Industria e Finanza

Stellantis
Nuove attività a Cento e Modena

Stellantis
Nuove attività a Cento e Modena
Chiudi

Stellantis chiarisce il futuro della fabbrica di Cento, in provincia di Ferrara, e svela un'espansione delle attività a Modena. Il costruttore guidato da Carlos Tavares ha informato le autorità regionali durante un incontro presso l’assessorato al Lavoro dell’Emilia Romagna, nell’intenzione di creare nello stabilimento ferrarese una “business unit” per la produzione di motori industriali e marini. Si tratta, stando a fonti aziendali, di attività che hanno registrato crescenti volumi produttivi nell’ultimo triennio e sono caratterizzate da prospettive di “significativa” espansione nei prossimi anni anche grazie a soluzioni ibride ed elettrificate.

Operatività immediata. La nuova divisione, che ha l’obiettivo di incrementare ulteriormente la produzione di Cento nell’ambito di un piano strategico, sarà operativa a partire dalle prossime settimane e avrà al suo interno anche un’area di Ricerca e Sviluppo che sarà oggetto di “significativi investimenti”. Le attività industriali, secondo le stesse fonti, saranno concentrate sui propulsori diesel di ultima generazione per uso in ambito industriale, marino ed energetico e punteranno l’attenzione anche sulla tecnologia dell’idrogeno. La nuova missione della fabbrica e le prospettive di crescita saranno sostenute da programmi di formazione volti a riqualificare e migliorare le competenze dei circa 800 lavoratori. L’obiettivo è anche di riallocare parte degli operai oggi addetti alla produzione dei motori V6 diesel, in fase di progressiva dismissione. Stellantis, infatti, ha annunciato nuove attività anche per lo stabilimento della Maserati a Modena: è prevista la realizzazione di un reparto verniciatura, denominato “FuoriSerie” e dedicato alla personalizzazione dei modelli del Tridente, che impiegherà dipendenti provenienti proprio da Cento.

Bonus "anti-inflazione" in Francia. Un altro incontro ha avuto luogo in Francia, dove l’azienda ha informato i rappresentanti sindacali dell’intenzione di corrispondere ai dipendenti transalpini un contributo “anti-inflazione” dal valore massimo di 1.400 euro. In particolare, Stellantis erogherà un bonus una tantum e consentirà ai lavoratori di convertire in un pagamento monetario tre giorni di ferie maturati con eventuali straordinari. Circa il 60% della forza lavoro potrà beneficiare del sostegno massimo, mentre il 20% avrà diritto a un aiuto di 1.100 euro. Il restante 20% può già godere di retribuzioni particolarmente elevate e quindi non riceverà nulla. Sempre in Francia, la filiale locale del gruppo automobilistico ha annunciato l’avvio di una partnership con Uber: Free2Move aiuterà l’azienda statunitense a elettrificare il 50% della flotta.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Stellantis - Nuove attività a Cento e Modena

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it