie emozioni. Ognuno, del resto, anche in campo automobilistico deve fare i conti col proprio vissuto e il mio ha fatto scaturire una vera passione per questa spider, all’acquisto della quale sono andato molto vicino (soprattutto nel momento in cui sul web si trovavano parecchi esemplari a km 0, con prezzi ragionevoli). Il caso, un po’ aiutato dai colleghi, ha fatto sì che potessi percorrere con l’esemplare di questo diario oltre 1.300 chilometri in un paio di giorni, per un’inchiesta che potrete leggere sul numero di giugno: una situazione ideale per giudicarne pregi e difetti. Penserete, forse, che ne sia uscito con la schiena a pezzi, data (come avrete capito da certi riferimenti) la non giovanissima età di chi scrive. E invece, no. Calatisi nell’abitacolo, operazione non difficilissima se si riesce a spalancare perfettamente la portiera (non c’è un largo brancardo, come su altre sportive tipo l’Elise, a rendere tutto più complicato), la posizione di guida risulta perfetta e pure comoda. E la scoperta Fiat non sembra, con lo scorrere di tanti chilometri, né troppo rigida, né troppo rumorosa. Concetti, ovviamente, relativi, ché non si tratta di una supermolleggiata Suv, ma ci sono sportive più faticose, sulle medie e lunghe distanze. Ovvio, col salire dell’andatura il 1.400 fa sentire la sua voce, ma questo, unito alla taratura delle sospensioni, offre un vantaggio collaterale: una percezione molto più netta della velocità alla quale si sta viaggiando, soprattutto in autostrada, rispetto a quanto di solito succede su una normale berlina. E ciò va a beneficio del portafogli (per le multe) e della patente (che è più facile preservare). In pratica, si rischia più di restare appiedati dalle forze dell’ordine con una banale hatchback a gasolio che con una spider a due posti… A proposito dei quali bisogna dire che sono comodi, ma che non lasciano un centimetro di spazio in più, neppure per appoggiare uno smartphone. È il prezzo della sportività, che si paga però volentieri quando si affonda sull’acceleratore e si sente nella schiena la bella spinta del turbo: in quel momento, i 140 cavalli sembrano anche molti di più. Emilio Deleidi, redazione Inchieste

2019-Fiat-124-Spider-43

Quali vizi? Sono virtù [Day 3]. Mi aspetta lì, nel piazzale del Museo di Quattroruote, la Fiat 124 Spider. Bella, rosso fiammante con capote nera: riconcilia con l’ora serale. Peccato, il tempo è brutto e pioviggina, quindi mi scuserete se vi trasmetto le mie impressioni sulla vettura con il tetto chiuso. Ora non cominciamo a dire che c’è poco posto per gli oggetti, che lo spazio è tiranno: quel che altrove è difetto, qui è pregio, e fa atmosfera rétro. Che tanto cerchiamo sulle auto hi-tech di oggi. Certo, l’abitacolo è aderente, "veste", ma dev’essere così, per allertare meglio i sensi. Nel caso, il listino è pieno di Suv e monovolume. Con la mia statura di un metro e 73, mi sistemo bene al posto guida, trattenuto a dovere dal sedile Recaro con appoggiatesta integrato. Pulsante Start, il quattro cilindri turbo 1.4 da 140 CV si mette in moto, trasmettendo subito i suoi decibel nell’abitacolo. E via, sulla strada viscida, a ritrovare il feeling perduto. La Fiat 124 ha un suo carattere, diverso da quello della cugina aspirata giapponese, la Mazda MX-5. E la differenza la fa pure il turbo, che superata un po’ d’inerzia ai bassissimi regimi, trova spinta e verve apprezzabili. La spia blu sul quadro, che indica bassa temperatura del liquido di raffreddamento, scompare alla svelta, quindi si può spingere. Insisto col gas e la lancetta del contagiri schizza veloce a 5.000, 6.000 giri, per poi fermarsi sui 6.700. Davvero niente male. La 124 Spider è veloce e divertente, anche perché, qui sul tunnel c’è un manuale un po’ vecchia maniera, dagli innesti corti e contrastati, che richiedono energia. Meglio, così sai sempre che la marcia è inserita. La frizione è corposa, e anche questo è un tratto in linea con l’indole della due posti Fiat. Qualche curva deserta, il cambio in seconda, non resisto: e allora giù con il gas, il retrotreno pattina un po’, bisogna controsterzare, ma i controlli elettronici intervengono presto a smorzare ogni intemperanza. Sì, con la 124 Spider questa sera mi sono fatto proprio un bel regalo. Andrea Stassano, redazione Autonotizie 

2019-Fiat-124-Spider-22

Piacevole sorpresa [Day 4]. Lo ammetto: avevo parecchi pregiudizi sulla 124 Spider. L'idea di un abitacolo angusto, con poco spazio fra la testa e la capote, e con il piantone dello sterzo regolabile soltanto in altezza, non mi allettava. Immaginavo i movimenti degni di un contorsionista per "calarmi" sul sedile e fastidiose sollecitazioni a ogni imperfezione dell'asfalto. Ma ho dovuto ricredermi. Già, perché come ha sottolineato il collega Deleidi, una volta aperta la portiera non è poi così faticoso accomodarsi al volante. E poi, arretrando lo schienale, anche chi è più alto di un metro e 80 può guidare senza dover assumere pose innaturali. Ok, rispetto all'ipotetica "posizione da manuale", qui bisogna accettare qualche compromesso: ma in fondo, anche in marcia, la comodità non è mancata. La mia personale sensazione è che sulla 124 si viaggi avvolti più che compressi. Inoltre, anche se si sta seduti a soli 38 centimetri da terra, la morbidezza dell'assetto sorprende. Si sentono un po' di più solo gli ostacoli secchi e brevi, ma anche considerando l'esistenza di una sorella "by Abarth", il fatto che qui si punti più su un moderato dinamismo, che sulla sportività vera e propria, mi pare una scelta oculata. In ogni caso, quando ti viene voglia di spingere un po' e di gustarti le corpose accelerazioni offerte dall'1.4 turbo, il divertimento è assicurato. Il cambio manuale ha innesti corti e precisi, anche se un po' contrastati. E la frenata è sempre incisiva e ben modulabile. Infine, con soli 4,05 metri di lunghezza e 1,74 metri di larghezza, la 124 si dimostra agile in tutte le situazioni, comprese le manovre negli spazi stretti. A questo proposito, soprattutto considerando la scarsa visibilità posteriore, acquisterei il Pack Premium (800 euro) per aggiungere la retrocamera ai sensori di parcheggio. Alessandro Carcano, redazione Mercato

