Nuovi Modelli

Aston Martin Valkyrie
1.000 cavalli (senza ibrido) per la AMR Pro

Aston Martin Valkyrie
1.000 cavalli (senza ibrido) per la AMR Pro
Chiudi

L'Aston Martin presenta la Valkyrie AMR Pro, una variante estrema non omologabile per l'uso su strada che affianca la hypercar inglese ormai prossima all'avvio delle consegne. La Casa di Gaydon è impegnata su questo progetto dal 2018, grazie alla collaborazione nata con la Red Bull Advanced Technologies e Adrian Newey, e allo stesso tempo sta lavorando a una terza versione, frutto della collaborazione con la Multimatic, che correrà nella nuova categoria LMh alla 24 Ore di Le Mans. 

3 g di accelerazione laterale in pista. La Valkyrie AMR Pro non deve sottostare a nessun regolamento tecnico ed è, quindi, la rappresentazione più estrema delle potenzialità di questo progetto: tuttavia, la vettura nasce comunque dal modello da competizione non ancora svelato al pubblico. Rispetto al modello stradale, le modifiche sono radicali, con un allungamento di 380 mm del passo, di 96 mm delle carreggiate anteriori e di 115 mm di quelle posteriori. Il pacchetto aerodinamico prevede appendici totalmente ridisegnate, che allungano la vettura di ben 266 mm: queste soluzioni, insieme al nuovo fondo, consentono di superare i 3 g di accelerazione laterale utilizzando gomme slick.

1.000 CV senza ibrido. Il motore è il già noto V12 aspirato da 6.5 litri, sviluppato dalla Cosworth, che però sulla AMR Pro è privo della parte ibrida, per ridurre il peso. L'unità è capace di raggiungere gli 11.000 giri, mentre la potenza massima è di circa 1.000 CV. La riduzione della massa totale ha portato anche alla scelta di realizzare in carbonio sia la carrozzeria sia i bracci delle sospensioni. Inoltre, per contenere il peso, tutti i vetri sono sostituiti da elementi in Perspex. Con simili soluzioni e con valori di downforce da Formula 1, la vettura ha ottenuto nelle simulazioni un tempo sul giro a Le Mans di 3 minuti e 20 secondi, paragonabile a quello delle attuali LMP1. 

Un programma di trackday dedicato. La Valkyrie AMR Pro sarà prodotta in 40 esemplari e le prime consegne sono previste per la fine del 2021. I clienti entreranno a far parte di un programma di eventi che si terranno nei più famosi circuiti del mondo omologati dalla FIA, durante i quali potranno contare su un team di tecnici ed istruttori che li aiuteranno a sfruttare al meglio le potenzialità della vettura. Lo sviluppo dei due prototipi previsti sarà portato avanti sfruttando anche la collaborazione dei due piloti titolari dell'Aston Martin Cognizant Formula One Team, Vettel e Stroll. 

COMMENTI

  • Se omologata solo per circuiti va anche bene, spero che non lo sia anche per strade normali....