Nuovi Modelli

Hyundai i30
Svelata la terza generazione

Hyundai i30
Svelata la terza generazione
Chiudi

La sfida non è di quelle da sottovalutare. Voler togliere clienti alla Golf si è rivelato finora (scandali o non scandali) la classica missione impossibile. Alla Hyundai ne sono coscienti, ma con la terza generazione della i30 (di cui abbiamo già provato un prototipo) svelata oggi, in anteprima rispetto al debutto "popolare" che avverrà al Salone di Parigi (1-16 ottobre), sono comunque determinati a portare a casa risultati tangibili.  

La griglia a cascata. Nell'adeguare il design della i30 ai tempi che cambiano, alla Hyundai hanno lavorato soprattutto all'elemento più importante del family feeling: la griglia, che sul nuovo modello assume una forma diversa, protesa verso il basso a simulare, parola di designer, il flusso dell'acciaio fuso. Cambiano, ovviamente, anche i gruppi ottici, con larga profusione di Led e i fendinebbia integrati nelle prese d'aria. Cofano allungato, sbalzi ridotti, fiancate fluide, spoiler posteriore completano il carattere della nuova i30. Lunga 434 cm, larga 180 e alta 146, grazie al passo di 265 cm la nuova i30 offre un abitacolo spazioso e per il bagagliaio la Casa dichiara una capienza da 395 a 1.301 litri.

Connettività all'avanguardia. Tutta sviluppata in orizzontale, la plancia può essere arricchita con il touch screen da 8 pollici (optional), dove convogliare tutte le funzioni multimediali, in alternativa a quello da 5" con retrocamera integrata, Bluetooth e funzione My Music. Il sistema più sofisticato, invece, permette d'interfacciare lo smartphone, che potrà poi essere ricaricato wireless, e fornisce una connettività seamless per tutti gli occupanti.

1.4 T-GDI al debutto assoluto. Tutti disponibili al lancio, tre motori benzina e il turbodiesel con tre livelli di potenza. Tra i primi, da notare il debutto assoluto su una Hyundai del 1.4 T-GDI da 140 CV e 242 Nm, accoppiato con il sei marce manuale o il doppia frizione a sette rapporti. Completano l'offerta il nuovo tre cilindri 1.0 turbo da 120 cavalli e 170 Nm (solo con trasmissione meccanica) e il classico 1.4 da 100 CV. Il 1.6 CRDi, invece, è offerto con potenza di 95, 110 e 136 CV, con gli ultimi due abbinabili anche all'automatico.

Piacere e sicurezza di guida. Il telaio rielaborato, l'utilizzo di acciai altoresistenziali, con la conseguente riduzione del peso di 28 kg e l'aumento della rigidità del 22%, i dischi anteriori maggiorati (288 mm di diametro) migliorano il piacere di guida. La sicurezza di marcia è invece garantita da una ricca dotazione di dispositivi, dalla frenata di emergenza con rilevamento pedoni alla gestione dei fari abbaglianti. Un'altra novità assoluta per la gamma Hyundai che arriva al debutto con la i30 è il rilevatore della stanchezza del conducente.

Dall'Europa per l'Europa. Non che finora la i30 sia stata spettatrice passiva. Dal lancio, nel 2008, ha totalizzato 800 mila immatricolazioni. Non sono altrettanto soddisfacenti, ammette Andrea Crespi, managing director di Hyundai Italia, i risultati ottenuti nello Stivale, dove il lavoro da fare è tanto, soprattutto nel mercato flotte e business, con particolare attenzione al noleggio a lungo termine. Progettata in Germania e prodotta nella Repubblica Ceca, la i30 cinque porte è soltanto la prima componente di una famiglia che si allargherà alla station wagon e poi alla versione sportiva.

La cinque porte a febbraio. La hatchback sarà nelle concessionarie a febbraio, la familiare la raggiungerà a maggio, mentre per il debutto del sub-brand N, la risposta Hyundai alle caratterizzazioni sportive più note, bisognerà attendere la fine dell'anno. Non sono ancora stati resi noti i prezzi, che, assicura Crespi, saranno in linea con il rango della vettura e la volontà di conquistare nuovi clienti alla marca.