2019-Fiat-124-Spider-10

Duello tra cugine [Day 5]. Meglio la Fiat 124 o la Mazda MX-5? È la domanda che mi ero fatto tre anni fa, quando avevo deciso di togliermi uno sfizio e comprare una piccola spider. Una domanda, per la verità, che aveva trovato una risposta immediata, perché mi piaceva di più lo stile – e la mia prima motivazione d’acquisto, quando si parla di auto, è proprio il design – della giap. Non che le linee classiche e rétro della 124 mi dispiacessero, proprio no, ma quelle della MX-5 mi parevano al tempo stesso più eleganti, grintose e originali. Non ho cambiato idea. Adesso, ho l’occasione di guidare anche la due posti Fiat ed è venuto il momento di riproporre quella vecchia domanda. Cercando, magari, di trovare una risposta un po’ meno istintiva. Perciò, ecco una piccola gara fra questi due modelli strettamente imparentati (la base meccanica è la stessa e vengono entrambi costruiti nello stabilimento Mazda di Hiroshima). Si parte, per i motivi che ho detto, dall’1-0 della MX-5. La 124, però, pareggia prima che abbia il tempo d’infilarmi nell’abitacolo. Perché il bagagliaio può contenere una trentina di litri in più. Poca roba, un’inezia, direte voi. Ma solo perché non avete passato tre anni a combattere con i centimetri, a lasciare a casa borsoni, a inventare incastri impossibili: 1-1 e palla al centro. L’abitacolo delle due vetture è molto simile, per non dire quasi uguale. C’è qualche dettaglio differente, per esempio le plastiche della plancia, ma stiamo parlando, appunto, di dettagli. Quando metto in moto, invece, si apre tutto un altro mondo: abituato all’1.5 aspirato, mi trovo spiazzato a misurarmi, in un ambiente che sembra lo stesso, con l’1.4 turbo MultiAir. Il quale, a dirla tutta, non ha un sound particolarmente coinvolgente e non emoziona come lo Skyactiv made in Japan, il quale dà il meglio in alto, proprio come deve fare un aspirato. Su questo non tutti saranno d’accordo, ma i giapponesi sono ripassati in vantaggio. È proprio il MultiAir, però, a dare il massimo contributo all’immediato pareggio Fiat. L’accelerazione della 124 mi sembra un’altra cosa, rispetto a quella della MX-5, persino al di là di quello che dicono i numeri del nostro Centro prove. Quanto alla ripresa, poi, non ci sono paragoni: è il reparto dove tra le due vetture c’è più differenza. Con la Mazda, a velocità basse e rapporti alti, cambiare marcia è inevitabile, al contrario che sulla Fiat. Che prevale anche sul versante del confort. Sia chiaro, quando ci si avvicina alle velocità autostradali, i decibel che entrano nell'abitacolo sono abbondanti. Però, sulla giapponese le cose vanno persino peggio, posso garantirlo. Senza contare che la taratura meno rigida delle sospensioni aiuta l’italiana a superare in modo più indolore dossi e avvallamenti: siamo al sorpasso, 3-2 per la 124. La MX-5 si rifà subito in tema di comportamento stradale. Intendiamoci, entrambe le vetture sono particolarmente divertenti da guidare, ma l’agilità con cui la giap - anche per il suo centinaio di chili in meno – s’infila nelle curve, restando incollata all’asfalto, è qualcosa di notevole, che la Fiat non riesce del tutto a uguagliare. Infine, il cambio, la voce che dà il successo finale ai nipponici. E pensare che quello della 124 è ottimo: dagli innesti po’ duri e contrastati, ma avercene. Quello della Mazda, d’altra parte, è un gioiellino rapido e affilato, a mio giudizio inarrivabile nella sua categoria: dunque, per me la partita termina con un 4-3 per la MX-5. Anche se il gol della vittoria, a pensarci bene, è stato segnato tre anni fa. Emanuele Barbaresi, Ufficio centrale

