Industria e Finanza

Tesla
Elon Musk lascia la presidenza, ma resta ad

Tesla
Elon Musk lascia la presidenza, ma resta ad
Chiudi

Elon Musk ha raggiunto un accordo di patteggiamento con la Sec, l'organo di vigilanza dei mercati finanziari statunitensi, per chiudere la causa legale avviata dalla commissione giovedì scorso presso presso la Corte Federale di Manhattan per la vicenda dei cinguetti sulla privatizzazione della Tesla Motors. L'intesa prevede una serie di concessioni: Musk ha accettato di lasciare la presidenza per almeno tre anni pur di mantenere l'incarico di amministratore delegato.

Sanzioni anche per la Tesla. Musk e la Tesla pagheranno anche una multa di 20 milioni di dollari a testa. Non solo. La Sec ha imposto anche una serie di modifiche immediate alla governance dell'azienda e alla gestione della comunicazione alla luce delle ripercussioni dei tweet dello stesso Musk sull'andamento delle azioni della Casa californiana quotate a Wall Street. In particolare, l'imprenditore dovrà lasciare l'incarico di presidente nel giro di 45 giorni, mentre la Tesla sarà obbligata a nominare nel consiglio di amministrazione due nuovi membri indipendenti e a costituire al suo interno un comitato permanente di consiglieri sempre indipendenti. L'accordo, che comunque è subordinato all'approvazione della corte federale di Manhattan, impone anche il rispetto da parte di Musk di precise disposizioni nella diffusione di notizie riguardanti la casa automobilistica. "Come conseguenza dell'accordo, Elon Musk non sarà più presidente della Tesla, il consiglio di amministrazione adotterà importanti riforme - incluso l'obbligo di sorvegliare le comunicazioni di Musk con gli investitori - ed entrambi pagheranno sanzioni finanziarie", ha affermato il funzionario della Sec Steven Peikin. "Il patteggiamento ha l'obiettivo di prevenire ulteriori perturbazioni del mercato e danni agli azionisti della Tesla".

L'accusa di frode. La possibilità di un compromesso con la Sec è iniziata a circolare subito dopo un venerdì nero per il titolo Tesla, che ha perso ben 7 miliardi di capitalizzazione di Borsa in un solo giorno di scambi per i timori degli investitori sulle pesanti conseguenze della causa legale avviata dalla commissione. L'organo di vigilanza ha chiesto la defenestrazione di Musk da qualsiasi incarico accusandolo di frode e di dichiarazioni false e ingannevoli. L'imprenditore, che poco prima del deposito della causa legale si era rifiutato di accettare un primo accordo di patteggiamento per difendersi nelle aule giudiziarie, rischiava di perdere tutti i suoi ruoli non solo nella Tesla, ma anche in altre aziende quotate e di pagare una multa multimiliardaria. Dal canto suo, la Casa californiana avrebbe probabilmente subito danni pesanti con l'uscita del suo co-fondatore: sono in molti a ritenere che il valore di Borsa della Tesla, fino a venerdì superiore a quello della General Motors, sia il frutto non tanto delle performance finanziarie (in 15 anni di vita non ha mai chiuso un bilancio in utile) quanto della fiducia degli investitori sulle abilità, le visioni strategiche e le idee innovative di Musk. 

La vicenda dei tweet. Il caso nasce il 7 agosto con un cinguettio con cui viene annunciata l'idea di lanciare un'operazione di privatizzazione della Tesla grazie a "finanziamenti garantiti” e disponibili per un'offerta pubblica d'acquisto al prezzo di 420 dollari per azioni e per un controvalore complessivo di 72 miliardi. Si sarebbe trattato di una maxi-operazione di delisting con ben pochi precedenti a Wall Street. Il tweet non ha solo alimentato il rally borsistico delle azioni, ma anche i dubbi degli investitori e di molti organi di stampa. Qualcuno ha pensato anche a uno dei soliti scherzi di Musk, già in passato protagonista di provocazioni sui social network come in occasione del pesce di aprile su un imminente fallimento della sua Tesla. A generare sorpresa è stato soprattutto il prezzo di 420 dollari, che ha spinto la Sec e altre autorità ad aprire un'indagine, anche perché nel giro di pochi giorni è arrivata la decisione dello stesso Musk di abbandonare l'idea della privatizzazione.

