Nuovi Modelli

Aston Martin Valkyrie
Prodotto il primo esemplare della hypercar

Aston Martin Valkyrie
Prodotto il primo esemplare della hypercar
Chiudi

L'Aston Martin ha presentato il primo esemplare definitivo della Valkyrie, pronto per essere consegnato ad un cliente. È stata infatti avviata la produzione dei 150 esemplari previsti della hypercar sviluppata in collaborazione con la Red Bull Racing e, per l'occasione, la Casa ha anche diffusi i dati tecnici ufficiali aggiornati.

1.155 CV dal V12 ibrido. La biposto ispirata alla Formula 1 adotta un V12 6.5 aspirato da 11.100 giri minuto abbinato ad un motore elettrico, per un totale di 1.155 CV e 700 Nm. L'aerodinamica riveste un ruolo chiave nel progetto, perché tutto il design della vettura è stato studiato in funzione della downforce: la versione stradale della Valkyrie è capace di 1.400 kg di pressione aerodinamica a 240 km/h. La livrea mostrata nelle immagini del video (clicca qui sotto) riprende quella della monoposto di Vettel e Stroll impegnata nel mondiale di Formula 1, che quest'anno ha visto il debutto della Casa di Gaydon.

Dopo la coupé la spider e la AMR Pro da pista. La Valkyrie avrà una vera e propria gamma: alle 150 coupé si affiancheranno infatti 85 esemplari della Spider svelata a Pebble Beach. Per chi invece ha intenzione di guidare solo in pista la propria hypercar, sarà possibile acquistare uno dei 40 esemplari della Valkyrie AMR Pro, privata dell'ibrido, per "soli" 1.000 CV di potenza, e non omologata per l'uso stradale: qui aerodinamica e grip sono spinti al limite per raggiungere i 3 g di accelerazione laterale. Per i clienti di questa variante racing sono anche previsti eventi in pista dedicati. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Aston Martin Valkyrie - Prodotto il primo esemplare della hypercar

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it