COMMENTI

  • fuori dal coro: io possiedo una 124 spider e la trovo -soggettivamente - assai più bella della MX 5, oggettivamente più confortevole e penso anche che queste auto, la MX5 e la 124, vadano provate, prima di essere giudicate, perché la componente ideologica è in questi casi particolarmente forte. In merito all'"inutilità" della Fiat obietterei che in un mondo che mette in comune Ford e Volvo, Mazda e Ford, Opel e Peugeot, Jeep e Fiat, Porsche e VW, parlare di inutilità " gemellare", di doppioni, non abbia senso. Lamborghini fatte con le Audi hanno forse senso? Alfa Giulia con motore Ferrari fanno ribrezzo? Continuo con la genetica incrociata?
  • AAA: Cercasi motivi per comprare una Fiat 124 invece che una MX5. Motivi trovati: zero
     Leggi risposte
  • Il fatto che la mazda ha rilasciato a fine 2018 una versione aggiornata, con sterzo regolabile, il quale può essere adottato anche da fiat (avrebbero potuto farlo anche loro (fiat) prima come aggiornamento). Secondo me la fiat ha deciso di concludere con questo modello, vedremo se ci sarà un restyle o meno (per via della normativa euro6 temp). Persino la abart possiamo dire la stessa cosa, senza considerare che la mx5 2.0 2019 ha 184cv e non più 160cv mentre la abarth ha ancora il modello con 170cv, il prezzo poi non ne parliamo.
     Leggi risposte
  • Barbaresi nel day 5 ha dimenticato di aggiungere che scegliendo la Mx5 tre anni fa, ha pure risparmiato qualcosa nell'acquisto dato che la 124 veniva proposta ad un prezzo più alto, (ora, senza analizzare le singole dotazioni, vedo che più o meno i listini sono stati livellati maggiormente). ...... in ogni caso, contrariamente a lui, io continuo a preferire la variante Fiat....
     Leggi risposte
  • Bene siamo arrivati al venerdì e togliamocela pure dalle balls, macchina che comprano in 4 gatti, macchina che non avrà seguito ( già questa è stata fatta solo perché doveva essere un Alfa ( prima ) ) , macchina triste con plancia di una Mazda mah si sa se lo fanno le tedesche sono cassoni rimarchiato se lo fanno i Fiattari sono collaborazioni ! Poveretti
  • Personalmente la ritengo una bella macchina. Adoro i riferimenti al modello originale del 1966, e trovo certi particolari moderni un po' forzati. Mi sarebbe piaciuto vedere nella gamma una versione "classic" con cromature, cerchi, colori e interni dedicati. Mi auguro che FCA abbia programmato la sostituzione dei vecchi 1.4 non più a norma a partire da Agosto 2019 con i nuovi Firefly 1.3 che tra l'altro garantirebbero una piccola iniezione di potenza supplementare. Non sarebbe poi una cattiva idea proporre poi una versione Abarth degna di questo nome, con un motore dotato di un'ulteriore iniezione di potenza (200cv?) rispetto ai 180cv standard… perché avere lo stesso motore di una Jeep sotto un cofano con lo scorpione in bella vista non è certo la mossa più corretta per far breccia sugli amanti dello storico marchio. Staremo a vedere. Ha, dimenticavo. E' vero che sono altro circa 1,85 e non sono quel che si dice esattamente "un chiodo", ma provandola ho trovato qualche difficoltà a calarmi nell' abitacolo come ad uscirne. pertanto consiglierei, per quanto possibile, di rivedere per lo spazio a bordo modificando parte della plancia o la posizione del sedile. Per il resto, come detto, gran bel giocattolo.
  • Premesso che le spider non tirano più come una volta e che, sopratutto in Italia, sono diventate una nicchia di mercato davvero irrisoria ma a me la 124 spider fa solo una gran tristezza. In origine l'accordo con Mazda doveva far nascere la nuova Alfa Romeo Spider ( va be un' Alfa prodotta in Giappone non so quanto appeal avrebbe avuto ....ma forse mi sbaglio) , un 'idea abortita, poi si ripiegò sul marchio Fiat e sul revival dello storico nome 124 per puntare sopratutto sul mercato USA. Onestamente non so dire se in usa le vendite siano in linea con le attese ma in Italia se ne vedono davvero pochissime in giro. Personalmente se volessi comprare una spider di quella fascia di prezzo tra la 124 e la mx 5 opterei sicuramente per quest'ultima, almeno è il modello originale che viene da un storia recente..
  • Per me la migliore spider sotto i 30.000 euro in commercio, anche se da ex pilota e sportivo preferisco l'Abarth (che ho provato 2 volte). Ci sono dubbi sul futuro di questa bella automobile, anche a causa del motore credo non ancora Euro 6 D-Temp (c'è tempo fino ad agosto). Spero che venga utilizzato nel futuro il Firefly 1.300 turbo da 150 e 180 cv (rispettivamente per la Fiat e l'Abarth), rinnovando la joint-venture con la Mazda.
     Leggi risposte
  • beh, la parte emozionale di una piccola spider due posti piace ovviamente a tutti, me compreso
  • quando si provano le spider c'é sempre una parte in cui si commenta l'assenza di vani per riporre gli oggetti e le dimensioni del bagagliaio. Quando si provano le auto da famiglia non ho mai letto commenti sulla velocitá in centro curva, la trazione dalla parte sbagliata, il bilanciamento dei pesi, ecc... Perché?
