Nuovi Modelli

Lancia
Il ceo Napolitano conferma la Delta

Lancia
Il ceo Napolitano conferma la Delta
Chiudi

Luca Napolitano, ceo di Lancia, conferma in un’intervista rilasciata alla rivista specializzata Automotive News Europe le indiscrezioni pubblicate da Quattroruote l’11 ottobre 2021: dal 2024 al 2028, la gamma si articolerà su tre modelli (tutti nuovi), tra cui spiccherà una reinterpretazione del mito della Delta.

Sarà berlina due volumi. In quel servizio, il nostro disegnatore, Marcelo Poblete, l’aveva immaginata come una crossover sportiva, più vicina a una berlina rialzata che a una Suv, con linee contemporanee e alcune suggestioni stilistiche del modello originario del 1979, specialmente nella forma caratteristica del montante C. Napolitano, nell’intervista al magazine americano, la definisce genericamente un’hatchback, cioè con carrozzeria berlina due volumi. Data d’arrivo, 2028. La nuova Delta sarà, infatti, l’ultimo dei tre modelli ad esordire.

Crossover al top. Gli altri due prodotti, come avevamo scritto, sono l’erede della Ypsilon (il primo ad arrivare, nel 2024), nonché l’unico a essere offerto anche con motorizzazioni endotermiche (la base è la piattaforma Cmp dell’ex gruppo PSA); poi, nel 2026, sarà la volta di un’ammiraglia. A proposito di quest’ultima, il ceo della Lancia ha rivelato che si tratterà di una "compact crossover". Chiaro che, detto così, pare in contraddizione con l’idea di ammiraglia. In realtà quel "compact" è da intendersi più all’americana e quindi allude a un veicolo a ruote alte di taglia medio-grande. Presumibilmente, attorno ai 4 metri e 60 centimetri. Internamente, la vettura è nota come Aurelia e non è del tutto escluso che mantenga questa denominazione anche nella versione di serie.

Sinergie industriali. Naturalmente, la chiave per poter rilanciare il glorioso brand italiano è la condivisione di componenti e tecnologie all’interno del gruppo. Quindi, se l’erede della Ypsilon nascerà, come si accennava prima, sulla piattaforma multi-energia Cmp, che oggi dà i natali ad auto come le Peugeot 208 e 2008 e che combina un’offerta di propulsori a benzina, gasolio ed elettrico puro (sulla variante e-Cmp), sia la crossover di punta sia la riedizione della Delta prenderanno le mosse dalla futura architettura Stla per vetture medio-grandi a trazione 100% elettrica. Il lancio della nuova gamma coinciderà anche con il ritorno del marchio sui mercati europei, dai quali è assente dal 2017. I primi saranno quelli di Austria, Belgio, Francia, Germania e Spagna, nel 2024.  

