Eco news

Auto elettriche
Aumento di potenza gratuito per la ricarica domestica

Auto elettriche
Aumento di potenza gratuito per la ricarica domestica
Chiudi

Importante novità per chi possiede un’auto elettrica o ibrida plug-in e la ricarica a casa: da oggi, 1 luglio, chi ha già installato o ha intenzione di installare una wallbox potrà beneficiare di un aumento gratuito di potenza di rete fino a 6 kW nelle ore notturne e nei giorni festivi. Il provvedimento, voluto dalla Arera (l’Autorità di regolazione per l’energia, le reti e l’ambiente), è rivolto a tutti gli utenti a cui è intestata una fornitura in bassa tensione (fino a 1.000 V) con una potenza non inferiore a 2 kW e non superiore a 4,5 kW. Per richiedere l’incremento della potenza è sufficiente fare domanda sul sito del Gse (Gestore servizi energetici) entro il 30 aprile 2023, senza dover passare dal proprio fornitore e, dunque, senza dover sostenere costi fissi aggiuntivi. Grazie a questa novità, il Gse ha calcolato un risparmio stimato per i consumatori che va da 60 a oltre 200 euro l’anno.

Solo wallbox idonee. L’iniziativa per ora è solo una sperimentazione che durerà fino al 31 dicembre 2023. L’obiettivo è promuovere la ricarica "intelligente" dei veicoli elettrici, gestendo i carichi in modo compatibile con le caratteristiche delle reti elettriche esistenti. Per fare ciò verranno sfruttate le potenzialità offerte dalle wallbox più avanzate: a tal proposito, il Gse ha pubblicato un elenco dei dispositivi per la ricarica domestica idonei per ottenere l’aumento di potenza. Questi ultimi sono divisi tra dispositivi provvisti di Gestione dinamica del carico (Gdc), in grado di regolare la velocità di ricarica in base alla rilevazione della potenza disponibile residua al punto di prelievo e dispositivi privi di questa tecnologia (indicati come "No Gdc"). Ricordiamo, inoltre, che l’acquisto e l’installazione di una wallbox sono incentivati con una detrazione fiscale del 50%, applicata fino a un importo massimo di spesa di 3.000 euro. La percentuale può salire addirittura al 110%, nel caso in cui gli interventi siano effettuati insieme a opere trainanti di efficientamento energetico, grazie all’ecobonus edilizio.

COMMENTI