  • Grazie a Vin e Marco, troppo buoni. E sempre presenti. Credo che l'auto vada ancora interpretata con grande passione e per divertirsi, beninteso nei limiti delle leggi e del buonsenso. Poi, sulla statura, Vin ha ragione, gli "standard" come me sono avvantaggiati. A presto!
     Leggi risposte
  • quanti commenti negativi su una macchina da divertimento. della qualità fiat non vi potete lamentare perchè è costruita da mazda. allora è stretta e scomoda . bisogna pur trovare qualcosa di negativo. avreste scritto anche tanti commenti sulla mazda o sulla bmw z4? l'estate scorsa ho percorso 11.000 km con la 4c. strettissima, scomodissima da entrare ed ancora piu scomoda da uscire. ma chi se ne frega. il divertimento vale la pena e basta. per gli altri suv e buona notte
     Leggi risposte
  • È un piacere leggere il diario di bordo di questa settimana. Soprattutto Il day 3 è pieno di emozioni, trasmette la voglia di vere auto. Grazie Andrea Stassano.
     Leggi risposte
  • @GSI La tua visione romantica dell'auto ha senso se parliamo di Ferrari e compagnia bella. Te l'ho già detto. Anzi, vorrei dire che anche per questi marchi elitari, il vento è già cambiato. Le perle ingegneristiche ormai sono relegate alle tirature limitate, versioni speciali, one-off. Ma i modelli che fanno lavorare gli operai sono un'altra cosa: vedi Portofino (che a parte la cavalleria) è la Ferrari meno Ferrari in listino. O la Macan di là delle Alpi. Ti dice niente Urus? E' una vera Lambo? ...eppure...Ha ragione G.P.: sono cambiate le priorità, e se vuoi campare devi stare al passo.
     Leggi risposte
  • Molto bella, anche se nelle foto non rende. Dal vero è decisamente più macchina della mx5. Il motore ha un po' più di potenza e molta più coppia del 1.5 da 130 della mx5, ma il 1.5 consuma poco o nulla. Si parla di 17 nell'uso normale, cosa impossibile, dati di omologazioni (come sempre straottimisti) del 1.4 fiat turbo. Detto questo, l'imbarazzo della scelta è questo: uno dovrebbe fare la abarth, che ha senso come motore, ma è orribile con il cofano nero opaco e i quattro scarichi, dunque fa la normale, ma è peggio, a parte l'estetica, della mx5. Io personalmente farei la mx5, il 1.5 mi convince, e molto, anche se questa, esteticamente, è decisamente più di classe.
     Leggi risposte
  • molto bella!!! auto "sfiziosa"
     Leggi risposte
  • Auto senza passato e senza futuro. Amen.
     Leggi risposte
  • Cambiano i tempi ora appassionato preferisce roba simile d'epoca o di 15/20 anni fa, i pochi appassionati di motori giovani sono cresciuti con valentino e non con le ferrari o senna... Preferisco la moto come mezzo di sfizio... Ripeto cmq pochi.
     Leggi risposte
  • In EU, al giorno d'oggi mantenere qualsiasi vezzo diventa un cappio al collo. Ecco la morte di questa tipologia di auto. Oltre alla ormai banale moda suv. Se 20 anni fa tenere in garage una bella spider o coupé da usare (purtroppo) comunque poche volte l'anno, poteva essere economicamente sostenibile...ora non lo è più. Detto questo, come la gemella MX5 questa 124 è davvero troppo piccola. Nonostante la linea davvero riuscita non me la comprerei mai. Anzi, non mi è mai nemmeno saltato il matto di noleggiarla un fine settimana. Probabilmente in questo rebadging FCA ha speso poco poco, ma penso che se investivano quel poco in qualcos'altro era meglio. Se avevano l'intenzione rafforzare la nuova immagine del marchio FIAT (come stanno facendo con la gamma 500), lo sanno tutti che è una Mazda, non farina del loro sacco: quindi hanno cannato completamente lo scopo. Altro esempio di gestione delle (misere) risorse incomprensibile. Forse, ma dico proprio forse, era più logico, come programmato in origine, lanciarla col marchio AR: avrebbe avuto più senso. Ma a Torino la logica non campa.
     Leggi risposte
  • Bella. Una delle poche vere auto rimaste sul mercato. Auto che va scelta col cuore e non con la testa. La razionalità qui non è di casa. Solo emozioni. Assieme alla MX-5 due vere spider interpretate in modo diverso (motore aspirato vs turbo). Non c'è posto per lo smartphone? Beh, si lascia a casa così non si viene disturbati è si gode il panorama, l'aria, il suono del motore, si guida...cosa volere di più?
     Leggi risposte
  • A me piace molto come estetica e come tipologia di auto. Il fatto che sia in pratica una MX-5 è una garanzia quanto a comportamento su strada. Purtroppo questo tipo di auto sta scomparendo, se pensate MB rinuncia a rinnovare l'SLK che, è vero che è un altro segmento, ma ne è stato un simbolo tra fine 90 e i 2000, capite come siamo messi. A quando il prossimo SUV?
     Leggi risposte