COMMENTI

  • Ed intanto le tedesche e tra un pò pure i brand cinesi esultano ed invadono l'Europa..
  • Si segnalano assembramenti di aficionados della Delta presso le concessionarie per prenotare la Edition ONE che sarà disponibile in serie limitata il 31-02-2028!
  • Che cosa sei, che cosa sei, che cosa sei, cosa sei Non cambi mai, non cambi mai, non cambi mai, proprio mai Adesso ormai ci puoi provare Chiamami tormento dai, già che ci sei Caramelle non ne voglio più Le rose e i violini Questa sera raccontali a un'altra Violini e rose li posso sentire Quando la cosa mi va, se mi va Quando è il momente E dopo si vedrà Parole, parole, parole Parole parole, parole Parole, parole, parole Parole, parole, parole Parole, parole, parole Soltanto parole
     Leggi le risposte
  • Oggi la NASA ha rinviato il ritorno sulla Luna al 2025.
  • Ma perché non nel 2038, così si ha più tempo per progettarla?
     Leggi le risposte
  • penso sia inutile ribadire quanto già detto da tutti!!!!
  • HA Ha ha ... chissà come sarà il mondo nel 2028 ! Magari non esisterà piu neppure Stellantis ... povera vecchia Delta! Un pò di rispetto ...
  • Ma che li fanno a fare annunci di questo tenore? Valgono meno della carta (digitale) su cui li scrivono! Ne avesse rispettato uno solo di piano industriale, FCA. Vero, adesso è tutto diventato Stellantis, comandano i francesi, ma dubito fortemente che sparate di questo tipo abbiano poi conseguenze reali.....
  • Ma tanto, annunciare già da ora che sarà (sempre che la previsione si avveri) solo elettrica, fa già diminuire di molto l'entusiasmo per una "Lancia Delta" e la si immagina già come una delle tante.... fatte con lo stampino di PSA.
  • La prossima Lancia Delta arriverà nel 2028. Promesso, eh?!
  • Fate le vostre considerazioni, tenendo conto di quanto era stato "promesso" per Alfa Romeo nel piano produttivo presentato nel giugno 2018 a Balocco. Dal 2018 al 2022 erano previste alcune novità, anche nella versione PHEV con la propulsione ibrida Plug-In. Oltre alle nuove sportive GTV ed 8C, erano in programma il restyling di metà carriera per Giulia e Stelvio, un SUV compatto ed uno di grandi dimensioni. Per quanto riguarda la Giulietta, si prevedeva un rinnovamento dal punto di vista stilistico e tecnologico del modello.
     Leggi le risposte
  • Continuo a pensare che in Italia la Lancia avrebbe dovuto "assorbire" DS che in tutta Europa vende meno del marchio Torinese (pur presente solo nel nostro paese e con un'auto datata). E' evidente che su DS Stellantis investe parecchio, ma visti i numeri credo che da noi quelle auto, adattate al marchio Lancia, avrebbero ben altro mercato.
  • Ma è un derby a chi la tira più grossa? Perché a parte le interviste stratosferiche, ancora non s’e’ visto un nuovo modello “ italiano” del gruppo stellantis . Sembra un po’ com diceva la Sora Lella: “ Aho’ ma non c’è staranno a piglia’ pel c… ? “
  • Ma ha logica commentare "articoli" scientemente tirati sù da editore in evidente debit di ossigen?
     Leggi le risposte
  • Perché non lanciare una Lancia ogni anno olimpico ?
  • Altro articolo che gioca sulla nostalgia acchiappa-click. Nel 2028 Napolitano sara' in pensione o altrove e chi arrivera' dira' che adesso e' tutto diverso.
  • Si vabbè, 2028. Mi sembra una sparata in pieno stile Marchionne e, d'altronde, la fa uno che viene da quell'ambiente
  • Dicono uscirà la nuova Thema nel 3000
     Leggi le risposte
  • Allora ... 2028 ... se mi dite anche il mese, il giorno e soprattutto ... l’ora, me lo segno! Che poi mi scordo!
  • Finché si annuncia la nuova Y per il 2024 siamo nella norma ma parlare di un modello nuovo da lanciare tra 7 anni mi sembra una mezza presa per i fondelli. Per carità magari l'intenzione c'è ma dato che ci vogliono circa 4 anni per progettare e realizzare un nuovo modello d'auto mi pare che i conti non tornino. Poi c'è questa storia che i futuri modelli Lancia e Alfa Romeo saranno solo elettrici che non mi convince per nulla. Mercati fondamentali come gli Stati Uniti tanto per fare un esempio non si sognano nemmeno lontanamente di bandire per legge i motori endotermici quindi che vogliono fare in Stellantis rinunciare a questi mercati?
  • Non voglio difendere nessuno, però riorganizzare un gruppo con cosi tante case, diversificando i prodotti, necessita di tempo, specie per capire cosa si ha (modelli, stabilimenti, ecc) e dove e come è meglio produrre. Alla luce di questo, penso, siano dovuti questi tempi biblici; capisco che occorre tenere viva l'attenzione della gente, ma "pubblicità" cosi rischiano l'autogol. Forse un bel silenzio sino a quando i piani industriali non sono pronti e presentati, sarebbe stato più gradito da tutti