Manuela Piscini

COMMENTI

  • Ma perchè fare una Tucson dalla linea piacevolmente personale (per me tra le più belle SUV in circolazione) e poi presentare un'auto così squallida come questa i30?
     Leggi risposte
  • La precedente i30 era veramente una macchina ineressante dal punto di vista del design ed a mio avviso anche bella. A giudicare dalle foto, questa mi sembra poco di Golf (da dietro), poco di 308 e Tipo hatchback (di lato) ed un pizzico di Ford (davanti). Probabilmente sara' la nuova tendenza delle linee ma se perdiamo anche l'originalita' tutte le auto sembreranno uguali. Alla fine l'unica originale (stilisticamente) e riconoscibile come tale sara', veramente, la Golf.
     Leggi risposte
  • manca di personalità.
  • ho una hyundai i20 gpl che mi ha stupito per la robustezza in quanto in 3 anni e mezzo ho fatto 140.000km di città e tutti stop&go.Gli interni sono molto robusti ma molto tristi e l'aspetto esteriore è decisamente dimesso ma da una citycar dall'ottimo rapporto prezzo prestazioni è accettabile.ma questa????mi sembra un deciso passo indietro.
     Leggi risposte
  • Cito l'articolo " alla Hyundai hanno lavorato soprattutto all'elemento più importante del family feeling: la griglia, che sul nuovo modello assume una forma diversa, protesa verso il basso a simulare, parola di designer, il flusso dell'acciaio fuso ". Sintetizzo l'articolo con "singleframe d'oriente"
  • Dopo una notte insonne :-) in cui mi sono spremuto le meningi in cerca di "cosa" questa nuova calandra "a cascata" mi ricordasse, ecco finalmente l’illuminazione: un bel paio di MUTANDE!!! Guardare link per credere: https://pannolinofelice.files.wordpress.com/2012/06/mutanda-bimbo-bianca.jpg Diciamo anche che questa nuova i30 (e le prossime future Hyundai tutte, se manterranno questa calandra-mutanda come family feeling) potrebbe benissimo essere l’auto adatta per "Er Mutanda", alias l’attorucolo di quart'ordine Antonio Zequila che imperversava qualche annetto fa in trasmissioni più o meno trash. Dopo queste alte annotazioni tecniche, posso dire solo di augurare a questa i30 di vendere anche solo la metà di quanto non stia già facendo la Tipo qui in Italia (peraltro ancora priva della variante sw) e probabilmente di quanto farà anche nel resto dell’Europa occidentale.
     Leggi risposte
  • Senza astio e senza volontà di critica ad ogni costo, ma - a parer mio - questa macchina non sa di niente.
  • Anche nel settore auto i coreani incominciano a dare fastidio a marchi europei in casa loro.
  • L'ultima i-30, uscita solo 4,5 anni fa, non ha venduto in eu più della precedente nonostante una linea molto personale e quasi sportiva. Ormai un marchio come hyundai se vuole fare numeri e auto "belle" e non svendute deve puntare solo sui suv che è l'unico segmento in eu dove hanno veramente sfondato. Cmq vedremo come la posizionano l'attuale i-20, che pare meno "dimessa di questa", ha prezzi reali molto alti per il segmento B paragonabili solo a quelli di polo tra le non premiummm.....
  • son tornati i tempi delle coreane urfide come lacetti o cerato. Mamma mia che passo indietro! e poi ci lamentiamo della tipo o addirittura della megane
  • Il segmento non è più un luogo dove osare e sto design iper-conservativo non mi sorprende. Nei Suv ci provano molto di più e devo dire alcuni non sono niente male, penso alla Tucson, poi però si fanno anche pagare.....Se questa i30 la vendono "giusta", con un prezzo correlato all'immagine....potrebbe anche far dei numeri.
     Leggi risposte
  • Sembra una specie di Fiat Tipo dei "ricchi". Pratica, funzionale, non dà nell'occhio.. Qualità dove serve, ma senza esagerare. E comunque, con le altre concorrenti che ci sono in giro (308, A3,ecc.) i tedeschi dovranno fare una Golf veramente brutta per non sbancare il mercato.
     Leggi risposte
  • quando ero bambino fiat deteneva più del 50% del mercato (bei tempi), esclusa alfa che era dell'iri. oggi, con alfa, molto meno perché sono arrivate auto come questa: ma ne è valsa la pena? è migliorata la qualità del prodotto che ci viene complessivamente offerto dai costruttori che vendono in italia. è un veicolo che va al di là della bruttezza: è l'indifferenza su 4 ruote. se dicessi a chiunque che ho avuto una ritmo, tutti saprebbero di cosa sto parlando. ma tra 10 anni chi ricorderà questa vettura? chi avrà ben chiara la sequenza di aggiornamenti che ha subito?
     Leggi risposte
  • Evidente l'ispirazione a Peugeot 308
  • Scusate la banalità e la superficialità, ma non riesco a dire niente di più di "cribbio, come gli è venuta male!"
  • A occhio questa nuova calandra con svasatura "morbida" ai lati ("a cascata"... mah!!!) mi ricorda parecchio, ma capovolta, la nuova faccia delle Infiniti ultime arrivate (Q30 e Qx30). Diciamo che i marchi asiatici non si distinguono mai per originalità nonostante abbiano spesso a capo chief designer europei, ma tant'è.... magari si lasceranno contagiare dall'ambiente asiatico e dall'andazzo decennale... Non malaccio comunque gli interni. Piuttosto quel che continua a sorprendermi di questi marchi coreani è la rapidità con cui procedono nel rinfrescare o sostituire proprio del tutto, in brevissimo tempo, intere gamme...
  • Hyundai lancia la sfida: provate a parcheggiarla e successivamente a ritrovarla
     Leggi risposte
  • Veramente anonima, un salto indietro rispetto alla precedente.