  • in questa macchina (pur carina) proprio non ci si sta: troppo stretta, troppo bassa, troppo costrittiva. Oggi la praticità d'uso è importante anche nelle sportive, che appunto perché poco pratiche, stanno purtroppo scomparendo.
     Leggi risposte
  • Io sono 180 cm e ci sto dentro abbastanza bene. Vorrei un attacco dei freni più cattivo e poco altro, ma sono molto soddisfatto. E poi, è bellissima e divertente.
  • 192cm, ci sto a stento nella mia ed anzi sto già studiando modifiche alla pedaliera. Cmq, tornando alla 124...ancora una volta un gran buon prodotto uscito in un periodo difficile, di recessione; ed anche di gusti della gente virati su praticità e comfort. Nel nord EU che paradossalmente è un mercato migliore per le spider, 124 e relativa Abarth fanno fatica perché lassù fanno fatica ad associare Fiat ad un prodotto fun che costi qualcosina. Peccato, vista dal vivo, è valida. Chiaro che è strettina e bassa...usciranno i suv cabrio evidentemente.
     Leggi risposte
  • C'e' un errore nella descrizione del day 1: non si tratta del sistema UConnect ma del (vecchio) sistema di infotainment della Mazda. Spero che anche sulla versione della Fiat arrivi presto il restyling, magari con l'aggiunta dei motori turbo a 3 e 4 cilindri gia' montati su Renegade e 500X. Spero infine che - a dispetto die numeri di vendita contenuti - Fiat decida di continuare la collaborazione con Mazda anche per la prossima generazione di questa 2 posti spider. Il successo commerciale si costruisce solo sull base di buoni prodotti. Questa spider non solo e' bella (per me piu' della cugina giapponese), ma anche affidabile... Sarebbe un peccato se la togliessero dal listino...
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/21555/poster_007.jpg Giolito: Finalmente Fiat, Lancia e Abarth storiche hanno una casa [LOGO QRT] http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/giolito-finalmente-fiat-lancia-e-abarth-storiche-hanno-una-casa Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21380/fiat 120.jpeg Fiat Centoventi la nuova Panda con qualcosa in più, anzi molto http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/fiat-centoventi-la-nuova-panda-con-qualcosa-in-pi-anzi-molto-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21059/500X 067.jpg La verità sui consumi della nuova 500X con i motori Firefly http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/la-verit-sui-consumi-della-nuova-500x-con-i-motori-firefly Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/20874/Fiat 500X.JPG Abbiamo guidato la nuova Fiat 500X http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/premiere-500x-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20642/poster_003.jpg La Fiat Panda Waze a Pandino insieme ad altre 365 Panda! http://tv.quattroruote.it/mondo-q/mondo-auto/video/la-fiat-panda-waze-a-pandino-insieme-ad-altre-365-panda- Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19958/poster_006.jpg Lo stand FIAT al Salone di Detroit http://tv.quattroruote.it/eventi/detroit-2018/video/detroit-2018-fiat-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19812/poster_015.jpg Diario di bordo - Day 4 - Fiat 500 Anniversario: quali sono le sue concorrenti? http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/diario-di-bordo/video/diario-di-bordo-day-4-fiat-500-anniversario-quali-sono-le-sue-concorrenti- Diario di bordo
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19802/poster_012.jpg Diario di bordo - Day 3 - Fiat 500 Anniversario, l'analisi tecnica di Paolo Massai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/diario-di-bordo/video/diario-di-bordo-day-3-fiat-500-anniversario-l-analisi-tecnica-di-paolo-massai Diario di bordo
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19803/20171129_155320-iloveimg-cropped-iloveimg-resized.jpg Diario di bordo - Day 5 - Fiat 500 Anniversario: dal Cinquino al Cinquone di Romeo Ferraris http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/diario-di-bordo/video/diario-di-bordo-day-5-fiat-500-anniversario Diario di bordo
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19787/poster_001.jpg Diario di bordo - Day 1 - Fiat 500 Anniversario, una settimana con lei http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/diario-di-bordo/video/diario-di-bordo-day-1-fiat-500-anniversario-una-settimana-con-lei- Diario di bordo

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >

    logo

    ASSICURAZIONE? SCOPRI QUANTO PUOI RISPARMIARE

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con In collaborazione con Facile.it

    CERCA IL FINANZIAMENTO AUTO SU MISURA PER TE

    RISPARMIA FINO A 2.000 €!

    In collaborazione con Facile.it

    Calcola il tuo tagliando

    QTagliando

    Cerca annunci usato

    LA STORIA AUTOMOBILISTICA A PORTATA DI MANO

    Oltre 1500 recensioni di attività commerciali del mondo automotive

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!