  • Se il futuro dei marchi del gruppo si deciderà dopo una decade è chiaro che Lancia è già segnata visto che verranno lanciati 3 modelli da qui a 7 anni!! Veramente senza senso parlare di una macchina che dovrà uscire tra 7 anni. Continuano i piani industriali costruiti a slide.
  • Mi unisco al sentiment degli altri commenti, i tempi son troppo lunghi: come si può sopravvivere altri quattro anni abbondanti con un solo modello? Perchè tante rievocazioni del glorioso passato del marchio per arrivare tra sette anni ad una gamma di soli tre modelli? Dico ancora di più perchè scomodare il capo del design del Gruppo Stellantis per così poco?
  • Così presto???? La fretta fa i gattini ciechi... Meglio prenderla sul ridere perché la realtà è imbarazzante.
  • Tutto tanto bello, ok la ypsilon 208 ultima sia bev che ice, ok una "ammiraglia" aurelia crossover medio sui 460, ok un deltone bev... Io ci avrei fatto anche un buv ma ne hanno già troppi in gamma. Quello che secondo me è veramente ridicolo sono i tempi.. Mai sentito annunciare un'auto 7 anni prima.. Delta 2028 ok che come immagine non ha nulla da perdere però.
  • Si può già ordinare vero??????????????? MAddaiiiii, è vergonoso perdere una marca come la Lancia mentre dalla Corea non solo Hyundai ha fatto passi da gigante, ma sforna delle ottime Genesis che ormai occupano un posto nelle marche premium negli Usa e Cina. Che gestione pietosa ... :(((
  • Ma fare meno dichiarazioni e progettare di più. E fino al 2028 ypsilon in tutte le salse: al pesto, alla carbonara e alla matriciana saranno le versioni speciali stanno finendo i nomi della serie speciali. Napolitano sveglia questa auto andava presentata nel 2018 arrivate 10 anni dopo. Auguri!!!
  • Tesla Motors creata nel 2003 partendo dal nulla presenta la model S 6 anni dopo. PSA acquista Opel nel 2017 e dopo 4 anni, compreso un 2019 perso per Covid, sforna la nuova Astra. E ora ci vogliono 7 anni per una Delta avendo la piattaforma e tutta la componentistica. Mais c'est pas posssible!
     Leggi le risposte
  • Poi sarà acquistata o farà numeri da Giulia:che tutti lodono la tenuta di strada,guidabilità al vertic ma poi non la acquistano ?
  • Ma non capisco perché non possono utilizzare la piattaforma del 500 elettrica per coprire questo periodo?
  • Copiando la Timberg, si può dire senza timore di smentita che in Stellantis sanno fare solo del bla-bla-bla, anzi sono i migliori.
  • Una DELTA eletrica potrebbe essere a seduta alta, immagino io. Non necessariamente un SUV, ma una sorta di Polestar. La grossa berlina mi sembra possa avere numeri piccoli, come li avrebbe un'eventuale Alfetta. Scusate ma io sono per SUV e Specialties.
     Leggi le risposte
  • 2028... Tra... sei anni, mi pare un annuncio senza senso considerato che non si sa quale sarà il futuro dell'automobile da qui ad un paio d'anni. Possibile che le altre case sfornano più modelli ogni anno e l'Ex FCA è ormai ferma da anni con modelli datati e peraltro con una politica di vendita incomprensibile, specialmente per i listini FIAT dove ci sono modelli e motori che scompaiono per poi ricomparire dopo un mese (vedasi 500 L Wagon). L'unica media del marchio, la Tipo, ha un solo motore a benzina da 1.000 cc con un cambio a 5 marce, eppure in casa hanno il 1.300 che forse sarebbe preferibile per la Wagon. Fortunatamente hanno mantenuto in listino i due diesel, almeno quelli per ora consentono di vendere qualcosa, ma ancora per poco considerato che comprare un diesel ora è diventato un azzardo. Panda e 500 sono le uniche che fanno entrare qualche euro in cassa, ma bisognerebbe pensare ad un rinnovo, e non tra 5/6 anni. Alfa Romeo ormai sforna solo serie speciali, imbellettando modelli ormai datati. Lancia... lasciamo perdere. Forse sbagliano tutte le altre case automobilistiche a continuare a mettere sul mercato nuovi modelli? Vedremo...
     Leggi le risposte
  • 2028!!!
  • 2024, 2026, 2028, per quel tempo Napolitano quasi certamente non sarà più nel posto che ricopre oggi, mentre l'attuale Y, che già ha mostrato una longevità sorprendente, difficilmente reggerà ancora per 3 anni. Quindi, il marchio Lancia probabilmente scomparirà dal mercato prima che questi signori ne rilanceranno le ambizioni. ....... Allora, perchè non fare subito una B_Suv derivandola da Mokka e sorelle??? Potrebbe raccogliere l'eredità della Musa che ebbe un discreto successo, e soprattutto manterrebbe Lancia sotto i riflettori mediatici...
     Leggi le risposte