La causa della Sec. La commissione ha accusato di Musk di aver annunciato un progetto senza alcun fondamento e soprattutto senza alcun finanziamento garantito e di aver così danneggiato gravemente gli investitori. La Tesla è stata invece criticata per non aver imposto procedure di controllo sulla diffusione dei tweet e quindi per non aver mai implementato gli strumenti necessari per verificarne la correttezza. La Sec ha da una parte messo nel mirino il prezzo di 420 dollari accusando Musk di aver "dichiarato di aver arrotondato il prezzo a 420 dollari perché recentemente aveva appreso il significato del numero nella cultura della marijuana e pensava che la sua ragazza lo avrebbe trovato divertente, il che non è un buon motivo per scegliere un prezzo". Dall'altra, ha messo sotto accusa i finanziamenti garantiti dall'imprenditore sotto forma di un intervento del fondo sovrano dell'Arabia Saudita: "non ha mai trattato, e nemmeno confermato, i termini chiave dell'operazione, compreso il prezzo dell'offerta, con qualsiasi potenziale fonte di finanziamento". "Questa iniziativa ingiustificata da parte della Sec", ha replicato Musk, "mi lascia profondamente rattristato e deluso. Ho sempre agito nel migliore interesse della verità, della trasparenza e degli investitori: l'integrità è il valore più importante della mia vita e i fatti dimostreranno che non l'ho mai compromessa in alcun modo". La Tesla e il consiglio di amministrazione hanno, dal canto loro, espresso "piena  fiducia in Elon, nella sua integrità e nella sua leadership". Ora la vicenda si chiude con una prima vittoria della Sec. Ma il patteggiamento non risolve altri fronti legali e, anzi, genera molti rischi per Musk e la Tesla. Il Dipartimento di Giustizia ha avviato un'indagine parallela, diversi azionisti hanno depositato cause di risarcimento danni e alcuni studi legali hanno avviato la raccolta delle deleghe per una class action. In tutti i casi i vari avvocati o inquirenti coinvolti potranno far leva su tutta la documentazione svelata dalla Sec per sostenere la validità e la fondatezza delle loro richieste contro l'imprenditore e la sua creatura.

COMMENTI

  • Fortunato il Buratti a non capire niente di mercato azionario, perché a guardare ora il pre-market, a quest'ora singhiozzerebbe a rischio salute
     Leggi risposte
  • No Dal Bosco, il mercato è si globale ma è il prodotto "elettrico" che praticamente per i consumatori non lo è. Il costo : con 7 mila euro mi compro una Panda, con quei soldi solo le batteria e forse anche il motore elettrico. L'elettricità : è dappertutto ? Si, e io sono Frank Sinatra... Lo dica a tutti quelli che non hanno il box, in città sono la maggior parte, che lasciano l'auto in strada. Dove sono ste colonnine ? Nella mia cittadina e quelle intorno alla mia, e abito alle porte di Milano mica in Uganda, non cè ne è una. E Poi se ci fosse devo farmi a botte con qualcuno che nella mia zona ha avuto la brillante idea di acquistarne una anche lui ? E poi se una domenica mi voglio fare un giro ? Devo programmare la gita in stile "guerra del Golfo" sperando poi che le colonnine che devo andare in giro a cercare stile "caccia al tesoro" siano attive, non siano occupate da qualche "sciacallo" o ci sia qualcuno prima di me. Ah si Dal Bosco è vero...oggi con le batterie ci fai 300 km e più... si... peccato che quell'auto costa almeno 40-50 mila euro,.. davvero popolare Dal Bosco! Davvero per TUTTI, GLOBALE. E' questo che voi fans non riuscite a comprendere, con sta storia dell'elettrico "facile", "pratico", "economico da mantenere" vi state sputtanando alla grande. Perchè semplicemente non è vero, e la gente non è fessa visto che l'auto per una famiglia è il secondo impegno economico dopo la casa. L'unica cosa che riuscite a ottenere è repulsione perchè alla fine fate la figura dei ciarlatani. Poi Dal Bosco vediamo di non prenderci in giro, se si trova a smaltire un sacco di ordini è perchè questo prima le ha vendute senza che esistesse l'auto e poi per 2 anni non ha saputo costruirle. Le ripeto, mi faccia vedere i dati ufficiali di vendita di nuovi ordini che ogni mese arrivano per la Model 3. Non li troverà da nessuna parte perchè Tesla si vede bene di comunicarli visto che per stare in piedi ne dovrebbero arrivare almeno 20 mila al mese. Ma se ne vendono tante perchè allora non lo comunicano mai ? Sarebbe un motivo di vanto, perchè no, si faccia questa benedetta domanda.
     Leggi risposte
  • Ah ah, non ho letto ciò che ha scritto Buratti, ma sicuramente non si rende conto che a Musk è andata di lusso. Rimane Ceo, come dice Dal Bosco c'è un record di produzione in atto, quindi la Tesla continuerà a crescere alla grande, e i suoi detrattori, che si aspettavano quantomeno l'arresto di Musk, ci sono rimasti male. Buratti può continuare a singhiozzare
     Leggi risposte
  • Beh quando ti senti un Divino fatto uomo tanto da sentirti di poter disporre a piacimento del rispetto altrui e delle regole comuni questo è il risultato : una bella PETTINATA!! Fronte e retro, sia amministrativa che pecuniaria. E ora sono curioso di vedere come cambierà questa comunicazione con la stampa, come spero che comunichino le vere nuove vendite a cadenza mensile come qualsiasi cristiana casa automobilistica senza trucchi e raggiri. BLUNDO dove sei ? Aspetto un suo commento alla notizia, cosa che non fa mai per altro perchè si limita a fare il vigilante pro Tesla. Allora un uomo così è o non è un ciarlatano ? Mi spieghi ora perchè se gli investitori, a suo dire, dovevano esultare per il tonfo, adesso partono con le class action ? E dato che il Divino accettando il patteggiamento in fatti pratici ha ammesso la colpa, mi sa proprio che la maggior parte di queste andranno a buon fine ridandogli un’altra bella PETTINATA pecuniaria. Acciderboli che sfortuna…adesso che doveva diventare redditizia…li dovrà ricacciare tutti fuori…
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca