Nuovi Modelli

Audi RS 3
Svelata la nuova generazione della sportiva

Audi RS 3
Svelata la nuova generazione della sportiva
Chiudi

La corsa all'elettrico non si ferma: eppure, in casa Audi c'è ancora posto per una sportiva senza batterie. Si tratta della nuova RS 3, che debutta in versione quattro e cinque porte (Sedan) confermando il cinque cilindri e introducendo novità di spessore dal punto di vista della trasmissione e del telaio. Gli ordini si apriranno ad agosto, con consegne previste in inverno e prezzi a partire da 60.000 euro in Germania. 

2021-Audi-RS-3-04

Più larga e più aggressiva fuori e dentro. La RS 3 è la punta di diamante della attuale gamma della A3, nota internamente con il codice 8Y. La formula è collaudata e prevede soluzioni tecniche ad hoc, una caratterizzazione stilistica e un’aerodinamica dedicate: elementi che rendono la vettura subito riconoscibile anche rispetto alla S3 già in commercio. I paraurti e il single frame sono specifici, inoltre sono di serie i gruppi ottici a Led anteriori e posteriori. Sui passaruota anteriori è presente uno sfogo d'aria e la carreggiata è stata allargata di 33 mm, contro i 10 mm extra sull'asse posteriore. Di serie sono previsti cerchi di lega da 19", mentre in opzione, per la prima volta, ci sono i pneumatici semi-slick firmati Pirelli. Per la RS 3 sono disponibili due tinte esclusive denominate Kyalami Green e Kemora Gray, sulla berlina abbinabili anche al tetto nero lucido. A richiesta ci sono anche l'Alu-Optic Trim ed elementi esterni in CFRP a vista. Gli interni offrono di serie il Virtual Cockpit da 12,3 pollici con grafica RS e l'infotainment da 10,1 pollici con RS Monitor, mentre in opzione è possibile aggiungere l'head-up display con luci di cambiata. Il volante RS Sport ha la base piatta e il pulsante dedicato dell'RS Mode per richiamare le modalità di guida più sportive. 

400 CV e 500 Nm per 290 km/h. Il cuore della RS 3 rimane quello già apprezzato nelle serie precedenti, ovvero il 2.5 TFSI 5 cilindri turbo. Contrariamente alle previsioni, la potenza è rimasta ferma a quota 400 CV, ma la coppia è cresciuta fino a 500 Nm ed è migliorata ulteriormente la risposta, nonostante le restrizioni sempre più rigide imposte alle emissioni. La coppia è cresciuta di 20 Nm ed è disponibile in maniera costante da 2.250 a 5.600 giri, mentre il limitatore è fissato a quota 7.000. Il cambio è l'automatico Dsg a sette marce abbinato alla trazione integrale e le prestazioni sono di livello assoluto: 3,8 secondi per toccare i 100 km/h e 250 km/h di velocità massima autolimitata. In opzione è possibile alzare questo valore a 280 km/h, mentre l'RS Dynamic Package con i freni carboceramici da 380 mm (con peso ridotto di 10 kg) permette di salire fino a 290 km/h. Anche l'impianto frenante di serie è stato potenziato: ora adotta dischi anteriori da 375 mm e posteriori da 310 mm e un sistema di raffreddamento con portata d'aria incrementata del 20%. 

Debutta l’RS Torque Splitter. La trazione integrale quattro è l'elemento caratterizzante della nuova RS 3. Si tratta infatti della prima applicazione del nuovo RS Torque Splitter, ovvero del differenziale posteriore con frizioni multidisco che consentono di gestire il Torque Vectoring sull'asse. In questo modo, è stato possibile ridurre drasticamente il sottosterzo; inoltre, è stato creato un programma di guida denominato RS Torque Rear che agisce come un vero e proprio Drift Mode. A chi, invece, vuole il massimo delle prestazioni in pista è dedicato l'RS Performance Mode, che combina motore, cambio e trasmissione per rendere la vettura più neutra ed efficace possibile. Queste due nuove modalità fanno parte dell'Audi Drive Select insieme a quelle già note: Comfort, Auto, Dynamic ed RS Individual. Le sospensioni RS Sport Plus a controllo elettronico sono offerte in opzione e prevedono tre profili di funzionamento, mentre tutte le varianti hanno di serie l'assetto ribassato di 10 mm con nuovi angoli caratteristici e carreggiate allargate. Per ottenere il camber negativo sono stati modificati e rinforzati diversi componenti chiave delle sospensioni; in più, anche il servosterzo progressivo è specifico per questa versione. Tutti gli elementi della dinamica del veicolo sono infine gestiti da un nuovo computer dedicato: si tratta dell'mVDC, che sincronizza l'intervento di ogni singolo elemento per rendere più agile e reattiva la vettura.

COMMENTI

  • In famiglia abbiamo una RS4 B9 pre restyling. Al di là dei difetti (rispetto alle mie predilette AMG), forse è l'ultima RS dall'aspetto accettabile (ovviamente secondo me). Temo che la nuova RS4 seguirà la china della nuova RS3 del servizio: linee sempre più tese, spigolosa, molto 'Lambo' o Civic Type R. Molti adorano queste linee, a me non vanno proprio giù. Per il resto, la trazione QUATTRO, nel suo complesso, non ha rivali. Soprattutto in caso di pioggia o neve.
     Leggi le risposte
  • Sarebbe curioso sapere quante ne hanno vendute in EU di nuove A3 rispetto alla serie precedente. Non se ne vedono quasi piu' in giro. Da una parte non e' riuscitissima e dall' altra il costo spropositato che la colloca su prezzi superiori alla precedente A4. Che abbiano sbagliato tutto all' Audi questa vola con la loro best seller ?
     Leggi le risposte
  • quel paraurti davanti dire che è tamarro è poco
  • La brutta copia di una macchina da manga giapponese
  • Davvero sportivissimo il terrazzino a sbalzo sull'anteriore. Peccato, perché il motore sembra molto valido.
  • ma è mild-(finta)-ibrida?
  • ha le stesse prestazioni( almeno fino a certe velocità) di macchine che costano 30.000 o 40.000euro in più come Giulia QV o BMW M 3
     Leggi le risposte
  • bene molto bene, w il motore a benzina per le sportive. Se l'elettrico sarà per tutti i giorni, queste spertive devono continuare ad andare a benzina! evviva
  • 60 mila euro per un auto con plastiche rigide senza legno pelle bianca e nera e beige e con solo un po’ di inserti in fibra di carbonio?ci compro L Audi a 6 standard a questi prezzi
     Leggi le risposte
  • Quindi che senso ha farla se la corsa all'elettrico non si ferma?